Password Dimenticata?
Massa e dintorni ....in Corso
In edicola Agorà. Ciao Rosetta. Aiutiamo il parco marimno a trovare chio ha versato carburante in mare. Sabato inaugurazione dell'Infopoint a Sant'Agata. Le manifestazioni di Fine anno della Bozzaotra. Sabato Tarantella Show a Sant'Agata. A Massa fine maggio con l'Arcivescovo.
La frase di oggi.
In amore non vince nessuno, ci si ama e basta. Se c’è qualcuno che deve vincere o perdere, allora non è amore.
Pubblicità
Il vangelo del Giorno
Il Vangelo di Oggi

 

Lello Acone - un innamorato di Massa Lubrense

L'amore che Raffaele Acone, per gli amici Lello, nutre per la propria terra, Massa Lubrense, ha dato vita già da alcuni anni a questo progetto. Tanti sono gli argomenti che ruotano intorno al nostro bel paese di cui discutere. Lo sport e la politica, la scuola ed il commercio, quello che accade per le strade di Massa e quello che dice la gente sono solo alcuni dei temi che ci stanno a cuore.

Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! (John F. Kennedy)

Agenda del Giorno
Buongiorno amici. Oggi è il 29 maggio ed ì mercoeldì. Il tempo a Massa si prevede molto nuvoloso, temperature comprese tra 15°e 18° vento che soffia a 24 km/h da ovest ed umidità al 79%. Il sole sorge alle 5 e 34 e tramonta alle 20 e 26 mentre la luna, calante, 94% sorge alle 3 e 09 e tramonta alle 15 e 15 Oggi si festeggia San Paolo VI Papa E stamattina i nostri auguri di Buon Onomastico a Chi porta questo bel nome ed a seguire i nostri auguri di Buon Compleanno che oggi vanno agli amici Erika Balduccelli, Marina Buonocore, Tina Mandiello, Michele Gargiulo, Enrico Mosiello e Francesco Vingiani che compiono gli anni. Buon Compleannno amici e che possiate trascorrere una lieta giornata circondati da chi Vi vuol bene.
Il nostro Libro degli Ospiti
In edicola Agorà. Ciao Rosetta. Aiutiamo il parco marimno a trovare chio ha versato carburante in mare. Sabato inaugurazione dell'Infopoint a Sant'Agata. Le manifestazioni di Fine anno della Bozzaotra. Sabato Tarantella Show a Sant'Agata. A Massa fine maggio con l'Arcivescovo.
Bello ricordo Archeoclub di Don Mario Romano


Bello il ricordo pubblicato sulla pagina Facebook del nostro Archeoclub a firma del presidente Stefano Ruocco dell'indimenticato Curato di Marciano Don Mario Romano che tanto su prodigò per i Suoi parrocchiani e non solo e che è riapparso  tra i miei ricordi di bambino quando celebrava nella cappellina del Cerriglio ed io andavo a fare il Chierichetto. Che nostalgia, grazie Archeoclub, grazie Stefano, questo il post:

DON MARIO ROMANO: Il Prete cacciatore
Chi si immagina che ci accingiamo a ricordare un tranquillo prete di campagna si sbaglia di grosso. Don Mario, all'anagrafe Mariano Romano, più che un prete fu un vero terremoto che riuscì a scuotere profondamente un’intera comunità parrocchiale, quella di Marciano, fino a quel momento vissuta in una condizione di semi isolamento.
Quando si insedia, a Marciano, infatti, non vi giunge neppure una strada rotabile e si preferisce arrivarci via mare, quando le condizioni meteo-marine lo consentono. Il primo obiettivo di Don Mario fu proprio quello di far realizzare quella strada rotabile, la San Liberatore-Marciano, fino ad allora rimasta solo nelle intenzioni degli amministratori, e mai diventata neppure progetto. Iniziava così dalla sua canonica una fitta corrispondenza con Ministri e Politici di ogni livello da Massa, a Napoli e Roma, e soprattutto con Silvio Cava col quale instaurò rapporti di stima ed amicizia.
I tenaci ed incisivi tentativi non andarono a vuoto: nel 1961 Marciano non è più isolata, la strada, anche se ancora in terra battuta, giunse fino al piazzale soprastante la chiesa. Don Mario, a questo punto, decide di prendersi la patente di guida e, approfittando di un’offerta particolarmente vantaggiosa della casa automobilistica, acquista anche una FIAT 600: Diventerà la macchina parrocchiale, più che quella personale, perennemente lasciata aperta con le chiavi nel cruscotto, parcheggiata a monte della chiesa.
Intanto continuava a coltivare la sua innata passione per la caccia e, all'occorrenza, anche per la pesca. Appena aveva un momento libero, accompagnato dal suo fedelissimo cane Bijoux (più che un cane una persona a quattro zampe) imbroccata la scoppetta e andava a tentare - contento dello scarso successo - di impallinare qualche volatile al San Costanzo. Spesso si recava anche da una sua sorella ai piedi del Matese in quel di Alife (CE), dove non mancavano uccelli di ogni sorta, in compagnia di amici e parrocchiani.
La sua giornata era sempre frenetica, e si svolgeva, più che nella canonica, prevalentemente nella vicina dimora della famiglia Maggio del suo buon amico Liberato. Li pranzava, magari ospitava anche fedeli o conoscenti e programmava le iniziative parrocchiali come la “scuola mista” nei locali della chiesa, il “corso di cucito”, la stampa del bollettino parrocchiale, e tante altre attività che animavano l’intera comunità marcianese, ormai divenuta una parrocchia all’avanguardia per quei tempi.
Accanto alla sua opera pastorale, Don Mario si distinse anche per l’azione politica, esponendosi spesso e volentieri nelle campagne elettorali (cosa che gli procurò non pochi problemi). Mise a frutto anche le sue capacità manageriali valorizzando molti dei terreni posseduti dalla parrocchia tra il mare e la collina, che non rendevano molto. Sfruttando il momento favorevole di sviluppo turistico della località, pensò di affidare alcuni di quei terreni a dei turisti facoltosi affinché vi edificassero delle residenze estive: residenze che sarebbero poi diventate proprietà della parrocchia dopo un periodo di tempo concordato (insomma una sorta di 'project financing' ‘ante litteram’). Tale scelta ha portato dopo alcuni decenni a moltiplicarne enormemente il valore di quei suoli grazie agli immobili realizzati. Purtroppo, alcuni di essi sono stati poi incamerati dalla Curia, privando di fatto i Marcianesi di beni a loro destinati.
Don Mario ha lasciato una traccia indelebile non solo nella comunità di Marciano, ma anche nelle altre parrocchie, dove era accolto e amato da tutti, ed ancora oggi molti lo ricordano con simpatia, affetto e gratitudine per quanto di buono ha seminato. Ma dove ha inciso profondamente è tra i giovani, diventando un autentico baluardo a difesa delle loro prerogative. Basta rileggere i suoi articoli sul periodico “La Trocola”: “Premetto, e tutti lo sanno, chi io sono stato e sarò sempre con i giovani e per i giovani...” … “… stroncare ogni loro buona iniziativa per il solo capriccio personale, con la scusa di gioventù incantata ed inesperta, non è forse la forma più sottile di criminale superbia umana?" … “Il futuro è nelle loro mani, e quanto più impediamo di prepararselo tanto più scaviamo tra noi e loro una fossa che, presto sarà la nostra anticipata sepoltura”. Parole che non lasciano adito ad alcun dubbio circa l’amore e l’attenzione che questo grande prete rivolse al mondo giovanile, che, a quei tempi, come oggi, trovava mille difficoltà per affermarsi.
Resse quella parrocchia per parecchi anni fino alla sua scomparsa avvenuta l’8 aprile del 1976. Ci lasciò a causa di una grave forma di flebite alla gamba sinistra, la cui cura aveva trascurato e rimandato continuamente, pur di non mancare di celebrare le Sante Messe in tutto il comune o partecipare - a costo di sofferenze inaudite - a lunghe ed estenuanti processioni. Tre mesi prima, il 28 gennaio aveva compiuto 64 anni.
Grazie Don Mario!
S.R.


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Oggia Sorrento diario Viaggio Cina di PadrePollio


Stasera  a Sorrento nella Chiesa dei SS. Felice e Baccolo interessantimo incontro sull'esperienza del Viaggio in Cina di padre Pollio. L'incontro è curato dagli amici  Don Saverio Casa, Gennaro Galano ed Aldo Terminiello.
Presente in sala l'Arcivescovo Alfano
Siamo tutti invitati


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il Massa calcio vince ed è capolista

Il Massa calcio di Mister Aiello e capitan d’Esposito  ottiene sabato in casa la seconda vittoria consecutiva battendo per 5 a 2 l’arcigna Barrese con reti di Vito Volpe, Giuseppe Marino, Ciro Vacca, Roberto Balduccelli e Liberato la Via e dopo due sole gare è già da sola in testa alla classifica (clicca qui per la classifica aggiornata).

Da queste pagine i nostri complimenti alla nostra Società che dopo la rivoluzione estiva con l’innesto di nuovi elementi nei vari reparti sapientemente modulati dal mister fa già sognare i tifosi, tanti in tribuna sabato

Uniti si vince e si sta lontani dalla droga e dall'alcol!
di Utente non registrato, 15/10/2019 - 09:19


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Operazione Capitaneria contro i predatori del mare

NON MANGIARTI IL FUTURO, DICI NO AI DATTERI DI MARE!

Vasta operazione della CapitaNeria Di porto-Guardia Costiera contro i predatori del mare eseguita in alcuni ristoranti della zona vesuviana dove sono stati trovati piatti contenenti frutti di mare proibiti. A seguire e tratto dalla pagina facebook dell'Area marina protetta il comunicato della Guardia Costiera:

Trovati con le mani nel piatto, e nel piatto i datteri di mare!
Vesuvio Fish! Questo il nome della vasta operazione condotta ieri sera dalla Capitaneria di Porto. Controllati molti ristoranti dell'area vesuviana. In uno, noto, tra Poggiomarino e San Giuseppe Vesuviano, trovati datteri in un piatto servito, pronti ad essere consumati crudi. Numerose le altre infrazioni rilevate. Indagini condotte anche attraverso i social, seguendo profili e foto per individuare consumatori ed esercenti.
Complimenti agli uomini e alle donne della Guardia Costiera.
Non mangiarti il futuro! Dici NO ai datteri di mare!
Di seguito il comunicato della Capitaneria di Porto.

Prosegue incessante l’attività di indagine sul territorio della Guardia Costiera finalizzata a perseguire e reprimere l’illecita commercializzazione e detenzione delle “Vongole di Rovigliano” e dei Datteri di Mare, attività posta in essere dai componenti di una vera e propria organizzazione dedita al fenomeno criminis della pesca di frodo ed il commercio della specie protetta dattero di mare - Litophaga – litophaga.
Nella serata di ieri i militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Castellammare di Stabia, sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Napoli, hanno passato a setaccio ristoranti e risto-pescherie dei comuni vesuviani, San Marzano Sul Sarno, Poggiomarino, San Giuseppe Vesuviano, Ottaviano, Boscoreale, Boscotrecase, etc. al fine di tutelare la salute dei consumatori e verificare il rispetto delle norme in materia di tracciabilità e rintracciabilità del prodotto ittico, focalizzando l’attenzione circa la commercializzazione delle “Vongole locali di Rovigliano” che recenti analisi le hanno accertate contaminate da inquinanti di origine fecale oltre che ben più grave da contaminanti di matrice chimica come metalli pesanti, metalli non normati, idrocarburi, piombo, zinco etc. e dei “Datteri di Mare”, prezioso mollusco bivalve della specie protetta Lithophaga – lithophaga, la cui pesca e consumo sono vietati da norme comunitarie e nazionali, in quanto per poterli raccogliere ne comporta la frantumazione a martellate della roccia con conseguente devastazione delle coste ed alterazione dell’ecosistema marino tutto.
I militari hanno controllato diversi ristoranti e risto-pescherie e sono stati impegnati fino a tarda notte; sono stati rinvenuti illeciti di natura penale ed amministrativa sanzionando i titolari e/o gestori per diverse migliaia di euro, potendo riscontrare violazioni per tracciabilità e rintracciabilità del prodotto e in alcuni dei casi hanno riscontrato la mancanza dei previsti documenti di acquisto; violazioni per la corretta tenuta del manuale di autocontrollo igienico sanitario H.A.C.C.P. e ben più grave all’ispezione in sala si è accertato che alcuni ristoratori servivano “cruditè di frutti di mare e pesce” tra le cui prelibatezze rinvenuti anche i Datteri di Mare che venivano serviti al tavolo dei consumatori. In particolare in un noto e rinomato ristorante tra Poggiomarino e San Giuseppe Vesuviano i militari potevano accertare la consumazione del prezioso mollusco che stava per essere consumato crudo; da anni i militari della Guardia Costiera stabiese combattono il fenomeno criminale della raccolta di frodo del Dattero di Mare e puntando sul “vezzo” social l’hanno spuntata raccogliendo utili elementi investigativi. Infatti proprio l’elaborazione di questi dati ha consentito d’individuare sul territorio ristoratori “compiacenti” che sempre più hanno servito il prezioso mollusco proponendolo al tavolo come accertato in queste ore.
I controlli hanno potuto accertare che è proprio l’entroterra vesuviano terreno fertile dove componenti dell’organizzazione attraverso una rete capillare di distribuzione fanno arrivare sia le “Vongole veraci” di Rovigliano, contaminate e pericolose per la salute dei consumatori in quanto contaminate da inquinanti fecali e chimici, che il prezioso mollusco – Dattero di Mare il cui “cruditè” come accertato arriva ad essere pagato anche ben oltre le 120,00 euro.

I controlli continueranno anche nei prossimi giorni dove i militari dopo aver identificato centinaia di consumatori del prezioso mollusco provenienti anche da fuori regione, si apprestano a passare a settaccio tutte quelle attività ristorative, tra cui molte anche rinomate e recensite da “gourmet” nonché titolate e consigliate da riviste di settore enogastronomiche e le sorprese non tarderanno ad arrivare.
E, nel mentre i militari erano nell’entroterra vesuviano, contemporanea attività di polizia giudiziaria condotta a mare ed a terra poteva accertare che “squadre di predoni del mare” organizzate tra loro, come di consueto uscivano nella tarda sera, dal porto stabiese – Banchina Fontana Acqua della Madonna, dirigendo nei tratti di costa della Penisola Sorrentina, dove perpetravano lo scempio ambientale per evidentemente rifornire i prossimi “ristoratori” di turno; indagini in corso ed elementi info-investigativi acquisiti in queste ore, sono al vaglio documentale degli investigatori della Guardia Costiera e dell’AG di Torre Annunziata per ulteriori sviluppi d’indagine che culmineranno nel perseguire penalmente soggetti attenzionati, pluripregiudicati, anche grazie all’ausilio di sofisticate attrezzature d’intelligence come i Droni di ultima generazione, dotati di fotocamera termica capace di rilevare la presenza umana anche al buio ed in assenza totale di luce.
“Si mira a colpire la domanda per far calare la richiesta così da poter mandare in “stallo” l’organizzazione dedita a tali traffici che in questi mesi è stata provata da diverse sequestri di prodotto (ben oltre una tonnellata), oltre che di attrezzature e risorse strumentali, colpendo così il patrimonio economico tanto da costringere i “sodali” a dedicarsi ad altre attività illecite per racimolare proventi e risorse, come quella della raccolta di frodo delle “Vongole veraci” di Rovigliano raccolte nello specchio d’acqua prospiciente la foce del fiume Sarno, tratto di mare altamente inquinato e contaminato dove essere vietata ogni tipo di attività di pesca di molluschi bivalvi, crostacei e prodotti ittici in genere, ancorchè tratto di mare per tali fatti non censito, annoverato e catalogato dalla Regione Campania per tali attività, motivo per il quale questo Comando non rilascerà autorizzazioni per la pesca subacquea professionale prevista dal Decreto 1 giungo 1987 n. 249” sono state le parole del Comandante della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, Capitano di Fregata (CP) Ivan SAVARESE.

Mancanza di rispetto per l'ambiente dove si vive.
Mancanza di etica.
Si vive benissimo senza mangiare ciò che, per essere portato nel piatto, procura uno scempio.
di Utente non registrato, 14/10/2019 - 19:32


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Massa partecipa al bando sulla sentieristica


Con delibera del 9 ottobre 2019 dell’Ufficio Manutenzione proposta congiuntamente dall’assessore al turismo e alla sentieristica, Massa Lubrense partecipa ad un bando della città metropolitana, per interventi di promozione, marcatura e pulizia della rete sentieristica dell’intero territorio. “Cogliamo questa grande opportunità-dichiara l’assessore al turismo Giovanna Staiano e partecipiamo al bando, che prevede l’accredito di una somma fino a 35.000 euro, con un progetto minuzioso e innovativo che prevede oltre ad un aggiornamento della cartina dei sentieri e la creazione di nuove bacheche, anche la creazione del “catasto dei sentieri”, la marcatura dei sentieri e creazione dei “sentieri parlanti” mediante la distribuzione lungo di essi di targhette metalliche riportanti un codice QR, richiesto anche un contributo per la pulizia che può essere concesso secondo il bando nella misura massima di € 3.500,00. Attraverso queste azioni concrete si evidenzia la priorità per l’amministrazione di provvedere ad una crescente attività di promozione e valorizzazione della sentieristica affinchè divenga sempre più motivo di grande attrazione turistica per chi è alla ricerca di una dimensione eco-sostenibile e di un turismo green. Dello stesso avviso il consigliere delegato alla sentieristica Giuseppe D’Esposito che nel riconoscere il valore del patrimonio sentieristico lubrense dichiara “la salvaguardia e la manutenzione dei sentieri sono obiettivi che si intendono perseguire con convinzione, per questo motivo partecipiamo con entusiasmo e determinazione al bando della città metropolitana con l’auspicio che sarà meritevole di attenzione e pertanto totalmente finanziato.”
Forse 3500 euro sono pochi per questo progetto alquanto ambizioso.
Resta sempre il problema di fondo:
COME VENGONO SPESI I TANTI SOLDI INCASSATI DALLA TASSA DI SOGGIORNO.
E poi , cara Assessore, bisogna tenere in ordine, puliti, silenziosi, ben controllati,senza cani randagi, senza fracassoni,
i centri abitati frequentati dai turisti.
Valorizzare i tanti sentieri è certamente una mossa ottima ma la sua originaria idea di far pagare qualcosa non è da abbandonare perché la sentieristica massese viene sfruttata speculativamente ed economicamente da persone, operatori, agenzie che non lasciano niente a Massa Lubrense.
Oppure fate passare a Termini solo chi é in possesso della ricevuta della tassa di soggiorno così fate evadere anche tutta l'evasione.
Per chi non soggiorna a Massa un ticket minimo.
Comunque buon lavoro!
di Utente non registrato, 15/10/2019 - 09:19

Bene bene bene
di Utente non registrato, 15/10/2019 - 13:29


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Massa Sant'Agata e Cimitero S.Liberatore Comunica


Ultimati i lavori di sistemazione del locale del custode e della sala mortuaria del Cimitero di San Liberatore.

I lavori commissionati dall’Amministrazione Comunale di Massa Lubrense hanno riguardato la messa in opera di camere d’aria alle pareti per scongiurare la risalita di umidità che ne pregiudicavano la sicurezza e la dignità. Inoltre si è provveduto alla tinteggiatura della facciata esterna.

I lavori sono stati eseguiti dalla ditta Edilvinaccia e seguiti dal settore Manutenzione del Comune di Massa Lubrense guidato dall’ingegnere Monica Coppola.

Dopo la messa in sicurezza del nicchiario principale, della scala di accesso -dichiara il sindaco Lorenzo Balducelli- compromessi dall’ossidazione dei ferri di armatura abbiamo dato di nuovo dignità ai locali del custode ed alla sala mortuaria del Cimitero di San Liberatore. Inoltre abbiamo provveduto alla rimozione di una enorme quantità di marmi dismessi depositati da anni al confine con la strada che va verso Marciano. Stessa operazione è stata effettuata al Cimitero di Santa Maria della Neve”.

***************



Un milione e trecentoventimila euro di lavori per la strada  Sorrento-Massa-S.Agata. E’questo l’importo che sarà erogato al Comune di Massa Lubrense dalla Città Metropolitana di Napoli per la messa in sicurezza, l’efficientamento energetico e l’integrazioni dei tratti mancanti dell’impianto di pubblica illuminazione del più importante asse viario del Comune di Massa Lubrense. Il progetto definitivo cantierabile  approvato questa estate dalla Giunta comunale guidata da Lorenzo Balducelli è stato trasmesso insieme a tutte le schede di richiesta del finanziamento in questi giorni alla Città Metropolitana dall'ingegnere Monica Coppola responsabile del settore manutenzione del Comune per attingere ai fondi messi a disposizione dal Piano Strategico elaborato dal consigliere metropolitano delegato Giuseppe Tito e dal sindaco metropolitano Luigi De Magistris.

L’intervento  è distinto in due progetti. 640 000 euro per la Sorrento Massa e 680 000 euro per la Massa-S.Agata. Oltre alla manutenzione straordinaria  del fondo stradale è previsto il rifacimento del manto bituminoso, la sostituzione dei corpi illuminanti con nuovi a tecnologia led ed a basso consumo energetico e l’integrazione dell’impianto di illuminazione nei tratti mancanti. Nel giro di qualche settimana si procederà alla liquidazione del contributo da parte della Città Metropolitana ed all’appalto dei lavori.

Il duro lavoro di questi anni sta dando i suoi frutti. Finalmente metteremo in sicurezza e ridaremo dignità all’asse viario più importante di Massa Lubrense -commenta dopo l’invio della documentazione del progetto il sindaco Lorenzo Balducelli- inoltre alla sistemazione del fondo stradale e del manto di copertura abbiniamo l’efficientamento energetico e l’integrazione nei tratti mancanti dell’impianto di pubblica illuminazione. Il tutto grazie al Piano Strategico della Città Metropolitana che vede schierato in prima linea il consigliere delegato Giuseppe Tito, sindaco di Meta che ringrazio. Il progetto è stato elaborato direttamente dalla struttura comunale del servizio Manutenzione guidato dall’ingegnere Monica Coppola che si è prodigata in modo encomiabile per la realizzazione dell’opera. In tempi brevi saranno avviati i lavori. Sono contento di dare questa notizia e colgo l’occasione per ringraziare i concittadini per la pazienza che hanno avuto e che hanno nel percorrere la Sorrento-Massa-Sant’Agata, l’asse viario principale e più trafficato del territorio, che è oggi in condizioni precarie”.


che ridere tutto a pochi mesi dalle elezioni.....ahhhhhhhh sempre la stessa musica e vai con il cambiamento
di Utente non registrato, 15/10/2019 - 09:04


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Premio alal carariera a Maurizio Costanzo e Raffae


Comunicato stampa

9 ottobre 2019

 

ROMA TEATRO ELISEO. PREMIO SPECIALE 2019 ALLA CARRIERA “PENISOLA SORRENTINA ARTURO ESPOSITO” A MAURIZIO COSTANZO E A RAFFAELE LAURO. IL PREMIO ALLO SCRITTORE SORRENTINO CONSEGNATO DA VINCENZO SCOTTI, PRESIDENTE DELLA LINK CAMPUS UNIVERSITY. LAURO DEFINITO DA BARBARESCHI “UN EROE AUTENTICAMENTE ITALIANO”

 

Un selezionato ed entusiasta pubblico ha decretato, questa mattina, nell’affollatissimo foyer del Teatro Eliseo, a Roma, il pieno successo della manifestazione di proclamazione dei vincitori del Premio 2019 “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, ad opera del direttore artistico, Mario Esposito, ai quali sarà consegnato il prestigioso riconoscimento, sabato 26 ottobre, in una spettacolare serata artistica al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento. Dopo il brillante intervento di apertura del direttore artistico dell’Eliseo, Luca Barbareschi, il quale ha sottolineato, in una capitale abbandonata a se stessa, l’importanza e l’incisività delle iniziative culturali promosse dal Teatro Eliseo, e quello, altrettanto efficace, del sindaco di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino, il quale ha rivendicato il crescente valore culturale del premio, ormai in ambito nazionale, Esposito ha annunziato i due “premi speciali alla carriera 2019”, destinati al direttore Maurizio Costanzo e allo scrittore Raffaele Lauro. Del secondo, presente alla manifestazione, ha letto anche la motivazione della giuria: “Raffaele Lauro è un intellettuale attento allo spazio e paziente al tempo. Coltiva la narrativa come un giardino da innaffiare con l’acqua sorgiva della riflessione e dello stupore”. L’attrice Anna Capasso, successivamente, ha illustrato la complessa e articolata biobibliografia di Raffaele Lauro, come docente, come uomo delle istituzioni e come narratore. Alla scrittrice e giornalista Patrizia Danzè, autrice del saggio critico sull’intera opera narrativa di Lauro, dal titolo “L’Universo Amore”, in uscita a gennaio 2020, è stato affidato il compito di definire il percorso narrativo dello scrittore sorrentino. “Forse le storie capitano a chi sa raccontarle – ha esordito la Danzè – e non c’è dubbio che nel corso della sua vita di scrittore, una delle tante vite di Raffaele Lauro, le storie che gli sono capitate sono diventate narrazioni Due riflessioni credo vestano bene anche Raffaele Lauro: una è di Andrea Camilleri, l’altra di un critico spagnolo, Juan Antonio González Iglesias a proposito di Marguerite Yourcenar. Diceva Camilleri, l’immenso Camilleri, che nel narratore c’è anche un elemento di oralità implicito nella scrittura, che è pure – diceva di sé – nella sua scrittura. Invece, in uno scrittore non è detto che questo elemento di oralità sia presente necessariamente. Camilleri, dunque, si attribuiva il pregio di essere narratore. E González Iglesias, a proposito della Yourcenar, osserva in un lungo articolo di qualche anno fa su Babelia, inserto di El País, che l’autrice belga nella sua búsqueda, nella sua ricerca del tempo perduto, fosse una narratrice più che una romanziera. Una narratrice che recupera l’antico compito di rendere poetica la realtà. Ecco, io credo che Raffaele Lauro sia un narratore, perché definirlo tale significa riconoscergli quella capacità propria della fascinazione dell’oralità, di mettere insieme i pensieri, riallacciare i rapporti con il passato, aggiornarlo al presente e farlo diventare racconto. Scrivere – ha proseguito la scrittrice siciliana – è una secrezione dell’esperienza vitale, per questo Lauro converte in letteratura il suo territorio natale. Ogni terra attende che giunga la voce di chi narrerà la sua storia e Lauro lo ha fatto con Sorrento, luogo dell’anima, hortus conclusus, immagine-simbolo che ricorre spesso nella sua narrazione. Così, in un autore che ha una formazione filosofica ed è uomo dalle molte letture letterarie e dalle multiformi esperienze, noi incontriamo il segno di Proust: il più piccolo ricordo, suo o di qualche familiare o di amici o di conoscenti, suscita una storia nella quale vale la pena perdersi. Perciò, ogni libro di Lauro diviene un incontro e ogni incontro diviene un ponte che ci consente di incontrare soprattutto noi stessi; perché anche i libri ci leggono, non siamo solo noi a leggerli, essi ci fanno allungare e allargare lo sguardo sul mondo. Non c’è dubbio, la narrativa fa un lavoro migliore della realtà perché è il racconto che ci fa umani. Aveva ragione Mallarmé: tutto il mondo è fatto per finire in un libro; ‘arriva un momento in cui certe storie non puoi più tenerle solo per te’. E dal 1987 – ha concluso Patrizia Danzè – dal suo primo romanzo ‘Roma a due piazze’, sino a quello di prossima pubblicazione su Greta Garbo, ‘L’elogio della solitudine’, Lauro, continua a farlo, maestro di narrazioni affascinanti”. Dopo la consegna del premio, una raffinata scultura dei maestri Giuseppe Leone e Francesco Scognamiglio, dalle mani di Vincenzo Scotti, presidente della Link Campus University di Roma, ex-ministro dell’Interno, del quale Lauro è stato capo di Gabinetto al Viminale, il premiato ha tenuto un applaudissimo e vibrante discorso, contro tutte le mafie, che ancora allignano nel nostro paese, suscitando l’apprezzamento di Luca Barbareschi, il quale, in chiusura, ha voluto definire Lauro “un eroe autenticamente italiano”. Lo scrittore è stato festeggiato da una folla di amiche e di amici, venuti a Roma anche da Milano, da Bologna, da Napoli e da Sorrento.


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Chiude il Campo Boe alle mortelle protette fauna e



Comunicato stampa su campo boe


Punta Campanella, il turismo nautico è sostenibile nel campo boe de Le Mortelle

Chiusa la stagione estiva. 2mila imbarcazioni hanno ormeggiato senza gettare l'ancora e devastare la posidonia. E anche occhiate e saraghi ringraziano.

Circa 2mila imbarcazioni hanno usufruito questa estate del campo boe del Parco Marino di Punta Campanella. Non hanno dovuto gettare l'ancora e non hanno così creato un danno ai fondali e soprattutto alla Posidonia, la preziosa pianta che ossigena il mare e caratterizza un ecosistema ad elevata biodiversita'.
Il campo boe si trova a Le Mortelle, molto vicino al rinomato e vivace borgo di Marina del Cantone, a Nerano. È attivo dal 2015, quando l'Area Marina Protetta volle dotarsi di 33 boe per evitare che le imbarcazioni ancorassero, tranciando via dal fondale la posidonia. Le Boe sono del tipo Manta Ray, una tecnologia inventata dalla Marina Militare degli Stati Uniti. E sono il sistema che garantisce il minore impatto possibile. L' ancora infatti penetra e viene collocata al di sotto del fondale. È invisibile e a scomparsa, garantendo sicurezza dell'ormeggio ed ecosostenibilita'.
Il servizio del campo boe si è consolidato anno dopo anno e può contare oggi su numeri importanti. La stagione si apre il 15 giugno, per rispettare la tradizionale processione di barche che si svolge il 13 a Marina del Cantone. Nel corso dei mesi estivi, il personale del Parco che si occupa del servizio- Luca Urro, Nicola Guida e due volontari stranieri del project mare- accolgono imbarcazioni di tutti i tipi, dalle più piccole fino a quelle di 30 metri. È possibile anche la sosta notturna. Il prezzo è contenuto e varia in base alla lunghezza della barca. Un servizio comodo, pratico e soprattutto rispettoso dell'ambiente. E in tanti questa estate lo hanno scelto. La Posidonia ringrazia, ma non solo. La presenza delle boe impedisce anche la pesca nella zona de Le Mortelle. E quel tratto di mare si è ripopolato di occhiate, saraghi e qualche piccola orata.



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Agorà in edicola questa settimana!

Grande sindaco. Il migliore sindaco che Massa Lubrense poteva avere. Continua sempre con il tuo impegno instancabile.
di Utente non registrato, 13/10/2019 - 13:18

Ci vorrebbe anche un marciapiedi tra Massa e Sant'Agata, sarebbe la parola fine al campanilismo.
Si può fare.
di Utente non registrato, 15/10/2019 - 14:15


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Le scuole delle costiere alla Camera con Cimmino





Ieri a Roma, presso la Camera dei Deputati, si è tenuto un incontro interessantissimo dal nome “Sfida per l’inclusione che ha visto partecipare il nostro Amico Salvatore Cimmino che ricorderemop nelal traversata a nuoto del Golfo di qualche mese fa che ha saputo coinvolgere istituzioni, media e tante scuole della Penisola Sorrentina e della Costiera Amalfitana, scenari delle prossime tappe del giro del mondo a nuoto di cui abbiam parlato su queste pagine.

A seguire alcune righe al riguardo tratte dalla pagina degli amici di Positanonews (clicca qui) dove potrete trovare altre foto e video, Positanonews che ha seguito l’evento in quel di Roma fornendoci puntuali aggioramenti.

 

 

Presenti anche diversi sindaci della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina:  Giovanna Staiano, vice sindaco di Massa Lubrense; Francesco Fusco vice sindaco di Positano col consigliere Nino Di Leva; Giovanni Di Martino, sindaco di Praiano; Daniele Milano, sindaco di Amalfi. Presenti anche alcuni studenti della Costa d’ Amalfi e Sorrento, purtroppo non tutti sono potuti venire, ma verranno coinvolti nei prossimi giorni nelle iniziative sul territorio.

 

 “La sfida per l’inclusione” vede al centro del discorso il futuro delle persone con disabilità. L’evento ha avuto inizio da pochi minuti presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio, dove la nostra redazione non poteva mancare. Questo perché in oltre 12 anni di attività online, Positanonews ha sempre riservato uno spazio speciale per i più deboli, per chi si sente meno tutelato dalle istituzioni, o comunque per chi abbia cercato un aiuto da parte nostra.

All’evento, che ha visto  l’intervento di Salvatore Cimmino, ideatore del progetto, figure illustri come Giovanni Malagò, presidente del Coni, Filomena Gallo, segretaria nazionale dell’associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, Eugenio Guglielmelli, prorettore e professore di bioingegneria della riabilitazione, valutazione e gestione delle tecnologie biomediche dell’università Campus bio-medico di Roma, Giorgio Marrapodi, direttore generale per la cooperazione allo sviluppo del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

Emozionante anche il  saluto di Roberto Fico, Presidente della Camera dei deputati, oltre che i saluti introduttivi di Umberto Buratti, Deputato, Lisa Noja, Deputata. Prevista anche la Proiezione del video “A nuoto nei mari del globo”. A moderare il tutto il giornalista Carlo Fontana. Sarà un momento fondamentale per discutere e rendere visibili tematiche molto sentite dalle persone con disabilità del nostro Paese, come per esempio la Progettazione Universale, che dovrebbe rendere la nostra società accessibile e vivibile, oppure l’assenza dei PEBA, (Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche)



Bella iniziativa ma non sia solo una passerella.
di Utente non registrato, 10/10/2019 - 14:42


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il Parco Marino a Roma al convegno sulla Plastica


Il Comunicato

Buonasera, di seguito nota stampa su partecipazione Amp Punta Campanella, con Direttore Antonino Miccio, a importante convegno a Roma su rifiuti e plastica in mare.
Buon lavoro

Comunicato stampa

Rifiuti e plastica in mare, Punta Campanella invitata a convegno a Roma

Domani al Centro Congressi incontro pubblico con Ministero dell'Ambiente, Guardia Costiera e Ispra. Il direttore del Parco Marino, Antonino Miccio, presenterà il "caso Campania".

"Un quadro di plastica, i rifiuti e le plastiche in mare" è il titolo del convegno che si svolgerà domani a Roma, presso il Centro Congressi Roma Eventi in Piazza della Pilotta. L' Area Marina Protetta di Punta Campanella è stata invitata per parlare del caso Campania, dove è attualmente in corso un progetto, unico in Italia, che vede insieme le aree marine protette della Regione e i pescatori. Il direttore del Parco Marino Punta Campanella e Regno Nettuno a a Ischia, Antonino Miccio, parlerà di Remare, il progetto sperimentale che ha messo insieme oltre 500 pescherecci, da Pozzuoli al Cilento, passando per Ischia e le costiere, formando una enorme rete che pesca rifiuti dal mare. Il progetto è partito ad agosto e si concluderà a fine ottobre. 
Al convengno di domani parteciperà Roberto Morassut, sottosegretario al Ministero dell'Ambiente, il Comandante Mario Valente del Ram( reparto ambientale marino della Guardia Costiera), Alessandro Bratti, direttore generale ISPRA ( Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), altri rappresentanti dell'ISPRA e responsabili delle Arpa di varie regioni. Al centro del dibattito, la situazione inerente la direttiva Marine Strategy, le campagne di sensibilizzazione Plastic Free e il monitoraggio dei rifiuti spiaggiati. La segretaria generale del Ministero dell'Ambiente, Silvana Riccio, concluderà i lavori. 

Massa Lubrense, 08/10/2019
Grande Direttore 👏👏👏
di Utente non registrato, 09/10/2019 - 14:26

Punta Campanella è già bella da sola, gli amministratori del Parco hanno lavorato bene, ma perché non hanno pensato ad un museo nella vecchia torre, sarebbe un colpo da 110 e lode!
Segnalo anche ai nostri amministratori che sul sentiero della Campanella stanno facendo soldi agenzie di viaggi, guide ed accompagnatori.
Senza lasciare niente a Massa Lubrense.
di Utente non registrato, 10/10/2019 - 14:45


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Oggi e domani Lo Stuzzichino su Casa Alice

Oggi e  domani sul canale 221 del digitale terrestre il nostro caro ristoratore Mimmo de Gregorio de Lo Stuzzichino  che tanto fa onore alla nostra Massa in casa Alice con la simpaticissima Franca Rizzi.

Oggi alle 18 e 35 e domani alle 12 e 20. Cari amici prendete nota e sempre complimenti caro Mimmo da me e da tutti i miei Visitatori.



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Pubblicato bando er accesso ai servizi del Piano S

Dal sito del Comune:

Pubblicato il Bando per l'accesso ai seguenti servizi del Piano Sociale di Zona:

- Servizi domiciliari territoriali per l’infanzia e
l’adolescenza
- Centro per la famiglia
- Assistenza domiciliare per le persone anziane
- Telesoccorso
- Attività socialmente utili per le persone anziane (per i
soli Comuni in cui il Servizio è attivo)
- Assistenza specialistica per i percorsi formativi-
educativi rivolti alle persone diversamente abili
- Servizi domiciliari per le persone diversamente abili
- Servizi diurni per le persone diversamente abili
- Misure di contrasto alla povertà

Per il bando integrale e per il modulo di domanda clicca qui

Occhio ai furbetti.
di Utente non registrato, 10/10/2019 - 14:46


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Sabato esordio Massa Calcio in casa e noi tutti lì

Dopo l'esordio vittorioso in trasferta di domenica scorsa sabato i nostri beniamini del Massa calcio disputeranno la prima partita tra le mura casalinghe del Cerulli contro la Barrese e si cercgerà il primo allungo per il quale sarà necessario il dodicesimo uomo in campo, noi!

Dalal pagina facebook della nostra amata società:

Asd Massa Lubrense Calcio - F.C.Barrese
Dopo la bella prestazione di sabato scorso contro lo Stabia Friend, Asd Massa lubrense calcio giocherà Sabato 12 ottobre alle ore 1530 fra le mure amiche del Marcellino Cerulli ,dove aspettiamo un grande pubblico in modo tale da conoscere i nostri nuovi beniamini e incitarela squadra come sempre.
Non mancherà qualche sorpresa.
Abbiamo iniziato bene è vigliamo continuare
Uniti si Vince Forza ASD Massa Lubrense Calcio .


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Allerta meteo fino alle 21.Attenti ai Vs. Cuccioli

Protezione Civile Campania: allerta meteo  Gialla per temporali  fino alle 21 di stasera

Venti  forrti su tutta la Campania. Possibili  grandinate e fulnini

La Protezione civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali con conseguente criticità idrogeologica di colore Giallo, a partire dalla mezzanotte di stasera e fino alle 21 di domani.
Sull'intero territorio regionale, eccezion fatta per le zone 4 (Alta Irpinia e Sannio) e 7 (Tanagro) si prevedono "Precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, puntualmente intense".
Su tutte le zone si prevedono, inoltre, venti forti o molto forti dai quadranti orientali con raffiche nei temporali.
Il mare si presenterà agitato soprattutto al largo e lungo le coste esposte.
I fenomeni temporaleschi sono caratterizzati da una incertezza previsionale e rapidità di evoluzione e potrebbero presetarsi intensi in alcune aree.
Tra i fenomeni possibili anche fulminazioni, grandinate e caduta di rami o alberi, danni alle coperture.
Nel rischio idrogeologico si segnalano "ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale, possibili allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse. Tra gli scenari di evento ed effetti al suolo si segnalano anche "possibili occasionali fenomeni franosi superficiali legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, in bacini di dimensioni limitate".
La protezione civile segnala inoltre probabili diffusi allagamenti nelle aree urbane già interessate dalle precipitazioni delle precedenti settimane.
La Sala operativa regionale raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni attesi e di attivare il monitoraggio delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso.



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il massa Calcio parte col piede giusto!


Esordio positivo in campionato per i nostri beniamini del Massa Calcio che si conferma corsaro in trasferta vincendo per 3 a 0 a Casola contro lo Stabia Friends dopo la vittoria esterna di coppa di mercoledì con reti di Vacca, Marino e Volpe.
Questa la classifica (clicca qui)
e Sabato tutti al Cerulli per l'esordio casalingo. Forza Massa




Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Grazie a Visetti riscoperta sentiero de L'Isca

Ringraziando l'amico cartografo ed escursionista Giovanni Visetti per l'attenzione voglio farVi legegre il nuovo post apparso sul Suo interessantissimo blog, (clicca qui) che ci parla della nuova impostazione di uno dei percorsi piu belli del nostro territorio, il sentiero dell'ISCA:

Non si tratta di niente di veramente nuovo, ma di una eccellente combinazione di sentieri rurali con un lungo tratto sterrato (3,5km) molto panoramico. Questo si sviluppa interamente lungo le pendici meridionali del territorio lubrense, iniziando dal promontorio del Cafariello, continuando sul’Alta Via dei Monti Lattari (CAI 300) da Iarito alla pineta del Monte di Monticchio (passando per Guardia, Cuparo e Scrivanessa) e lasciandola con la variante Spina (CAI 355). Il ritorno a Sant’Agata via Caprile, Calella e Canale, offre altri passaggi caratteristici e interessanti.

 


Il punto di partenza suggerito è Sant’Agata (facilmente raggiungibile anche con bus pubblici di linea); lo sviluppo complessivo è di 8km, con meno di 300m di dislivello. Ciò rende il Circuito dell’Isca (così battezzato per le viste sull'isolotto che fu di Eduardo de Filippo ma in effetti, geograficamente parlando, si gira attorno all'altura di S. Maria della Neve) una classica camminata di mezza giornata, adatta praticamente a qualunque escursionista in quanto a distanza e dislivello, ma non proprio a tutti per avere alcuni passaggi che richiedono passo sicuro, qualche tratto esposto e vegetazione talvolta invasiva ... ma qualche graffio viene presto dimenticato ammirando i panorami sull’Isca e i Tre Pizzi di Jeranto da est e sull’Isca, Vetara e Li Galli da ovest.

 

 

Entrando nel dettaglio, dal centro di Sant’Agata si scende verso la Pigna su stradina asfaltata e, al termine si imbocca lo sterrato di via Cafariello che, in dolce discesa, conduce ad un belvedere naturale fra uliveti, qualche fico d’india e tantissime orchidee in primavera. Una relativamente ripida discesa, fra arbusti della macchia mediterranea, porta gli escursionisti ad un altro uliveto per poi entrare in un castagneto al limite del rivo Iarito. Tutta questa parte era inclusa nel circuito C5 del Progetto Tolomeo del 1991, percorso poi eliminato in occasione dell’aggiornamento del 2003 a causa delle cattive condizioni del sentiero del Cafariello. Nei pressi del suddetto corso d’acqua Iarito, che va a sfociare nel fiordo di Crapolla, ci si immette sull’Alta Via dei Monti Lattari che in questo tratto coincide con il sentiero comunale che conduce alla cappella di San Pietro e quindi a quella che una volta era una vera e propria marina di pescatori. 

 


Pochissimi metri dopo aver passato la panchina panoramica della Guardia, appena scesi i primi dei circa 700 scalini di pietra che portano in riva al mare, inizia il tratto più accidentato del circuito che però ha il vantaggio di essere più o meno in quota, pur includendo brevi ripide salite. 


Dopo aver superato due valloni (Cuparo e Scrivanessa) si giunge in vista della pineta del Monte di Monticchio e, prima di raggiungerla, si devia a destra lungo la vic. Monti (CAI 355) che dopo 600m giunge sulla rotabile via Spina

Si procede quindi fino a Caprile (unico attraversamento di strada principale) e quindi per Calella e Canale con la sua nota sorgente e i suoi caratteristici lavatoi (foto a sinistra), tutt’oggi in uso. Altri 500 comodi metri e si ritorna al punto di partenza!

 

Nel corso delle ultime settimane, insieme ai miei amici Camminanti, ho percorso varie volte ed in entrambe le direzioni questi sentieri provvedendo al tempo stesso a "disboscare" per quanto possibile, a segnare provvisoriamente il Cafariello (il cui tracciato, dopo l'incendio di qualche mese fa, non è di facile individuazione) e ad evidenziare bivio e prima parte del sentiero CAI 355 - Variante Spina.

Andando incontro alle stagioni più fredde, tutto il circuito dovrebbe rimanere praticabile ed evidente almeno per i prossimi 6 mesi ... approfittatene e, così facendo, contribuirete a mantenerlo battuto e pulito.

 



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Agorà in edicola questa settimana!



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Pensieri sulla raccolta differenziata

Ho aspettato qualche giorno per mettere su qualche riga circa le nuove modalità di raccolta dei rifiuti nella nostra Massa partite il 30 settembre scorso.

In questi giorni sui social e sul sito ne ho lette di tutti i colori, di tutto e di più e, come ho sempre affermato, i dibattiti sono il sale della democrazia, quando ovviamente vengono condotti in maniera civile e senza preconcetti.

Mi sono anche tenuto in contatto con i responsabili di Terra delle Sirene e con l’Assessore all’ecologia seguendo con Loro i vari step del processo ed analizzando i commenti, rispettabilissimi di tanti amici, al riguardo.

A freddo, mi sento di affermare che quello che sta avvenendo a Massa con i cambiamenti del 30 settembre è rivolto soprattutto ad una maggiore presa di coscienza che la differenziazione massiccia dei rifiuti è l’unica strada percorribile per avere un mondo più pulito.

Non accetto le critiche di Chi ha accusato gli ideatori del cambiamento di superficialità, di mancanza di informazioni e di inadeguatezza dello stesso alle esigenze dei cittadini.

Terra delle Sirene e l’Assessore hanno studiato bene il da farsi ed i cittadini con manifesti ed avvisi a domicilio hanno informato anche chi non sta dietro una tastiera e se una colpa può essere a Loro, a noi, addebitata è stata forse quella di affidare la distribuzione dei sacchetti per l’indifferenziato ad una società abituata probabilmente alla consegna a domicilio di materiale pubblicitario . Consapevoli di ciò si è provveduto ad individuare le zone in cui i sacchetti non erano stati distribuiti anche grazie alle segnalazioni dei cittadini ed al momento quasi tutte le zone sono state coperte mentre si sta continuando a distribuire i sacchetti nella zona alta di Massa ancora in parte scoperta mentre presso gli Uffici di Terra delle Sirene presso Villa Cerulli adiacenti l’Ufficio Postale sono e saranno disponibili gli stessi sacchetti.

Voglio solo aggiungere che una volta alla settimana ed un sacchetto per l’indifferenziata, se si differenzia come si dovrebbe è più che sufficiente, a me già spesso ne bastava uno, e la conferma di tanti amici, come l'amica Carmela incontrata proprio ieri sera in piazza a Torca, rafforza questa mia teoria, ovviamente tenuto conto dei dovuti distinguo: tante mamme e giustamente hanno rappresentato la mole di indifferenziata tenendo conto dei pannolini dei Loro figli così come cittadini che hanno necessità di conferire pannoloni per anziani allettati e altro materiale sanitario. Di certo si è tenuto conto delle Loro esigenze e altrettanto certamente sarà assicurato Loro il ritiro del rifiuto: per i primi saranno ritirati tutti i sacchetti che conferiranno nel giorno stabilito, per i secondi previsto il ritiro a domicilio previa compilazione del modulo di richiesta disponibile sul sito del comune, nelle farmacie e negli studi medici.

A conferma di quanto sopra, e la circostanza mi è stata appena comunicata dagli amici di Terra delle Sirene, già in questi primi giorni dalla partenza della nuova modalità di raccolta sono stati raggiunti dati risultati positivi notati dagli addetti alla raccolta che hanno notato un aumento dei rifiuti di carta, plastica, vetro e multi materiale (che Vi ricordo sono fonte di introiti per la collettività) e soprattutto di organico segno evidente che probabilmente molti di questi rifiuti un po’ per mancanza di volontà un po’ per disinformazione finivano nelle buste dell’indifferenziato e non era giusto perché magari finivano in discarica rifiuti che benissimo potevano essere riciclati e quindi spingendo sulla differenziazione potremo fare ulteriore bene all’ambiente.

Sono consapevole della circostanza che si ha sempre un po’ paura delle novità, mi pare ieri che quando a Massa si iniziò a parlare di differenziare i rifiuti, tra i primi comuni italiani a farlo, in parecchi subentrò scetticismo mentre ora a distanza di pochi anni, non saremmo in grado di immaginare una raccolta nei cassonetti, tutto insieme, come ai vecchi tempi.

Premesso quanto sopra voglio solo invitare Tutti ad una maggiore collaborazione, Società, amministratori e cittadini perché insieme possiamo sempre più puntare ad una raccolta differenziata ottimale che può solo far bene all’immagine del nostro comune e rafforzare la mia idea che una volta ammortizzata la novità saremo noi i primi ad affermare la bontà di quanto adesso deciso. Scommettiamo?

p.s. Sui siti del Comune e di Terra delle Sirene è pubblicato un vademecum per una corretta raccolta differenziata che se consultato ed applicato ci consentirà di sfruttare al massimo le opportunità di una corretta raccolta differenziata e di aiutare l'ambiente.

Scusami Lello, hai appena scritto \\"introiti per la collettivita\\"...ci spieghi in che senso? visto la mole di differenziata del nostro comune, i premi ricevuti, il tuo gongolarti per i risultati ottenuti, come spieghi che la tassa per lo smaltimento rifiuti a Massa Lubrense non diminuisce, anzi aumenta?
grazie __________aggiunto da lello: senza gli introiti dalla raccolta differenziata probabilmente aumenterebba la relativa tassa che non vorrei sbagliarmi è ferma e di certo con lì'aumento del costo del trasferimento in dicarica dell'indifefrenziata aumenterebbe il costo per noi e quindi se non aumenta il costo esiste un risparmio o mi sbaglio rispetto al potenziale aumento
di Utente non registrato, 05/10/2019 - 10:59

Mandiamo il vademecum ai .... (omissis)-
Qua finisce che paghiamo e lavoriamo per loro!
di Utente non registrato, 05/10/2019 - 14:15

INCENERITORI!!!!!!!!!
BASTA CON IDEOLOGIE CAMPATE IN ARIA!!!!!!!!!!!!!!
di Utente non registrato, 08/10/2019 - 09:16

Ha ragione l'ultimo utente-amico di Acone che invoca gli inceneritori.
Non ne possiamo più di questo ambientalismo d'elite !
Abbiamo inquinato tutte le falde acquifere, rivoli, spiagge e mare,
abbiamo arricchito camorra e mafia, abbiamo e esportato rifiuti a caro prezzo, abbiamo svuotato le tasche di famiglie ed imprese,
Contiamo più morti nella terra dei fuochi che nelle zone che vivono vicino ai termo valorizzatori.
Ma possibile che siamo tanto fessi?
O corrono soldi a zuffunna!
di Utente non registrato, 10/10/2019 - 14:41


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il 15 alle 18,00 è Consiglio Comunale



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati