Password Dimenticata?
Registrati
Massa e dintorni ....in Corso
In edicola Agorà. A termini conclusi i lavoro Centro diversamente Abili. Palazzetto e wifi pubblico: comunicati. La Folgore Vola. A Massa il Gran Concerto di natale. Gli orari Sita per le festività. Al via corsi musicoterapia ed ippoterapia dell'ASP. Le commedie di Natale degli amici di Torca e Pastena. Il programma degli eventi natalizi del Comune.
La frase di oggi.
In amore non vince nessuno, ci si ama e basta. Se c’è qualcuno che deve vincere o perdere, allora non è amore.
Pubblicità
Il vangelo del Giorno
Il Vangelo di Oggi

 

Lello Acone - un innamorato di Massa Lubrense

L'amore che Raffaele Acone, per gli amici Lello, nutre per la propria terra, Massa Lubrense, ha dato vita già da alcuni anni a questo progetto. Tanti sono gli argomenti che ruotano intorno al nostro bel paese di cui discutere. Lo sport e la politica, la scuola ed il commercio, quello che accade per le strade di Massa e quello che dice la gente sono solo alcuni dei temi che ci stanno a cuore.

Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! (John F. Kennedy)

Agenda del Giorno
ATTENZIONE: AGENDA NON AGGIORNATA Buongiorno amici. Oggi è il 27 dicembre ed è venerdì. Il tempo a Massa si prevede sereno, temperature comprese tra 9°e 13° vento che soffia a 13 km/h da nord ed umidità al 51%. Il sole sorge alle 7 e 24 e tramonta alle 16 e 43 mentre la luna, calante, 8% sorge alle 8 e 26 e tramonta alle 17 e 57 Oggi si festeggia San Giovanni Apostolo E stamattina i nostri auguri di Buon Onomastico a Chi porta questo bel nome ed a seguire i nostri auguri di Buon Compleanno che oggi vanno agli amici Don Rito Maresca il nostro indimnticato Parroco, Sonia Somma, Francesco Staiano, Tatyana Zaccagnino e Giorgia de Simone. Buon Compleannno amici e che possiate trascorrere una lieta giornata circondati da chi Vi vuol bene.
Il nostro Libro degli Ospiti
In edicola Agorà. A termini conclusi i lavoro Centro diversamente Abili. Palazzetto e wifi pubblico: comunicati. La Folgore Vola. A Massa il Gran Concerto di natale. Gli orari Sita per le festività. Al via corsi musicoterapia ed ippoterapia dell'ASP. Le commedie di Natale degli amici di Torca e Pastena. Il programma degli eventi natalizi del Comune.
La nostyra Massa comune Ecoattivo

COMUNICATO STAMPA DI ADESIONE A ECOATTIVI

L’Amministrazione Comunale di Massa Lubrense in collaborazione con Terra delle Sirene spa e l’Area Marina Protetta Punta Campanella ha aderito al Club dei Comuni Ecoattivi sul territorio nazionale, e ha deliberato di affiliarsi al progetto EcoAttivi lanciato da Achab Group, rete nazionale di comunicazione ambientale.

Il progetto rende accessibile uno stimolante strumento di gioco e apprendimento sui temi ambientali e sociali e permette ai cittadini EcoAttivi di partecipare alle estrazioni di una bicicletta elettrica: entro il 31 ottobre 2020 verrà estratto un vincitore (saranno ritenuti validi i punti maturati fino al 30 settembre 2020).

Ogni residente sul nostro territorio potrà, infatti, scaricare senza nessun costo l’App EcoAttivi dagli store, maturare punti realizzando una serie di azioni positive di carattere sociale, ambientale e culturale e rispondendo a quiz, enigmi, sfide e missioni per migliorare le proprie competenze sui temi ambientali. Ogni 100 punti che avremo accumulato matureremo un biglietto virtuale e ogni biglietto parteciperà alle estrazioni: chi avrà più biglietti virtuali avrà maggiori probabilità che uno dei propri venga sorteggiato tra tutti quelli maturati dai cittadini EcoAttivi dei comuni aderenti all'iniziativa su tutto il territorio nazionale.


Diffondere una cultura attenta ai temi della sostenibilità e premiare i comportamenti positivi dei cittadini è la finalità del progetto EcoAttivi. Invitiamo tutti i massesi, in particolare gli studenti, grazie alla preziosa collaborazione con gli istituti Bozzaotra e Pulcarelli, a partecipare dando un incentivo maggiore. I due alunni di Massa Lubrense che avranno ottenuto il maggior punteggio all’interno dell’App Ecoattivi avranno diritto ad un buono del valore di 150€ per l’acquisto di materiale didattico.” - spiega Sonia Bernardo Assessore all’Ambiente ed Ecologia – “ Scarica gratuitamente l’App da qualsiasi smartphone, attraverso gli store Android e IOS o dal sito www.ecoattivi.it ed entra nel club di Ecoattivi”.

Con EcoAttivi perciò, in questo periodo, chi risiede nel nostro comune e si sposta in bici viene premiato e accumula più punti attraverso azioni dedicate:

Quiz Bike to Work - 50 quiz a risposta multipla sulla bicicletta e sui suoi numerosi vantaggi per la salute mentale, fisica e ambientale.

Io e la mia bici - Invia una foto o un selfie: di te con la bici, di un paesaggio suggestivo incontrato durante un percorso in bici.

Pedalo positivo - Invia un messaggio positivo della tua esperienza negli spostamenti in bici.

Bike to work - Vai al lavoro in bici e accumula più punti.

Missione RIPARTO COL MEZZO GIUSTO! - Punti extra a chi riuscirà ad accumulare 2000 punti con gli spostamenti in bicicletta e rispondendo correttamente ai quiz Bike to Work.


“Siamo entusiasti dell’iniziativa che, oltre a promuovere una coscienza responsabile per la salvaguardia dell’ambiente, offre ai cittadini un’occasione per essere informati e allo stesso tempo divertirsi.” - continua il Presidente dell’AMP Punta Campanella Michele Giustiniani – “Ci auspichiamo che in futuro si possa incentivare un percorso di collaborazione sempre più organizzato e articolato tra Amministrazioni, società e cittadini per la salvaguardia ambientale”


I successi sono fatti di azioni concrete, contribuisci anche tu: scarica l’App EcoAttivi,” – concludel’Arch. Antonino Di Palma - ”se puoi vai al lavoro in bicicletta, limita l’uso dell’automobile e contribuisci a ridurre l’inquinamento anche attraverso buone abitudini green come acquistare elettrodomestici con adeguata classe energetica, usare lampadine a risparmio energetico, non sprecare l’acqua, evitare l’acquisto di prodotti usa e getta…sono tutti piccoli accorgimenti e azioni quotidiane che se integrati nella vita quotidiana delle persone possono fare tanto, contribuendo alla salvaguardia del Pianeta. Ripartiamo, facciamolo col mezzo giusto”




Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Covid19: Inizia la Fase 3 e da oggi l'app IMMUNI


Scatta una nuova fase nella gestione dell’emergenza. Gli italiani possono circolare liberamente nel Paese, così come - senza obbligo di quarantena - i cittadini dell'area Schengen e della Gran Bretagna. Rimangono regole da seguire per chi viaggia in auto e moto. Controllo della temperatura per chi prende il treno. Rimane il divieto di assembramenti, l’obbligo di distanziamento e in alcuni casi della mascherina

 

Da mercoledì 3 giugno, a quasi tre mesi dall'inizio del lockdown, parte una nuova fase dell’emergenza coronavirus. In Italia, infatti, scatta la libera circolazione tra le regioni e scompare l’autocertificazione. Rimangono, però, alcune limitazioni. Ecco cosa si può fare e cosa no

Riaprono le regioni, via libera agli spostamenti

 

Dal 3 giugno si può tornare a circolare liberamente in tutta Italia "senza condizioni". Via libera, quindi, agli spostamenti anche fuori dai confini della propria regione. Per muoversi non servirà più mostrare un’autocertificazione che spieghi il motivo del viaggio. Libera circolazione in Italia anche per i cittadini dell'area Schengen e della Gran Bretagna, che potranno venire nel nostro Paese senza obbligo di quarantena. Per andare all’estero, invece, gli italiani dovranno ancora rispettare le restrizioni e le indicazioni in vigore nei vario stati.

 

Rimane il divieto di assembramenti

 

Cadono dei divieti, ma ne rimangono degli altri. Anche dal 3 giugno, infatti, in Italia è proibito fare assembramenti. Rimane obbligatorio, poi, mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro (2 in caso di attività fisica). Resta anche l'obbligo di rimanere al proprio domicilio per chi è in quarantena e per chi ha una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi.

 

Per chi si muove in macchina e in moto, le regole rimangono le stesse. In un’auto potranno tranquillamente stare gli appartenenti allo stesso nucleo familiare. Se non si è congiunti, però, subentrano delle limitazioni: in auto possono starci massimo due persone (3 in caso di macchine a tre file di posti), con l'autista ovviamente al posto di guida e il passeggero sui sedili posteriori. Entrambi dovranno avere la mascherina. In moto, non essendo possibile il mantenimento della distanza, il passeggero può essere solo un convivente.

 

Alcune novità, invece, riguardano le stazioni ferroviarie. Con un decreto firmato dalla ministra dei Trasporti Paola De Micheli, dal 3 giugno diventa obbligatoria la misurazione della febbre per chi viaggia con l'Alta Velocità o con gli intercity. Ci saranno degli ingressi dedicati nelle stazioni e, in caso si abbia più di 37,5 gradi, non sarà consentito l'accesso a bordo del treno.

 

Rimane, in alcuni casi, l’obbligo di usare le mascherine. Le protezioni sono sempre obbligatorie in caso di assembramenti o al chiuso. L’obbligo di portarle anche all'aperto, invece, rimane in alcune regioni: Lombardia, Trentino, Friuli Venezia Giulia, Campania e nel comune di Genova.

 

Dal 3 giugno è possibile il trasferimento verso le seconde case. Ok anche ad alberghi a bed&breakfast su prenotazione. Regole anche per gli stabilimenti balneari e le strutture ricreative: distanziamento, numero chiuso e, dove possibile, la prenotazione.

 

E da oggi è anche possibile scaricare l’app IMMUNI, io l’ho fatto, l’app autorizzata dal MInistero della Salute per bloccare il coronavirus in caso di contatti. Dalla Pagina del Ministero della Salute alcune informazioni utili:

 

App Immuni: disponibile da oggi sugli store Apple e Google

 

È scaricabile da oggi in tutta Italia l’app Immuni, disponibile gratuitamente negli store di Apple e Google. Si tratta di un innovativo supporto tecnologico che si affianca alle iniziative già messe in campo dal Governo per limitare la diffusione del virus Covid-19. E’ stato sviluppato nel rispetto della normativa italiana e di quella europea sulla tutela della privacy.

Dotarsi da adesso dell’app permetterà di risalire ai contatti che possono aver esposto una persona al rischio di contagio. I servizi sanitari regionali potranno gradualmente attivare gli avvisi dell'app. A cominciare saranno da lunedì 8 giugno le Regioni Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia.

Tutte le informazioni utili sul funzionamento del sistema sono disponibili sul sito immuni.italia.it. Si sottolinea che l’applicazione non è direttamente scaricabile via email o SMS. 

Immuni serve agli utenti di telefoni cellulari per ricevere notifica di eventuali esposizioni al Coronavirus. Nell’intero sistema dell’app non sono presenti né saranno registrati nominativi e altri elementi che possano ricondurre all’identità della persona positiva o di chi abbia avuto contatti con lei, bensì codici alfanumerici. L’impiego dell’applicazione, volontario, ha lo scopo di aumentare la sicurezza nella fase di ripresa delle attività. 

Il progetto nasce dalla collaborazione tra Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministro della Salute, Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione, Regioni, Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 e le società pubbliche Sogei e PagoPa. Base di lavoro per la realizzazione dell’app, il codice messo gratuitamente a disposizione dello Stato da parte della società Bending Spoons. Il sistema è stato sviluppato anche grazie a un'approfondita interlocuzione con il Garante per la protezione dei dati personali e riservando massima attenzione alla privacy.

 

Gli utenti di cellulari che decidono di scaricare l’applicazione contribuiscono a tutelare sé stessi e le persone che incontrano. Se sono entrati in contatto con soggetti successivamente risultati positivi al tampone, verranno avvisati con una notifica dell’app. Ciò consentirà loro di rivolgersi tempestivamente al medico di medicina generale per ricevere le indicazioni sui passi da compiere.                                   

Quando le strutture sanitarie e le Asl riscontrano un nuovo caso positivo, dietro consenso del soggetto stesso gli operatori sanitari inseriscono un codice nel sistema. A questo punto il sistema invia la notifica agli utenti con i quali il caso positivo è stato a stretto contatto.

 

La pandemia si sconfigge soprattutto con i comportamenti individuali, lavandosi le mani, mantenendo le distanze di sicurezza e indossando la mascherina. A queste buone prassi comportamentali si aggiunge adesso l’App Immuni: un aiuto tecnologico per tenere lontano il Covid-19 da noi e dalle persone che amiamo.



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Festa della Repubblica:Il messaggio del Sindaco


"La bandiera italiana è un vessillo di libertà conquistata da un popolo che si riconosce unito, che trova la sua identità nei principi di fratellanza, di eguaglianza, di giustizia. Nei valori della propria storia e della propria civiltà".
(Carlo Azeglio Ciampi)
Oggi più che mai dobbiamo condividere questi principi….
Buona festa a tutti!

Il Sindaco
Lorenzo Balducelli
Mi domando come possono festeggiare quelli che hanno avuto lutti in famiglia, quelli che la cassa integrazione non la vedono neanche col telescopio.
Mentre i politici che stanno a Roma di sicuro festeggeranno invece dovevano oggi proclamare LUTTO NAZIONALE IN MEMORIA DEGLI OLTRE TRENTATREMILA MORTI E QUEI VALOROSI CHE SCRIFICARONO LA LORO VITA PER LIBERARCI DAL nazifascismo VIVA L'ITALIA LIBERA.
di Utente rimosso, 02/06/2020 - 10:22


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Ruggiero sull'articolo apparso su Agorà

Sull'articolo pubblicato sabato sul settimanale Agorà circa il probabile affidamento ad Associazioni dei nostri sentirei mozzafiato che tutto il mondo ci invidia e che attraggono turisti da tutto il mondo ricevo e pubblico,  ringraziandoLo per l'attenzione,  dall'amico Fabrizio Ruggiero corrispondente da Massa di Ggorà quanto segue:

A gran richiesta di seguito articolo integrale che non mi sembra smentito in nessun punto dal Sindaco come leggerete - in italiano si chiama (la parola scoop la lascio a quelli fighi) di una anticipazione solida come un buon settimanale di informazione dovrebbe fare - comunque sabato pettina si parlava solo di “fake news” mi fa piacere che questa uscita ufficiale confermi punto per punto quanto scritto - mio personale parere è che si tratta di qualcosa di opportuno che può avere un interessante carattere sperimentale! Buona lettura a chi non volesse limitarsi a leggere un titolo (anch’esso assolutamente veritiero)
Sentieri a pagamento. Chi vorrà scendere a Punta Campanella, Crapolla o Ieranto dovrà pagare due euro. È questa l’idea che ormai sta diventando sempre più concreta e potrebbe tradursi in affidamento nel giro di pochi giorni. Tre associazioni a cui affidare la gestione dei tre sentieri tra i più belli e gettonati non solo in penisola ma forse lungo l’intero stivale. L’amministrazione coglierebbe così al balzo un assist dettato dai tempi che corrono. C’è l’emergenza sanitaria da gestire. Non si può più assistere a denunce social in cui appaiono decine di persone accalcate sulle spiagge o nelle aree a valle di questi sentieri presi di assalto nell’ultimo week end. Come regolamentare? Si va verso l’affidamento. Tre soggetti diversi. La possibilità di prenotare ed il numero limitato di accesso. A seconda del sentiero si andrà dalle 50 alle 100 persone massimo al giorno. Due euro da pagare che verranno ripartite (forse in misura 60/40) tra amministrazione ed associazione con quest’ultima chiamata a vigilare e manutenere il sentiero interessato. Una rivoluzione che a molti potrà non piacere ma che sembra essere l’unico modo di tutelare la sicurezza cittadina e non solo. Probabile che i residenti saranno esentati dal pagamento della tassa, salvo prenotazione. In tal modo, sarà anche scoraggiato l’accesso indisciplinato e l’improvviso catapultarsi di veicoli e persone lungo questi sentieri. Numero chiuso e prenotazione, queste saranno le parole d’ordine per l’estate 2020. Una corsa contro il tempo organizzare tutto in pochi giorni ma a breve avremo l’ufficialità
Fabrizio Ruggiero


Ma ci saranno i turisti?
Le casse comunali perderanno centinaia di migliaia di euro di tassa di soggiorno essendo gli alberghi chiusi e sicuramente non si possono recuperare con la tassa sui sentieri.
Spero che i residenti siano esclusi.
di Utente rimosso, 01/06/2020 - 14:33

Un po' di caciara elettorale è quello di cui abbiamo bisogno. Tra liste vecchie e liste \\"nuove\\" che si dipingono come gli onesti di turno, la solfa è e sarà sempre quella.
di Utente rimosso, 01/06/2020 - 16:27


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Raffaele Lauro: intervista effetti Pandemia

Comunicato stampa

1 giugno 2020

 

INTERVISTA A RAFFAELE LAURO SUGLI EFFETTI DELLA PANDEMIA COVID-19. DALLA POLITICA INTERNAZIONALE A QUELLA NAZIONALE. LE RESPONSABILITÀ DEL GOVERNO CONTE E L’ATTESA DEL RECOVERY FUND. LA BOMBA SOCIALE E IL SOVRANISMO. UN’IDEA PROGETTO VENTENNALE PER IL RILANCIO DEL TURISMO, A SORRENTO E IN PENISOLA SORRENTINA

 

di Francesco Di Maio (www.agorainforma.it)

 

 

D.: Senatore, ci aiuti a capire una delle questioni centrali della politica internazionale: cosa c’è alla base dello scontro crescente tra USA e Cina e quali evoluzioni prevede per il futuro?

 

R.: Come ho analizzato in articolati interventi, siamo passati, a livello geopolitico mondiale, dal bipolarismo, nato a Yalta nel 1945 tra il blocco occidentale, guidato dagli Stati Uniti, e il blocco orientale, guidato dall’Unione Sovietica, al multipolarismo. Dopo la caduta del muro di Berlino, nel novembre 1989, il tramonto delle ideologie e la fine di molti regimi comunisti, infatti, gli equilibri si sono progressivamente modificati con l’emergere di una nuova potenza globale, la Cina. Un regime rimasto comunista, forte di una crescente dimensione demografica, di una straordinaria capacità di sviluppo economico e di un’inossidabile identità Stato-Partito-Esercito. I dirigenti comunisti sono riusciti a coniugare un capitalismo di Stato con alcune limitatissime e controllate attività economiche private, senza intaccare, anzi rafforzandolo, un regime totalitario, centralistico e liberticida. Questa potenza si è tradotta, con le dinamiche della raffinatissima diplomazia cinese, in un neo imperialismo economico che sta progressivamente infiltrando gli USA, l’Africa e l’Europa. E aspira a dominare il mondo. Chi si illudeva che lo sviluppo e il benessere economico avessero portato ad un’evoluzione democratica del regime, si è dovuto ricredere. Il condizionamento cinese investe due aspetti in particolare: il ruolo preponderante della Cina nel commercio internazionale, con l’imponente export cinese verso il resto del mondo, e il contestuale intreccio (perverso) tra il debito pubblico americano, in mano alla Cina nella misura di quasi il 40%, e la localizzazione in territorio cinese delle “radici produttive” di alcune multinazionali tecnologiche e digitali statunitensi. Nel contempo, dopo lo sbandamento ventennale seguito alla caduta del regime sovietico, la Russia, governata con un pugno di ferro dall’autocrazia di Putin, si è ricompattava, ha evitato lo sfacelo della confederazione delle ex repubbliche sovietiche ed è ritornata protagonista, politica ed economica,  sulla scena mondiale e nei diversi scacchieri regionali, caratterizzati da cronici conflitti, a carattere politico-religioso, come il Medio Oriente. A fronte di questo scenario più complesso, la posizione degli USA, oscillante tra protagonismo e neo isolazionismo, minacciata dal terrorismo islamico, si è indebolita, quasi sfilacciata, specie sotto l’attuale presidenza Trump,  nella doppia “confrontation”: di potenza, con la Russia di Putin e commerciale con la Cina di Xi Jinping. Senza contare gli emergenti espansionismi regionali, come quello turco di Erdogan sul Mediterraneo, che ambisce a realizzare il sogno di Solimano II il Magnifico, da me narrato nel romanzo storico “Sorrento The Romance - Il conflitto, nel XVI secolo, tra Cristianesimo e Islam”. Libia docet! L’Unione Europea, indebolita dalla crisi economica e dai conflitti interni tra Nord e Sud, nonché dalla Brexit, si è trasformata nel classico “vaso di coccio tra i vasi di ferro”: ex-gigante economico, rimasto un nano politico! La politica estera dell’Unione, quindi, sullo scacchiere mondiale, ha un’influenza pari allo zero. Le divergenze tra gli Stati membri, a regime democratico, e il prevalere, all’interno degli stessi, di partiti e movimenti cosiddetti sovranisti, populisti, nazionalisti e antieuropeisti, rischiano di portare, di fronte a crisi indotte da eventi imprevedibili, come l’attuale pandemia da coronavirus, all’indebolimento dell’Unione e, finanche, al suo dissolvimento. Su questo multipolarismo, tutt’altro che stabile, incidono anche altri micidiali fattori nascosti, very deep, sconosciuti ai più: la consistenza degli arsenali atomici, il controllo delle fonti di energia, l’accaparramento delle materie prime, lo spionaggio industriale, la guerra digitale, le interferenze esterne nelle elezioni democratiche, i conflitti regionali, il mercato gli armamenti, le centrali del terrorismo e il ruolo dei servizi segreti. Naturalmente, ai loro fini di influenza, le “sirene”, cinesi o russe, cercano di incantare gli inconsapevoli esponenti europei del sovranismo e del populismo.

 

D.: Lei ha criticato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ritenuto troppo filocinese, perché?

 

R.: Il ministro Di Maio, come tutti i politici al potere in una democrazia parlamentare, è soggetto al controllo del parlamento e al giudizio dell’elettorato, della stampa libera, dell’opinione pubblica e dei singoli cittadini, in base ai diritti costituzionali. Non condivido, e l’ho ripetuto chiaramente, che gli avversari politici per delegittimare il ministro, tirino in ballo i suoi trascorsi di studente-lavoratore, dandogli del “bibitaro”, dello “steward” o dell’“esperto informatico”. Quelli sono meriti e non demeriti, lo dico da ex studente-lavoratore, attività di cui mi vanto. Sono ben più gravi i motivi di critica che si possono contestare a Luigi Di Maio: essere diventato da un fervente anticasta il simbolo della nuova casta; da militante antipotere a simbolo del nuovo potere, cumulando fino a quattro incarichi, tra istituzionali e politici, segno di presunzione e di superficialità; da censore anticlientelista e anticlanista a simbolo del nuovo clientelismo e clanismo politico (il cosiddetto “bottino delle nomine” fa impallidire quello dei peggiori leader della prima repubblica!). Senza contare, tralasciando per carità di patria le sue ormai storiche gaffe, il fallimento e l’inconcludenza di tutta la sua attività di governo. Indimenticabile rimane la fanfaronata di aver abolito “la povertà”, annunziata dal balcone di Palazzo Chigi, che manco un dittatore della “repubblica delle banane”. Nello specifico della domanda, Di Maio è diventato il principale interlocutore della “sirena cinese”, annunciando, per il 2020, i frutti del progetto cinese “La via della seta”. Quei frutti (nefasti) sono sotto gli occhi di tutti. Abbiamo importato dalla Cina il Covid-19 e milioni di mascherine, peraltro non sempre idonee, ma pagate a caro prezzo.

 

D.: Eppure Di Maio è considerato molto vicino ad un suo amico di sempre, l’ex Ministro e Presidente della Link Campus University, Vincenzo Scotti

 

R.: Scotti è stato uno dei politici più intelligenti e preparati della prima repubblica, nonché un ministro dell’Interno, con il quale ho collaborato nella delicata responsabilità di capo di gabinetto, in momenti drammatici dell’attacco allo Stato da parte degli stragisti mafiosi. Confermo, da testimone fedele, la sua consolidata capacità di governo e la sua coraggiosa lotta contro la mafia, per la quale ha dovuto pagare anche prezzi personali nel prosieguo dell’impegno politico-istituzionale. Da quella collaborazione è nata una grande amicizia, fatta sempre di confronto schietto, di profonda stima e di reciproca considerazione. Non ho alcuna conoscenza diretta dei rapporti intercorsi tra Scotti e Di Maio, se non quanto letto sui giornali. Posso ipotizzare, comunque, che se a Scotti fossero stati richiesti consigli, da uomo generoso, specie verso i giovani, certamente li avrebbe dati a Di Maio, in particolare sulla scelta oculata dei collaboratori ministeriali. Dai risultati, arguisco che non sarebbero stati ascoltati.

 

D.: Il Recovery Fund presentato dalla Presidente delle Commissione europea Ursula Von der Leyen salverà l’euro e l’Europa?

 

R.: Ho precisato, in tempi non sospetti, e documentatamente, che per avviare a soluzione, in un triennio, la crisi economica e sociale, nonché finanziaria, conseguente a quella pandemica, come sta avvenendo, sarebbero stati necessari, soltanto per l’Italia, dai 500 ai 1000 miliardi. La mia stima sull’entità delle esigenze finanziarie per gli investimenti necessari al recupero il PIL perduto, in chiave di sviluppo sostenibile, non é mutata, anzi si è rafforzata. Considero, comunque, un passo in avanti, ancorché non decisivo, il Recovery Fund. Anche se dovessero essere assegnati all’Italia, tuttavia, tra contributi e prestiti, pur a lunghissima scadenza, risorse fino a 200 miliardi, non risulterebbero sufficienti. Quindi bisognerebbe fare ricorso ad altri strumenti per recuperare liquidità, sia europei, come il MES, che nazionali, come un prelievo forzoso sul risparmio. In ogni caso, per fare una stima, ponderata e definitiva, bisogna attendere le decisioni conclusive del Consiglio europeo di giugno. E precisamente: le condizioni reali imposte, gli eventuali ulteriori approfondimenti in sede collegiale, richiesti dai paesi cosiddetti “frugali” o da leader sovranisti, come l’ungherese Orban, e, non da ultimo, i tempi concreti di erogazione dei fondi, con gli eventuali acconti. Ecco perché giudico avventato, superficiale ed eccessivo il trionfalismo del premier Conte e della maggioranza di governo, prima di conoscere i dati finali del Recovery Fund. Un adagio inglese recita: “Don’t count your chickens before they are hatched!”. Un adagio italiano declama: “Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”. Evidentemente Conte e i suoi comprimari, anche del PD, ignorano la saggezza popolare!

 

D.: Gli effetti della crisi in Italia non si manifestano ancora in modo drammatico. Eppure c’è grande preoccupazione per lo scoppio della bomba sociale. Lei cosa pensa a riguardo?

 

R.: Il ritardo patologico e inaccettabile dell’erogazione dei bonus, dei prestiti alle imprese e degli strumenti di protezione del lavoro, come la cassa integrazione, previsti dai tre decreti-legge economici, annunziati, come fossero ad esecuzione immediata, dal premier Conte, hanno provocato ansia, irritazione, sconcerto e rabbia in milioni di cittadini, lavoratori e imprenditori. Pur essendo privi di finanziamenti per lo sviluppo, i tre provvedimenti hanno mancato la loro finalità di sostegno immediato alle persone, alle famiglie e alle imprese. Se i ritardi non saranno subito recuperati, la rabbia crescente si potrebbe trasformare in una esplosiva e devastante bomba sociale. Basterebbe un innesco. Il recente grido di allarme lanciato dal ministro dell’Interno rappresenta un sintomo di una situazione prossima alla rottura. Gli italiani non sono, per storia e per carattere, dei rivoluzionari o degli insurrezionali, ma, ad incendiare il pagliaio, non si può escludere a priori anche lo zampino interessato della criminalità organizzata, sempre in agguato.

 

D.: Lei è molto critico nei confronti del Governo. Cosa avrebbe dovuto fare che non ha fatto?

 

R.: Il mio diario sulla pandemia 2020, dal titolo ‘Io accuso”, documenterà, con date precise, le sottovalutazioni e le inadempienze iniziali del primo ministro e del suo governo. Si sono persi quaranta giorni! Un’eternità in tempi di pandemia. Nonché il successivo mancato coordinamento e l’insorgenza di quelle che io ho definito le tre anarchie: istituzionale, tra Stato, Regioni ed Enti Locali; scientifica, tra i consulenti del governo; comunicazionale, tra lo staff del presidente, i ministri, i viceministri, i sottosegretari, i presidenti di regione, i sindaci, la protezione civile, i commissari, i comitati e i sottocomitati. Una babele! Tutti infettati da un altro virus, quello che ho definito, con un neologismo, l’annuncite, una malattia endemica della politica italiana,  una sindrome della dichiarazione a tutti i costi, l’ossessione di annunziare subito, senza prima verificare. In questa malsana prassi, considero il premier un vero magister, dopo Matteo Renzi, come risulta maestro, meglio un raffinato specialista, nel metodo del rovesciamento delle proprie responsabilità sugli altri: la burocrazia, gli scienziati, le banche, l’INPS o i presidenti delle regioni. Un ponziopilatismo mai registrato in precedenza. Se, malauguratamente, dovesse andare male il Consiglio europeo, e Dio non voglia!, Conte assumerebbe subito, trasformisticamente, la guida dell’antieuropeismo. Dedicherò presto un approfondimento alla figura poliedrica, e per certi aspetti enigmatica,  di Giuseppe Conte, il nuovo fenomeno della politica italiana e la compiuta espressione della crisi dei partiti, nonché del tessuto democratico nazionale.

 

D.: Ipotesi Mario Draghi alla guida del Governo: è solo un gossip o una necessità?

 

R.: È nota la mia profonda stima e la mia altissima considerazione per il presidente Draghi, per la sua statura morale e intellettuale, nonché per il servizio reso alle istituzioni bancarie, sia a livello nazionale che europeo. Sarebbe una fortuna, per il nostro paese, averlo alla guida di un futuro governo della ricostruzione nazionale. Al di là degli auspici, tuttavia, questa possibilità dovrebbe fare i conti con le valutazioni del presidente della Repubblica, con la volontà dell’interessato, con gli attuali equilibri politici e con la crisi progettuale della maggioranza e dell’opposizione. Ma tutto potrebbe diventare possibile!

 

D.: Il sovranismo è destinato a svuotarsi oppure a rafforzarsi per effetto dell’emergenza sanitaria e della crisi economica?

 

R.: Dipende dagli sviluppi della pandemia, se ci dovesse essere, speriamo di no, una nuova ondata in autunno, e dalla durata della crisi economica e sociale. Non sempre la Storia si ripete, certo continua ad insegnare. Ricordiamo a cosa portò la crisi del 1929, con la depressione economica, la disoccupazione generale e la fine della Repubblica di Weimar. Le democrazie occidentali appaiono oggi più fragili e le autocrazie vincenti. Se fallisse l’Unione Europea, il sovranismo e il nazionalismo riprenderebbero forza e potere. Rischieremmo di rimanere soli, come paese, soggetti a quel multipolarismo instabile, che non promette niente di buono per il futuro dell’umanità.

 

D.: Il turismo è uno dei comparti più colpiti in assoluto. L’economia della penisola sorrentina ruota intorno alla gestione dell’incoming. Chi deve intervenire, cosa si può fare e come è destinato a cambiate il settore?

 

R.: Necessita un ripensamento strategico del turismo in penisola sorrentina, a partire da Sorrento e coinvolgendo anche Capri, con una proiezione ventennale, da calare in un progetto organico, sul quale ottenere i fondi europei. Una progettazione che dovrebbe partire dalla base, un’elaborazione a carattere collettivo, con il coinvolgimento di tutti gli operatori e responsabili del settore, sotto l’egida delle amministrazioni comunali. Senza aspettare che scenda dal cielo. Da definire, almeno per linee generali, nel corso dell’estate, senza attendere le nuove amministrazioni di Sorrento e di Massa Lubrense, salvo verifiche degli amministratori successivi, il nuovo governo regionale, che potrà essere operativo solo agli inizi del nuovo anno, tantomeno il governo nazionale attuale, che non ha dedicato al turismo l’attenzione che meritava. Chi progetterà prima, e in modo credibile, professionale e realistico, beneficherà dei fondi europei. Gli altri resteranno out. Ho letto molti spunti interessanti, che vanno ricondotti ad unità. Non mancherà il mio piccolo contributo di riflessione. Sto recuperando, pertanto, un’idea progetto elaborata quando ho ricoperto la responsabilità della Cultura nella giunta municipale di Sorrento. Parliamo di quarant’anni fa. Per Benedetto Croce, le idee camminano sulle gambe degli uomini, anche se in ritardo. Allora sembravano progetti visionari, ora potrebbero rivelarsi attuali e rendersi utili.

 

La ringrazio, Senatore Lauro, per questa articolata e illuminante intervista. Restiamo in attesa del suo contributo di riflessione sul turismo.

 



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Sentieri nulla è deciso: Comunicati Amm.neo Sindac

Dopo l'uscita in edicola dell'ultimo numero di Agorà nel quale si parla di ticket di ingresso per i nostri sentieri più belòli, Jeranto, Campanella e Crapolla tra gli altri, si è scatenata una vera e propria marea di commenti sui social, con guide che davano per certa la cosa e poi rettificavano il post dopo che ho spiegato non so a quanti che nulla è stato deciso e da un titolo del settimanale magari senza leggerlo hanno tratto conclusioni affrettate. ieri sera poi è apparso sul sito di prenotazioni on line Evenbrite anche la possibilità di prenotare ???? passaggi al sentiero di Jeranto del quale tutta l'amministrazionenon è a conoscenza e che si riserva di adottare tutto quanto consentitole per capire come sia potuto accadere tutto ciò. A seguire il comunicato del nostro Sindaco affidato alla Sua Pagina Facebook e quello della Vicesindaco ed Assessore al Turismo:

Buongiorno a tutti!
Stamattina vorrei fare un po' di chiarezza su quanto detto e scritto sull'accesso ai sentieri e ai siti di Massa Lubrense.
Sabato, sul settimanale Agorà, è stato pubblicato un articolo che, dal titolo, poteva lasciar intuire che sarebbe stata intenzione di questa amministrazione di rendere l'accesso ai sentieri a pagamento per tutti. Questa fuga di notizie, rispetto a quanto stiamo pensando in gruppo per poter regolamentare gli ingressi, mi porta a dover fare la prima smentita: fin quando ci sarà un'amministrazione da me guidata i residenti non pagheranno per visitare i nostri sentieri. Al massimo, ed è questo quello su cui stiamo lavorando, per taluni sentieri potrebbe essere previsto un ticket di ingresso per i turisti e/o non residenti ed in ogni caso ad un prezzo accessibile. Vi dicevo che si sta pensando a questo provvedimento perché di scritto non c'è assolutamente nulla. Nessun provvedimento in merito è stato firmato. Fatta la seconda smentita ne segue un'altra: si è detto e scritto tanto su come sarebbero usati i soldi che i turisti dovrebbero pagare. La risposta è semplice: i soldi sarebbero usati per la manutenzione dei sentieri interessati. L'ultima smentita riguarda un sito, eventbrite.it, sul quale dalla serata di ieri sarebbe possibile prenotare una visita a Ieranto, Crapolla o Punta Campanella. Innanzitutto il Comune di Massa Lubrense, non ha assolutamente autorizzato la creazione di quest'evento. Parlo di evento perché il sito che ho nominato è appunto un portale per la creazione di eventi e tutti possono crearne anche in forma anonima. Devo quindi presumere che qualcuno, visto quanto si è parlato in questi due giorni, abbia pensato di creare l'evento per continuare a fare falsa informazione e alimentare chi critica senza informarsi. Vi assicuro che farò il possibile per capire chi si è divertito in questo modo.
Per concludere vi confermo che, anche in considerazione del periodo che stiamo vivendo, ci sembra opportuno trovare il modo di regolamentare gli ingressi a Ieranto, Crapolla e Punta Campanella e istituire una procedura di prenotazione a numero chiuso, magari con il pagamento di un ticket per i turisti.
Ciò non toglie che, una volta finita veramente l'emergenza, l'ingresso ai siti tornerà a non essere a numero chiuso.
Detto questo sarà mia cura informare la cittadinanza se e quando saranno prese decisioni certe in merito.
Buona giornata a tutti!
Il Vostro Sindaco

****************


A seguito di un articolo pubblicato sul giornale Agora’ che faceva riferimento al pagamento presunto di un biglietto per l’accesso ad alcuni sentieri di Massa Lubrense, si sono scatenati un rincorrersi di voci e commenti su facebook e, personalmente, ho ricevuto numerose telefonate da amici, guide turistiche e ambientali che mi chiedevano chiarimenti in merito. In primo luogo devo evidenziare che l’articolo non ha riportato alcun comunicato ufficiale o dichiarazioni istituzionali dell’amministrazione comunale di Massa Lubrense. Ad ogni modo, per una esigenza di chiarezza, devo innanzitutto affermare che tutti i sentieri di Massa Lubrense(circa 100 km di sentieri) sono liberamente fruibili da tutti, già da diverse settimane li stiamo pulendo e manutenendo con impegno e dedizione; ciò detto devo, altresì, precisare che in settimana abbiamo incontrato le Proloco, l’associazione Torca Crapolla e i vertici del FAI affinchè insieme si possa condividere una strategia di fruibilità in sicurezza dei sentieri di Ieranto e Crapolla e conseguentemente delle spiagge libere che li caratterizzano. Oggi ci piacerebbe affermare che tutto è finito, che il rischio di contagio da Covid 19 non esiste più, ma così non è, e da Amministratori responsabili dobbiamo procedere con prudenza e cautela, soprattutto dobbiamo garantire sicurezza e fruibilità a coloro che decidendo di fare un bagno in luoghi unici ma, che senza dubbio, presentano delle criticità in merito al rispetto dell’obbligo di distanziamento. Ciò detto ci stiamo serenamente confrontando, al fine di organizzare per Ieranto, Crapolla e se sarà necessario anche per Punta Campanella, ingressi contingentati e presidiati da custodi, con prenotazione settimanale al fine di evitare che vi si possano riversare, come oramai accade da anni, centinaia di persone con inevitabili dannose conseguenze. In questi incontri abbiamo ragionato, sulla possibilità di chiedere esclusivamente dal 15 giugno al 15 settembre ai NON residenti a Massa Lubrense, ad esclusione di tutti i bambini al di sotto dei 12 anni, un modesto contributo di accesso a questi tre siti, destinando la somma, eventualmente ricavata, esclusivamente al servizio di prenotazione, guardiania e manutenzione del sentiero. In ogni caso, è evidente, per quanto innanzi detto, che ad oggi nulla è stato deciso e sull’argomento è stata convocata una specifica riunione di gruppo, affinchè nei prossimi giorni si possano comunicare regole chiare e precise a tutti coloro che desiderano godere della straordinaria bellezza dei siti in questione.

L’assessore al turismo

Giovanna Staiano

 

 

Grazie sindaco per il tuo chiarimento. Come sempre sei molto attento e preciso. Voglio solo sottolineare la malafede di alcuni concittadini che pubblicano articoli e notizie false. A loro voglio dire che ormai sono arrivati proprio al limite della decenza!!! Ma state un po' zitti e pensate alle cose importanti invece di infangare chi lavora per il bene di tutti i massesi.

di Utente rimosso, 01/06/2020 - 12:18


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il saluto d Carlo Franco al Notaio Iaccarino

Dal Corriere del Mezzogiorno di ieri, grazie a Gaetano Milone per l'attenzione e Complimenti Carlo per il bel ricordo


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Iniziativa per pulire i nostri fondali

Da Lo Strillo della Penisola per il quale ringrazio l'amico e giornalista Gaetano MIlone

Un’operazione complessa e delicata quella di “Mare vivo”, svolta da professionisti della subacquea su di un fondale di trenta metri, con l’ausilio di palloni per il recupero.

 

Ambiente e Coronavirus. La passione per la tutela e salvaguardia dell’intero ecosistema marino supera paure, angosce per un domani diverso, blocco di tutte le attività turistico-ricreative- I soci di Marevivo Penisola sorrentina presieduta da Maria Rosaria Di Natale campionessa del mondo di fotografia subacquea insieme al marito Enrico Gargiulo e mamma di Marco fotosub di fama internazionale, hanno ripreso la propria attività di pulizia dei fondali marini in penisola sorrentina in prospettiva di un rilancio della balneazione, della libera fruizione di un mare incontaminato.

Sub volontari di Marevivo Penisola Sorrentina immergendosi nello specchio d’acqua antistante Marina Grande a Sorrento, set cinematografico a metà anni del secolo scorso di Pane, Amore e… con Sofia Loren e Vittorio De sica, una trentina tra lettini e sedie, quindici ombrelloni più una scala ed una ringhiera in ferro.

I sub dell’Associazione Ambientalista, Toni Maresca ( sommozzatore della Guardia di Finanza)  e Franco De Gregorio (Presidente della società Coport di Sorrento), con la barca appoggio di Antonino Maresca, alle prime luci dell’alba di, venerdì scorso hanno proceduto al recupero di parte delle attrezzature balneari del famoso villaggio turistico Santa Fortunata, “risucchiate” a mare durante la terribile mareggiata del 23 febbraio 2019 che distrusse tra l’altro strutture balneari nella vicina Marina Grande facendo inabissare anche un peschereccio.

” In questo periodo di rallentamento della maggior parte delle attività dovuto all’allarme Coronavirus – ha spiegato Toni Maresca, la delegazione Marevivo Sorrento Penisola Sorrentina continua ad operare, ieri, con la campagna di sensibilizzazione per il corretto smaltimento di guanti e mascherine ed oggi con la pulizia dei fondali

Gaetano Milone



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

E da oggi anche il Buono de La Tavernetta a Puolo



Piano piano tutti i nostri ristoratori cominciano, pur con le disposizioni previste dalle limitazioni governative e regionali in ottica di evitare possibili ritorni del maledetto coronavirus,   a riaprire le Loro attività ferme ormai da due mesi ed io sono ben lieto, da queste pagine, a notiziarVi al riguardo.

 

E, da oggi parte ed è già operativo con le Sue specialità marinare e non solo, i dolci, le e le Sue, in  uno dei posti più belli di Massa sulla nostra meravigliosa spiaggia di Puolo il Ristorante Pizzeria la Tavernetta della famiglia Mastellone, della grande tradizione culinaria massese.

Per eventuali informazioni e prenotazioni, ormai sono consigliabili se non indispensabili contattare lo 0815339797 o 33498553984. Buon Lavoro amici

 

Questo il Loro gradito messaggio che, ringraziando per l’attenzione, pubblico

 

.....con la massima attenzione e il buon senso ...la Tavernetta riapre.

come nostra abitudine e vocazione, torniamo a lavorare in totale trasparenza e sicurezza ribadendo concetti di ordine e pulizia che da sempre sono principi cardini del nostro operato,continueremo ad attenerci alle norme decretate.....ci appartiene ....lo facciamo ogni giorno.

Al di là del metro di distanza cercheremo di dare la sensazione di spazio e tranquillità ai nostri clienti.....

Da marina di puolo è tutto😀

 

Vi aspettiamo


Famiglia Mastellone

 

 

famiglia mastellone




Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Giovedì 4 Interruzione Gori e autobotte a La Lobra
Meglio prender nota Amici de La Lobra:

Gentile Utente,
GORI comunica che per consentire opere su reti o impianti finalizzate al miglioramento del servizio, sarà sospesa l’erogazione idrica dalle 08:00 alle 16:00 di giovedì 4 giugno 2020, nelle seguenti zone di MASSA LUBRENSE:

Via Cristoforo Colombo,
Via Pipiano,
Via Fontanella,
Via Vincenzo Maggio dal civ. 19,
Via Rosa tratto terminale,
Marina della Lobra.


SERVIZIO IDRICO SOSTITUTIVO con AUTOBOTTE presso:
Via V. MAGGIO n. 19 – 21, parcheggio di fronte Hotel Piccolo Paradiso, per tutta la durata della sospensione.

Si segnala che alla riapertura del flusso idrico potrebbero verificarsi transitori fenomeni di torbidità dell’acqua, di breve durata, per i quali si consiglia di far scorrere per alcuni minuti l’acqua dai propri rubinetti.

Ci scusiamo per il disagio.



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Nato al cielo il notaio Carlo Iaccarino



E' volato in cielo il caro notaio Carlo Iaccarino un gentiluomo di altri tempi ed innamoratissimo della nostra Massa come lo ricorda l'amico e giornalista Gaetano Milone su Lo strillo della Penisola del quale riporto l'articolo ringraziandoLo per l'attenzione.
Da queste pagine anche l' abbraccio da parte mia, della mia  famiglia e dei miei Visitatori  alla Sua famiglia ed in particolare al caro figlio  Giancarlo del Quale ho avuto modo di conoscere la Sua simpatia, affabilità  e disponibilità, il caro Presidente del Circola Mautico Lobra, che oggi ha issato la bandiera a mezz'asta in segno di lutto   e  per il Caro Carlo quest'oggi la nostra preghiera

E’ scomparso il notaio Carlo Iaccarino, gentiluomo d’altri tempi, rappresentante di quella genia di professionisti galantuomini che hanno saputo vivere da protagonisti, al passo con i tempi, la crescita sociale e culturale della città di Napoli e della sua provincia.

Di profonda umanità e grosso prestigio professionale ha  svolto con totale imparzialità una funzione sociale di grande rilievo in momenti essenziali della vita del cittadino – amico, tutelando soprattutto i più deboli alle prese spesso con atti e pratiche di diffcile comprensione e soluzioni

Console onorario del Perù ha scandito con la sua presenza rassicurante i momenti più importanti  della vita della sua città

,  Ha amato profondamente la penisola sorrentina, il suo mare, le sue storie.

A Massa Lubrense in particolare lo ricordano quale animatore di grosse inziative sociali, culturali e sportive.

Era legatissimo alla Madonna del Vervece, la protettrice dei sub e degli uomini di mare e testimone  quale socio del  Circolo Nautico Marina della Lobra delle origini del culto, nel 1975, l’anno dopo il record del mondo di immersione in apnea di Enzo Maiorca con la posa della statua a 12 metri di profondità .

Il figliuolo Giancarlo, notaio a Massa Lubrense e Presidente del Circolo Nautico Marina della Lobra, quest’anno, celebrerà in modo particolare la memoria religiosa dell’amato papà, con l’apposizione  sulla parete emersa dello scoglio del Vervece, di una “preghiera” alla Madonnina sommersa, scritta dal notaio Carlo a testimonianza della sua fede religiosa, del suo amore per il mare.

Alla signora Titti, al nostro fraterno amico Giancarlo, alla nuora Fabiana, ai nipoti Allegra e Carlo, un abbraccio fraterno dai tanti amici di Massa Lubrense, dall’Amministrazione Comunale, dalla Fondazione Vervece, dalla grande famiglia del Circolo Nautico Marina della Lobra, dall’Area Marina Protetta “Punta Campanella”, nel ricordo commosso del benemerito notaio Carlo.

Gaetano Milone



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

La veglia di Pentecoste dell'ex cattedrale

Domani alle 19,00 in streaming sul canale you tube (clicca qui) della nostra ex Cattedrale la Veglia di Pentecoste. In apertura la locandina per la quale ringrazio il nostro Don Gennaro Boiano.

Dalla pagina Facebook della nostra antica ex Cattedrale:

VEGLIA DI PENTECOSTE
Unità Pastorale di Massa Lubrense
Sabato 30 maggio 2020 alle 19:00
Saremo in diretta sulla pagina Antica Cattedrale di Massa Lubrense e sul canale YouTube


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Covid19: Tampone Positivo a Massa

Ieri sera il nostro Sindaco ci ha comunicato che è stato riscontrato nella nostra Massa un tampone positivo. La persona interessata gode di buona salute e da queste pagine i nostri auguri per una veloce guarigione.
Noi continuiamo a fare i bravi ed a rispettar tutte le norme. Dal Sito del Comune:

Comunicato del Sindaco:

Purtroppo devo comunicarvi che non è finita... mi hanno appena comunicato che una nostra concittadina è risultata positiva al tampone. Si tratta di una operatrice sanitaria che è in buone condizioni di salute. Formulo a lei i migliori auguri di una pronta guarigione. A noi il dovere morale di essere responsabili nei comportamenti e di non abbassare la guardia, di indossare le mascherine e di applicare il distanziamento.

Il Sindaco
Lorenzo Balducelli


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il Sindaco emette oprdinanza 107 a rettifica della

MODIFICA ORDINANZA SINDACALE N. 105 DEL 27.05.2020

In riferimento all'ordinanza n. 105 pubblicata ieri, tengo a precisare che la disposizione relativa alle planimetrie di attività di somministrazione alimenti e bevande e stabilimenti balneari era stata fatta per evitare che in caso di controlli con clienti presenti, si procedesse con delle misurazioni. In tal caso i titolari potevano consegnare alle forze dell’ordine la planimetria ed evitare imbarazzo alla clientela. Questo il motivo.
Davanti alle difficoltà comunicatemi da diversi operatori ho provveduto alla modifica dell’Ordinanza eliminando l’obbligo di planimetria. Il mio voleva essere un aiuto e non aggravio per gli operatori.

Per quanto riguarda le spiagge libere preciso che esse saranno fruibili dal 6 giugno, nell’attesa di una difficile regolamentazione delle stesse. Tale decisione è stata concordata da tutti i sindaci della Penisola Sorrentina nell'incontro di lunedì 25 maggio

Il nostro Sindaco

Ne facciamo tutte ordinanze... E intanto c'è un altro caso.
di Utente rimosso, 28/05/2020 - 19:13

Sulle spiagge libere Andrebbero messi i cartelli indicanti l'interdizione poiché ci sono persone che tra quillamente fanno il bagno e prendono il sole. Controlli zero.
di Utente rimosso, 29/05/2020 - 17:04

A marina di Puolo se ne fregano dell' iterdizione!!!! Si nuota e si sta distesi al sole!!! Assenza totale di controlli vergogna!!!!!!!!!
di Utente rimosso, 29/05/2020 - 17:09


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Ciao Salvatore riposa in pace

Da queste pagine il nostro abbraccio e le nostre condoglianze ai congiunti tutti , tra Essi in primis  la moglie Maria Antonina, i figli Rosa, Maria e Raffaele, il fratello Antonio, la cognata Pauline, il Suocero Francesco  ed i parenti tutti  del caro marito, papà,  e genero Salvatore Iovine, il caro Tatore 'e Filone, una cara persone che conoscevo da sempre,   volato in cielo quest'oggi  dopo una vita dedicata alla famiglia ed al lavoro e dopo una lunga malattia. Domani  la Cerimonia funebre nell'ex Cattedrale di Massa ll'arrivo del corteo funebre che partirà dall'ospedale di Sorrento alle 10.00, sapete che ormai sono consentite le funzioni religiose in Chiesa pur con le dovute limitazioni. Oggi la nostra Preghiera è per Lui. Grazie alla Zarrella e Starace perchè ci dà la possibilità in questi giorni in cui non possiamo uscire per ogni motivo  di casa, di venire a conoscenza della nascita al Cielo di un nostro Amico, Conoscente o Parente e di recitare una preghiera per la Sua Anima ed abbracciare virtualmente i congiunti. Ciao Salvatore.


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Raffaele Lauro: Comunicato su Hong Kong

HONG KONG. LA REPRESSIONE DELLA DITTATURA COMUNISTA CINESE. IL SILENZIO OMERTOSO DELL’OCCIDENTE DEMOCRATICO. I “SUCCESSI” DEL MINISTRO DI MAIO

 

di Raffaele Lauro*

 

 

Altre giornate di brutale repressione poliziesca delle manifestazioni popolari, in corso ad Hong Kong, riprese, dopo il break imposto dalla pandemia Covid-19, contro la legge sulla sicurezza nazionale, in seconda lettura, presso il parlamento (si fa per dire parlamento!) di Pechino. Se dovesse passare quella legge, e certamente passerà, per la ex-colonia britannica significherà la perdita di qualsiasi autonomia, sia pure mascherata, e di qualsiasi pur minima libertà per i cittadini di Hong Kong, che torneranno sudditi silenti o perderanno la vita! Hong Kong cadrà, come qualsiasi provincia cinese, sotto il “tallone di ferro” della dittatura comunista di Xi Jinping, il “santo protettore” del nostro ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio, il novello “Marco Polo” della politica italiana. Il grido dei giovani di Hong Kong invoca l’indipendenza, una parola che costituisce una minaccia diretta al cuore del potere cinese. Indipendenza significherebbe democrazia. Democrazia significherebbe la morte della dittatura comunista. Quel grido di aiuto non viene raccolto dall’omertoso Occidente democratico, con la vile scusante della non interferenza diplomatica negli affari interni della Cina e della crisi economico-sociale che sta flagellando tutti i paesi democratici: 1) Trump blatera, ai fini elettorali e ad alta voce, minacce contro la Cina, che cadono nel vuoto, in quanto le connessioni finanziarie, economiche e commerciali, tra Washington e Pechino, non gli consentono di porre in essere alcuna reale deterrenza; 2) Londra tace, nonostante abbia, a riguardo, una responsabilità storica verso l’ex-colonia; 3) l’Unione Europea gira la faccia dall’altra parte, presa dalle sue convulsioni interne; 4) lo stesso Papa Francesco appare condizionato dalla sua “realpolitik” verso Pechino e dalla realizzazione del suo “sogno” di una visita pastorale presso il popolo cinese; 5) da ultimo, il Governo Conte e il Ministro Di Maio restano muti per non rinunziare alle loro fallaci illusioni, legate al progetto “La via della seta”. Nell’esaltare il memorandum Italia-Cina, da lui sottoscritto per il nostro paese, il giovane statista di Pomigliano d’Arco ebbe a dichiarare: “Nel 2020 ci sarà l’anno della svolta, tra l’Italia e la Cina, specie per il nostro turismo e per il nostro Made in Italy! Nel 2020 arriveranno i frutti della Via della Seta!”. La “Belt&Road Initiative” ha prodotto, finora, due soli “frutti”, peraltro nefasti per il nostro paese. Export verso la Cina zero. Import dalla Cina due: 1) il coronavirus da Wuhan, che ci ha rovinati; 2) i milioni di mascherine cinesi, di pessima fattura, ma pagate profumatamente! Complimenti vivissimi, Signor Ministro Di Maio, la via della seta è un altro suo autentico trionfo, che spiana la strada all’imperialismo economico di un regime totalitario ! Di questo, gli artigiani, i commercianti, i ristoratori, gli albergatori e tutti gli operatori economici italiani, imprenditori e lavoratori, le saranno eternamente grati. Sic transit gloria mundi!

 

* Scrittore, saggista, già prefetto e senatore della Repubblica (www.raffaelelauro.it)


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Potremo essere contattati dalla Croce Rossa


Massa Lubrense e Piano di Sorrento, in Penisola Sorrentina, sono stati selezionati dall’ ISTAT nel campione nazionale dei 150.000 test sierologici che serviranno a mappare la diffusione del contagio e degli anticorpi in Italia. Un piccolo gruppo di nostri concittadini, scelti a campione, sempre dall’istituto nazionale di statistica, sarà contattato dalla Croce Rossa italiana per un prelievo venoso che servirà ad effettuare le analisi per la definizione delle IGM e IGG. La partecipazione allo screening nazionale sarà gratuita e volontaria. Pertanto chiediamo alle persone selezionate, che saranno contattate da un numero telefonico che inizia con 06 5510, di aderire all’iniziativa per dare un contributo alla conoscenza ed aiutare i ricercatori nel contrasto al COVID 19.


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

E sabato riapre anche il Bar Fiorentino

E stasera, da queste pagine, setmperando un po' di amarezza accumulata nelle ultime ore il forte "In bocca al lupo!" mio e dei miei Visitatori agli amici  del Bar Pasticceria Fiorentino di Via Nastro Azzurro a Sant'Agata, la nostra Pasticceria che fa onore a Massa,  che dopo una  pausa ed al costo   di tanti sacrifici non solo economici per via del Coronaviruus sabato 30 maggio  riapriranno il Loro esercizio, punto di riferimento per la voglia di buono di tanti residenti ed  ospiti.
Forza Ragazzi,   andrà tutto bene!
Auguri amici per tanti nuovi successi in campo professionale  e personale.




Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Notte in bianco per amore


La notte appena trascorsa è stata una notte in bianco come di quelle che non vivevo da un secolo, di quelle in cui non riesci a prender sonno per una delusione d’amore, di quelle che tutti noi viviamo da giovani e che poi scemano quando trovi l’amore, quello giusto.

Ecco quella è stata per me la nottata appena trascorsa ma l’amore che non mi ha fatto prender sonno non è stato quello per una donna ma per la mia Massa.

Sono rimasto male per quello scambio di accuse tra i nostri maggiori esponenti politici affidato ai social e come me tanti di noi che li stimano e che non capiscono il perché di tanto astio in un momento così triste e difficile per tanti di noi per motivi economici e sanitari.

Uno scambio al veleno che avrà messo in difficoltà nell’esprimere un giudizio pacato da parte di tanti cittadini, un po’ come quando litigano i nostri genitori, due parenti a noi cari o due nostri amici e tu ti trovi tra l’incudine ed il martello mentre avrà dato adito a “tifosi” politicamente parlando di commentare questo diverbio guardando solo dal Loro lato della medaglia.

Io in questo momento non sono il Consigliere comunale Lello Acone ma sono il Lello Acone creatore di queste pagine,  “vuvuvu”, come mi soprannomina simpaticamente l'amico Enzo Carratù, pagine che stanno per compiere il loro primi quattordici anni con il Loro fagotto di più di tre milioni di pagine viste e di più di due milioni di visite, anni nel corso dei quali hanno informato tanti nostri concittadini ed altrettanti altri sparsi ai quattro angoli del mondo di tutto, o forse quasi tutto, di quello che avveniva nella Loro Massa, la Loro Patria Peccerella per dirla alla Don Saverio e tanti dei quali non l’hanno mai vista ma ne hanno sentito parlare dai Loro genitori o nonni che la lasciarono tempo fa in cerca di miglior vita.

Ed io Lello Acone vorrei chiedere, anche a nome dei miei tanti Visitatori, mi sia concessa questa licenza, chiedere, dicevo,  ai nostri Amministratori, per quanto possano, stemperare un poco i toni, perché il “Mo basta di qui” e il “Mo basta di lì!” mette in difficoltà i cittadini che mai come in questo difficile momento non possono fare a meno di salute, lavoro e sicurezza economica ma certamente potrebbero fare a meno di questi screzi che volenti o nolenti hanno anche creato divisione in qualche ambito familiare.

Io non sono nessuno, sono l’ultimo dei consiglieri Comunali, ma voglio bene alla mia Massa ed ai Massesi, ho avuto un sereno confronto con tutti gli Amministratori Comunali da quindici anni a questa parte rispettandoci sempre nel nostro ruolo rivestito, il mio primo ruolo da consigliere di opposizione, poi da candidato a sindaco trombato e poi da consigliere di maggioranza, dando Loro la mia sempre manifesta disponibilità a servirsi di queste pagine per ogni comunicazione che volessero fare alla cittadinanza, io non sono nessuno dicevo, ma dopo aver letto ieri alcuni post ed alcuni commenti che, confesso, non ce l'ho fatta a leggerli tutti, , ho spento pc e, piangendo, mi sono avviato alla notte insonne e manco ho voluto leggerli oggi.

La politica per me, sarò pure ignorante, non è questo e soprattutto la politica non deve dividere famiglie perché essa passa mentre il sangue non cambia gruppo con il tempo.

Scusate lo sfogo ed il dispiacere, ormai come in tante occasioni belle o brutte sapete che non mi so stare “concio” e non so fare  a meno di scrivere quel che mi passa per la capa con la tastiera. Scusate ancora, Vi voglio bene

Lello


Io credo che in un momento così delicato come questo la politica dovrebbe essere messa da parte ed il sindaco ha gestito magicamente questo triste e difficile momento
di Utente rimosso, 27/05/2020 - 23:01

Non è una bella pagina ma può capitare di perdere le staffe.
Hai ragione su tutto ma la politica ed anche la vita è sempre condizionata da vicende personali, interessi economici, posizioni ideologiche e culturali, voglia di apparire, necessità di accontentare l’elettorato.
Il mondo ha sempre girato così!
Il tuo “ vuvuvu” è lo strumento democratico più utile per la comunità Massese.
Avevo notato un calo di commenti ed avevo pensato che fosse causato dalla fine della quarantena e quindi dal ritorno alle faccende ed ai problemi della quotidianità.
Evidentemente era solo che continuavamo ad attingere informazioni oggettive che non erano da commentare.
Appena si è acceso il dibattito politico si è ripresa la discussione.
È un bene . caro Lello, è chiaramente il segno di partecipazione.
Quindi sorridi non versare le lacrime per gli stolti, ognuno scriva quello che vuole senza insultare o tirare in ballo vicende personali o familiari o argomenti non attinenti al dibattito.
Forza Lello VUVUVU!

P.s : ti mando un messaggio privato di solidarietà. Mi sento estraneo alle guerre personali ed alla bagarre elettorale ma ritengo prezioso il contributo alla quotidianità e le notizie ed informazioni che raccolgo sul tuo sito.

___________aggiutno da lello: garzie lo attendo con piacere
di Utente rimosso, 28/05/2020 - 06:34

Caro Lello è vero che la politica non deve dividere le famiglie, anzi dovrebbe avere la forza di unirle,di unire il paese intero,soprattutto nei moneti di difficoltà come quello che stiamo vivendo e che ci apprestiamo a vivere....però è anche vero che lo scambio di accuse tra i nostri amministratori ha segnato una brutta pagina della politica massese....ma Lello credimi ci sono errori da entrambe le parti sopratutto nel modo di esprimersi e di esternare le cose, i fatti le circostanze. Però consentimi che il Sindaco, pur facendo un grande atto di umanità, mentre lo faceva doveva solo pensare che nelle condizioni della signora a cui è stato concesso la visita al cimitero, ci sarebbero state tante altre persone che hanno versato lacrime in silenzio per non poter vedere i loro cari defunti neanche durante le festività di Pasqua.E allora,caro Lello, il Sindaco da grande persona umana, poteva benissimo fare una deroga all'ordinanza e consentire il giorno della festa della mamma a far entrare tutte le mamme e tutti i figli al cimitero per una preghiera veloce e silenziosa, e non ad una sola persona in particolare
di Utente rimosso, 28/05/2020 - 12:47


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Emessa ordinanza ristoranti e spiagge

In data odierna dopo alcuni episodi, che non riesco a trovare aggettivi opportuni per definirli,  avvenuti sulle nostre spiagge, il sindaco Balducelli ha emesso in data odierna l'ordinanza sindacale n. 105 con la quale vengono impartite disposizioni ai titolari delle attività di ristorazione e di balneazione su arenili in concessione.
Cliccando qui l'ordinanza che prevede  tra l'altro la presentazione da parte dei titolari di spiagge in concessione e di locali  la documentazione di come hanno adattato i loro spazi in base alle disposizioni vigenti  e l'inibizione delle spiagge libere fino a quando non saranno predisposti i relativi piani comunali
caspita! un'intera giornata per preparare una planimetria non è troppo? non sarebbe stato più divertente chiederla entro il giorno stesso?
di Utente rimosso, 27/05/2020 - 18:41

Burocrazia impera ed impone.
di Utente rimosso, 27/05/2020 - 19:08

Speriamo che così non si debba più assistere a video e foto di ciò che è accaduto domenica a marina del cantone...dove imperava l'arroganza e la totale noncuranza delle varie norme. Alla faccia di chi le norme le rispetta e vorrebbe stare in salute. È stato uno spettacolo vergognoso. Ma le immagini che trasmettevano da Bergamo con i vari camion militari le hanno già rimosse? Mi auspico che dopo questa ordinanza ci siano i controlli. Ma non quelli fatti alla carlona, ma quelli seri degni di un paese civile di cui tanto parliamo ma di cui ne sappiamo ben poco, perché davanti agli interessi economici cadono tutte le norme, i controlli e va avanti solo più furbo e a manigliato e i poveri mortali devono solo soccombere...penso sia ora di finirla! Le leggi ci sono e tutti, dico tutti, devono rispettarle!
di Utente rimosso, 28/05/2020 - 12:08

Ho letto che il sindaco ha tolto l'obbligo di fornire la planimetria, come invece era,era, scritto nell'ordinanza del 27 :adesso faranno, come sempre, i loro comodi, perché non ci sarà nessuno strumento di controllo. I tavoli e i lettini saranno sempre nello stesso numero in barba a qualsiasi regola... Beh auguriamoci un bella visita del nostro presidente, sarebbe molto divertente vedere cosa ne pensa! __________aggiunto da lello: comm s fa sfa..
di Utente rimosso, 28/05/2020 - 13:08

Trovo ingiusto che per colpa di qyalcyni debbano pagare tutti.rusalire a chi e stato e fare o una multa salatisdima o la prosdima il ritiro della licenza.i controlli bon ci sono?siamo tutti colpevoli chi vede deve denunciare basta lamentarsi forse non si e capito il momento.
di Utente rimosso, 29/05/2020 - 18:49

Caro utente delle 18.49,do o d'accordissimo con ciò che proponi, purtroppo qui gli interessi economici sono più importanti di quelli della salute pubblica e, cosa ancor più grave, che colpisce non solo Massa, ma tutta la penisola, è che l'ignoranza è direttamente proporzionale alla disponibilità economica. Non sempre ma spesso!
di Utente rimosso, 30/05/2020 - 08:16


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati