Password Dimenticata?
Registrati
Massa e dintorni ....in Corso
In edicola Agorà. A termini conclusi i lavoro Centro diversamente Abili. Palazzetto e wifi pubblico: comunicati. La Folgore Vola. A Massa il Gran Concerto di natale. Gli orari Sita per le festività. Al via corsi musicoterapia ed ippoterapia dell'ASP. Le commedie di Natale degli amici di Torca e Pastena. Il programma degli eventi natalizi del Comune.
La frase di oggi.
In amore non vince nessuno, ci si ama e basta. Se c’è qualcuno che deve vincere o perdere, allora non è amore.
Pubblicità
Il vangelo del Giorno
Il Vangelo di Oggi

 

Lello Acone - un innamorato di Massa Lubrense

L'amore che Raffaele Acone, per gli amici Lello, nutre per la propria terra, Massa Lubrense, ha dato vita già da alcuni anni a questo progetto. Tanti sono gli argomenti che ruotano intorno al nostro bel paese di cui discutere. Lo sport e la politica, la scuola ed il commercio, quello che accade per le strade di Massa e quello che dice la gente sono solo alcuni dei temi che ci stanno a cuore.

Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! (John F. Kennedy)

Agenda del Giorno
ATTENZIONE: AGENDA NON AGGIORNATA Buongiorno amici. Oggi è il 27 dicembre ed è venerdì. Il tempo a Massa si prevede sereno, temperature comprese tra 9°e 13° vento che soffia a 13 km/h da nord ed umidità al 51%. Il sole sorge alle 7 e 24 e tramonta alle 16 e 43 mentre la luna, calante, 8% sorge alle 8 e 26 e tramonta alle 17 e 57 Oggi si festeggia San Giovanni Apostolo E stamattina i nostri auguri di Buon Onomastico a Chi porta questo bel nome ed a seguire i nostri auguri di Buon Compleanno che oggi vanno agli amici Don Rito Maresca il nostro indimnticato Parroco, Sonia Somma, Francesco Staiano, Tatyana Zaccagnino e Giorgia de Simone. Buon Compleannno amici e che possiate trascorrere una lieta giornata circondati da chi Vi vuol bene.
Il nostro Libro degli Ospiti
In edicola Agorà. A termini conclusi i lavoro Centro diversamente Abili. Palazzetto e wifi pubblico: comunicati. La Folgore Vola. A Massa il Gran Concerto di natale. Gli orari Sita per le festività. Al via corsi musicoterapia ed ippoterapia dell'ASP. Le commedie di Natale degli amici di Torca e Pastena. Il programma degli eventi natalizi del Comune.
Ciao Angelina in Paradiso Ti accolgano gli Angeli

E oggi pomeriggio devo, con mestizia, ancora aggiornare   le mie pagine con la triste notizia di un'altra nostra Concittadina chiamata al cospetto del Signore pregando  lo Spirito Santo Consolatore affinchè La accolga  lassù e doni la Sua consolazione ai familiari che la piangono quaggiù.

Da queste pagine, allora, la nostra partecipazione al dolore immenso che ha colpito le famiglia Francavilla di Termini per la perdita, dopo una vita dedicata interamente alla famiglia,  della cara ed amata mamma, sorella, suocera e  nonna Angelina Francavilla che tutti conosciamo come Angelina e' pzztton   nata al cielo stamattina
Ai congiunti tutti, distrutti dal dolore, in particolare, ai cari figli Mario, Carmela, Alessandra, Pasquale, Silvio e Gianluca, ai generi, alle nuore, alle sorelle,  ed ai congiunti tutti  le sentite condoglianze, mie, e di Tutti i miei Visitatori mentre per la cara Angelina già Angelo questa sera la nostra preghiera. Ciao Angelina!

Grazie alla Zarrella e Starace perchè  dà la possibilità  a Chi  non può uscire di casa e penso alle Persone anziane o malate di venire a conoscenza della nascita al Cielo di un Loro Amico, Conoscente o Parente e di recitare una preghiera per la Sua Anima ed abbracciare virtualmente i congiunti.

La cerimonia funebre domani mattina alle 9 e 30  nel Campetto Parrocchiale di Termini.


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Giovedì 29 ottobre a Massa in memoria Carlo Franco



Ricevo dal nostro caro Don Gennaro Boiano che ringrazio per l'attenzione:

Il nostro Paese in lutto piange la morte del Giornalista Carlo Franco napoletano di origini ma con il cuore e la presenza costante cittadino di Massa Lubrense.

La Parrocchia dell'Antica Cattedrale vuole ricordarLo con gratitudine pregando per Lui con una messa in suffragio che si terrà giovedì 29 ottobre 2020 alle ore 19,00
Don Gennaro

:


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il Sindaco assegna le deleghe

Il Sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli con proprio atto ha attribuito agli  assessori  le seguenti deleghe:

 

avv. Giovanna Staiano-  Vice sindaco, Turismo, Manifestazioni, Attività Produttive.

 

Avv. Sergio Fiorentino- Bilancio e programmazione economica, Cultura, Tributi, Attuazione del programma, Qualità della vita e democrazia partecipativa, Urbanistica, Edilizia Privata, Demanio e risorsa mare.

 

Ing. Domenico Tizzano- Manutenzione, Sentieristica, Tutela paesaggistica, Condono.

 

Dott. Michele Giustiniani- Personale, Sport, Verde pubblico e  arredo urbano, Risparmio energetico, Sicurezza e video sorveglianza, Rapporti con enti e associazioni.

 

Dott.Nunzia Sonia Bernardo: Ambiente ed ecologia, Pari opportunità, Salute, Connettività.

 

 

Con ulteriore atto ha attribuito ai Consiglieri Comunali i seguenti incarichi:

 

Mina Minieri- Politiche sociali e politiche giovanili.

 

Raffaele Acone- Sevizi informatici, Trasparenza e partecipazione, Rapporti e sportello con il cittadino, Anagrafe, Cimieri.

 

Antonella Caputo- Pubblica istruzione, Iniziative culturali per l’infanzia, Rapporti con ASP Istituti Riuniti Assistenza Infanzia.

 

Antonino Esposito- Protezione Civile, Patrimonio, Agricoltura, Randagismo, Caccia e pesca, Mostre e fiere.

 

Carolina Mazzella- Contenzioso, Promozione dell’immagine, Trasporti, Rapporti con Enti sovra comunali.

 

Il Sindaco, inoltre, nella prossima assemblea del Consorzio di gestione dell’Area Marina Protetta “Punta Campanella” proporrà come presidente il consigliere Lucio Cacace.

 



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Carlo Franco: IL ricordo del Professore Sigismondi

Caro Lello, sarai gentile di pubblicare, se possibile, l\\'acclusa testimonianza in occasione della scomparsa di Carlo Franco
Grazie
Luigi

Ci legava da decenni una reciproca sincera stima. La triste notizia mi ha profondamente colpito. Carlo Franco era un amico, aperto e cordiale secondo lo stile del verace napoletano. Mi resterà sempre vivo nell’animo e nella mente il ricordo degli incontri culturali ai quali abbiamo partecipato insieme nella circostanza di manifestazioni organizzate da enti vari e dalla civica Amministrazione o per la presentazione di opere letterarie di comuni amici, lui maestro della parola, io modestisssimo …cobelligerante (sí, perché non mancavano in quelle occasioni dibattiti piú o meno accesi tra gli intervenuti).
Non mi dilungo, caro Carlo, ti dico soltanto grazie per le tante cortesie e … a rivederci.
Luigi Sigismondi

aggiunto da Lello: Grazie a Lei caro professore


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Carlo Franco:il ricordo di Antonino e Gaetano

Anche se avevo deciso di chiudere queste pagina non posso non aggironarle con i commoventi ricordi del grande Carlo fattimi pervenire da due amici giornalisti e grandi amici di Carlo che con me Lo pianggono e stoi parlando di Antonino Sinioscalchi e Gaetano Milone che rispettivamente dalle pagine de Il mattino e de Lo Strillo della Penisola ci lasciano questi bei ricordi di Carlo:

ADDIO A CARLO FRANCO, MAESTRO DI GIORNALISMO. MASSESE D'ADOZIONE.

La prima domanda che mi sono posto, nell'apprendere la triste notizia, è legata alla sua affettuosa militanza massese. Chissà se Peppe 'e Sabatiello (il compianto Giuseppe Ruocco) gli avrà fatto un "pernacchio" al suo arrivo lassù. Si, perchè, l'aneddoto è storia e memoria, raccontato dalla viva voce dei protagonisti sulla civettuola terrazza del bar Di Sarno. Negli anni settanta, Carlo Franco lavorava alla Rai di Napoli. Ogni mattina si collegava con il Giornale Radio per il notiziario. L'attacco del collegamento recitava secco: "Da Napoli Carlo Franco". Peppe 'e Sabatiello, come ogni mattina, in macchina andava a Napoli per consegnare la produzione giornaliera del caseificio di famiglia, a via Mulini a Massa Lubrense. Puntualmente, ascoltando "Da Napoli Carlo Franco", si lasciava andare al...pernacchio. Prassi consolidata e saputa. nel corso di un collegamento, dopo il saluto "Da Napoli Carlo Franco", Carlo immaginando il commento ironico di Peppe, sbottò in una risata e non fu facile tornare serio per continuare il notiziario. Sergio Zavoli, direttore del Giornale Radio all'epoca, dopo la conclusione del notiziario, lo chiamò al telefono per capire il motivo della risata. Non fu facile raccontare le motivazioni, ma il fatto suscitò un sorriso anche al Grande Direttore.

La notizia mi addolora. Sì, perché nei miei primi rudimenti di scruttura giornalistica, Carlo fu molto parco di consigli ed insegnamenti. Li ricordo con nitida attenzione. Come ricordo una pagina del Mattino nel periodo della "tangentopoli sorrentina", con tre articoli firmati da Carlo Franco, Ciro Paglia e... Antonino Siniscalchi. La riunione per concordare i pezzi da scrivere su una panchina del "pennino", in piazza Vescovado.

Potrei raccontarne tante, Carlo Franco, in occasione dei grandi fatti della costiera, mi ha sempre considerato il punto di riferimento per approfondimenti e non solo. Mi rimane l'ultima telefonata dello scorso mese di luglio. "Appena vengo a Massa Ti chiamo, dobbiamo vederci, dobbiamo fare una cosa insieme...". Quella telefonata,purtroppo, non ha avuto seguito. Ciao, Carlo, grazie di tutto. Soprattutto per avermi insegnato ad analizzare la notizia con "cinica" osservazione dei fatti!

Antonino Siniscalchi

 

MASSA LUBRENSE PIANGE LA SCOMPARSA DI CARLO FRANCO, GIORNALISTA DI RAZZA

Abbiamo appreso la notizia di quelle terribili ed inaspettate che ci priva di un amico di vecchia data, una guida professionale, di un innammorato di Massa, dove ha abitato per lunghi anni e dove trascorreva le sue vacanze, da Lello Acone sul cui blog Carlo era solito “parlare con i suoi “concittadini massesi”. Lo avevo sentito a settembre per la “Madonnina del Vervece”, mi chiese notizie sulla presenza del Cardinale Sepe, doveva scrivere un pezzo, ci dovevamo vedere, poi comunicò al notaio Iaccarino presidente del Circolo Nautico Marina della Lobra che aveva avuto qualche problema fisico per cui era impossibilitato ad intervenire. Oggi la terribile notizia della sua scomparsa. Una scomparsa che porta con sè ricordi bellissimi della nostra gioventù quando lo ammiravamo quale maestro di giornalismo, di attaccamento sviscerale alla “sua” Massa Lubrense, la sua presenza continua in piazza Vescovado, le amicizie di sempre, l’amore per il mare, le pescate con gli amici. Ci mancherà, mancherà ad ognuno di noi. Che il signore lo abbia in gloria

Gaetano Milone



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Massa Piange Carlo Franco: Pagine chiuse



La notizia mi è scoppiata dentro come un fulmine a ciel sereno ed appena asciugate le lacrime per la perdita di un caro amico, avevamo deciso insieme di aggiornare queste mie pagine con una nuova grafica e con la collaborazione Sua e di altri amici, ho deciso di chiudere queste pagine in segno di lutto e di postare alcune foto che ci riportano al Grande che è stato e sto parlando di Carlo Franco, grande giornalista ed innamorato di Massa come non tanti. Ho iniziato a leggere alcuni dei Suoi articoli che mi inviava ma mi son dovuto fermare perchè il dolore è troppo e di certo mancherà,  e non poco,  a tutti noi.
La foto Sua con un altro indimenticabile,  don Peppino che ci ha lssciato anch'Egli da poco, e mi piace adesso immaginarli insieme in Paradiso a continuare i discorsi che facevano sul Pennino, e la copertina de Il mattino all'indomani del terremoto dell'ottanta,e quest'anno sono quarant'anni, con il Suo articolo e soprattutto il Suo titolo che è rimasto nella storia del giornalismo.
Ciao Carlo riposa in pace e mi piace immaginarTi lassù intrattenere  Angeli, Santi ed i nostri Cari con i Tuoi racconti che quaggiù ci lasciavano sempre incantati.
Un abbraccio alla Tua Signora ed ai Tuoi cari da parte mia, dei Miei Visitatori e della Tua Massa che da oggi è un po' più triste anche se la Tua stella continuerà ad illuminare le nostre sere con la Sua luce che brillerà in etreno.
Ciao Carlo, non ti dimenticheremo mai

ciao Carlo e grazie Lello per il bel ricordo
un amico comune
di Utente rimosso, 20/10/2020 - 20:03


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Delfini giocano nel Parco Marino: Comunicato


Buongiorno, di seguito comunicato e link video delfini in zona A Parco Marino Punta Campanella.
Buon lavoro.

COMUNICATO STAMPA

Delfini giocano nella zona A del Parco Marino

Avvistati ieri pomeriggio nei pressi del Vervece. L' Amp
Punta Campanella con LifeDelfi è impegnata in prima linea nella salvaguardia di questi splendidi mammiferi.

Un paio di delfini, forse più, che saltano e nuotano nella zona rossa a protezione integrale del Parco Marino di Punta Campanella. Sono stati avvistati ieri pomeriggio dall'equipaggio del Bikini Diving, di rientro da un'immersione nell'area marina protetta.
Gli esemplari di Tursiope si sono avvicinati all'imbarcazione a pochi metri dalla zona A del Vervece, lo scoglio celebre per la Madonnina sommersa dinanzi Marina della Lobra a Massa Lubrense.
Il Parco in questi mesi è impegnato proprio in un progetto di salvaguardia dei delfini nel Mediterraneo, LifeDelfi. Coordinato dal Cnr, vede la partecipazione di Legambiente, altre 3 aree marine protette e partner nazionali e internazionali. L'obiettivo è proteggere la specie nel Mediterraneo, sempre più minacciata dalle interazioni con il mondo della pesca. Circa 300 delfini all'anno sono ritrovati morti lungo le coste del nostro paese. A Luglio scorso, 3 esemplari deceduti furono avvistati nel mare tra la costiera amalfitana e la penisola sorrentina. Due con evidenti ferite sul dorso, il terzo in avanzato stato di decomposizione nei pressi di una scogliera. Il progetto LifeDelfi intende coinvolgere i pescatori nella tutela dei delfini, attraverso l'utilizzo di dissuasori sonori e luminosi che possano tenerli lontani dalle reti e con l'uso di attrezzi da pesca a minore impatto. Previste anche squadre di soccorso per delfini feriti o in difficoltà. Il progetto, dopo un rallentamento dovuto al lockdown dei mesi scorsi, è ora in fase di realizzazione.

Link video: https://www.facebook.com/1616145815297505/posts/2863568117221929/



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Ciao Rita,altranostra nonnina daoggi congli Angeli


E  devo, prutroppo con mestizia, ancora aggiornare   le mie pagine con la triste notizia di un'altra nostra Concittadina chiamata al cospetto del Signore pregando  lo Spirito Santo Consolatore affinchè La accolga  lassù e doni la Sua consolazione ai familiari che la piangono quaggiù.

Da queste pagine, allora, la nostra partecipazione al dolore immenso che ha colpito le famiglie Amitrano e Fontana   di Termini per la perdita, dopo una vita dedicata interamente alla famiglia,  della cara ed amata mamma, sorella, suocera e  nonna Rita Amitrano vedova Fontana   nata al cielo stamattina
Ai congiunti tutti, distrutti dal dolore, in particolare, ai cari figli Elia, Marco e Raffaele amici da sempre, alla nuora Alessandra,  alle sorelle,  ai nipoti ed ai congiunti tutti  le sentite condoglianze, mie, e di Tutti i miei Visitatori mentre per la cara Rita già Angelo quest'oggi la nostra preghiera. Ciao Rita!

Grazie alla Zarrella e Starace perchè  dà la possibilità  a Chi  non può uscire di casa e penso alle Persone anziane o malate di venire a conoscenza della nascita al Cielo di un Loro Amico, Conoscente o Parente e di recitare una preghiera per la Sua Anima ed abbracciare virtualmente i congiunti.

La cerimonia funebre domani mattina alle 9,30 nella Chiesa Parrocchiale in Piazza Santa Croce a Termini


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Parco urbano via Reola:sogno che diventa realtà




Vanno avanti senza soluzione di continuità i lavori per il Parco Urbano attrezzato di Via Reola a Sant'Agata che, una volta finiti, offrirà ai cittadini un polmone di verde e tranquillità per tutti senza distinzione di età dove si potrà passeggiare, riposare, circolare in bicicletta senza alcun pericolo, ammirare i nostrri arbusti, usufruire del parco giorni interno o leggere un giornale e scambiare quattro cchiacchiere tra amici o mamme.
In apertura alcune foto dei lavori in corso. Bello!
effettivamente è' ben fatto ma bisogna assicurare una sorveglianza severa e continua e di notte sigillarlo.
Magari con il volontariato degli anziani, stare all'aria aperta fa bene anche a loro.
Inoltre sarebbe il caso di sottrarre la villa Cerulli al degrado verso cui si sta avviando con la realizzazione di un deposito archeologico, ed una esposizione di arti e mestieri della tradizione.
Così i ragazzi conciliano sport e cultura, pane e mortadella ha fatto crescere tante sane generazione.
hamburgers e wrustel e sprizts e bicchierini stanno sfasciando tutto.

di Utente rimosso, 20/10/2020 - 11:03


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il Garden non finisce mai di stupirci



Abbiamo di certo visto tutti le maestranze all'opera al Garden Bar Sport di Massa Turro gestito dall'amico Mario Parlato  in questi lunghi mesi intervallati dal lockdown e piano piano ergersi la bella struttura sportiva che di certo sarà un fiore all'occhiello per l'offerta sportiva della Nostra Massa. Ed ora a lavori conclusi sono lieto di mostrarVi ringraziando Mario per l'attenzione il capolavoro che è scaturito dal Suo cilindro.
Per ogni informazione potete contattare la struttura allo 0818080595
Bene
di Utente rimosso, 20/10/2020 - 11:04


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Lauro:DPCM Conte, l'ennesimo teatrino inconcluden

UNDICESIMO DPCM: L'ENNESIMO TEATRINO INCONCLUDENTE DI CONTE. IL CLOU SUL MES.

 

di Raffaele Lauro*


1. Il nuovo decreto presidenziale, annunziato ieri sera con le consuete modalità orarie del prime time e con stesse artate rivendicazioni propagandistiche della maledetta primavera 2020, conferma che questo premier, nonché il governo da lui presieduto e la pseudo-maggioranza che lo sostiene, siano, per il nostro Paese, una vera iattura, un disgraziato incidente del destino, in un momento drammatico della sua storia civile ed economica.  L'undicesimo decreto presidenziale della lunga serie, che, purtroppo, non sarà nemmeno l'ultimo, ripete ed aggrava, come un incubo che ritorna, gli stessi fatali errori della prima fase pandemica, dominata dall' anarchia istituzionale, dalla mancanza di coordinamento, dal rovesciamento delle decisioni sulle regioni e sui sindaci, in breve, dal non-governo della situazione. Nessun cambio di strategia, perché manca oggi, come agli inizi, uno "straccio" di strategia! Si naviga a vista, alla merce degli eventi e dei marosi. Tra l'altro, nessuna assunzione di responsabilità politica, come se quanto accade fosse affare d'altri! Per cui, questo decreto, frutto di un'altra estenuante mediazione tra ministri, tecnici, regioni e lobby di potere, che pretende pomposamente di bilanciare le misure del contenimento epidemico senza interrompere (sic!) la ripresa economica, non conseguirà l'uno, né l'altro risultato. Il "marcio politico" di siffatto mediazionismo devastante deriva dalla natura originaria di questa figura presidenziale e di questa maggioranza parlamentare, con il risultato di un altro provvedimento, che non coinvolge, nei contenuti, le opposizioni, depriva il Parlamento del suo ruolo, istituzionale e costituzionale, e rinnova l'inconcludente stillicidio di decisioni confuse e tuttora non risolutive, che rinviano sempre ad altre future decisioni. Tutto il contrario di un governo dell'emergenza sanitaria ed economica! A chi giova questa prevedibile agonia? Soltanto alla sopravvivenza del governo stesso, non certo alle famiglie e alle imprese italiane, specie quelle micro, piccole e medie, che restano con l'acqua alla gola, costrette ormai ad abbandonare il campo, nonostante le mirabolanti promesse della nuova manovra finanziaria dei cosiddetti interventi mirati, dopo quelli a pioggia, risultati del tutto fallimentari.

2. Il momento clou dell'ennesima esibizione televisiva del premier, che passerà alla storia politico-istituzionale, riguarda le motivazioni addotte per il definitivo respingimento del MES, dopo le dichiarazioni tentennanti e possibilistiche delle scorse settimane.  Motivazioni, a ben vedere, che non solo costituiscono un affronto al PD, ma sono oggettivamente gravi e avventate, alla luce anche delle difficoltà in atto, in sede europea, per l'applicazione, nonché le modalità e i tempi di erogazione, delle risorse del Recovery fund, anch'esse in parte rilevante dei prestiti. Conte e il M5S si preoccupano ora che i prestiti del MES possano portare fuori controllo il debito pubblico? Preoccupazione che sarebbe lodevole, senonché questo governo ha portato il debito già a quota 160 del PIL e non sembra minimamente preoccuparsi, neanche nel NaDEF, della ricaduta drammatica che avranno, sulle finanze pubbliche, le garanzie che lo Stato dovrà fronteggiare, in futuro, per i prestiti concessi alle imprese, con i precedenti decreti economici, prestiti non onorati da molte imprese, perché costrette a portare i libri in tribunale. Non è bastata la lezione del 2012/2013? Presto Unimpresa pubblicherà delle simulazioni statistiche, preparare dal Centro studi, sull'entità finanziaria di queste ricadute, che certo non saranno inferiori al 10%. E ci si renderà così conto di quale eredità dannosa, anche in termini di debito pubblico, questo governo lascerà ai futuri governi, ai cittadini e alle imprese italiane.

 

*Segretario Generale di Unimpresa


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Entro il 30 novembre la domanda per Scrutatori


Dal sito del comune: Pubblicato l'avviso per l'inserimento nell'Albo delle persone idonee all'ufficio di scrutatore di seggio elettorale.
La domanda deve essere presentata entro il 30 novembre prossimo; chi ha già presentato la domanda NON DEVE RIPRESENTARLA.

In apertura  l'avviso integrale ed il modulo di domanda.


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Conte: Dobbiamo scongiurare un nuovo lockdown

Da Rainews.it:

Conte: dobbiamo scongiurare un nuovo lockdown. Locali aperti dalle 5 alle 24 se consumo ai tavoli, altrimenti fino alle 18. Sindaci potranno decidere coprifuoco alle 21. Protesta Anci: è uno scaricabarile. Scuole in presenza con orari flessibili. Stop a gare dilettanti sport di contatto. Palestre e piscine hanno una settimana per adeguarsi Tweet Coronavirus: 11.705 nuovi casi, 146.541 tamponi e 69 morti Conte vede i capi delegazione dei partiti di governo. Dpcm atteso per stasera Arriva il nuovo Dpcm, De Micheli: "Superiori scaglionate, più smart working e controlli banchine" Seconda ondata Covid, governo al lavoro per nuovo Dpcm Seconda ondata: in arrivo misure più rigide per attività non essenziali Regioni, proposta vertice con Azzolina su ipotesi Dad per le superiori 19 ottobre 2020 Conferenza stampa del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per illustrare il nuovo Dpcm contro la seconda ondata di Coronavirus in Italia. A cinque giorni dall'entrata in vigore del precedente Dpcm, con l'obbligo generalizzato di mascherine e lo stop alle feste, arrivano nuove restrizioni. Il nuovo Dpcm "Abbiamo appena approvato un nuovo Dpcm, frutto di un intenso dialogo con i ministri, le Regioni e il Cts. Dovrà consentirci di affrontare la nuova ondata di contagi che sta interessando severamente l'Italia e l'Europa, non possiamo perdere tempo, dobbiamo mettere in campo misure per scongiurare un lockdown generalizzato, che potrebbe compromettere severamente l'economia". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Ho appena informato anche i presidenti dei due rami del Parlamento e i leader dell'opposizione" delle nuove misure, concordate con gli enti locali e il Cts, per "affrontare la nuova ondata di contagi. Andrò in Parlamento, martedì o mercoledì. Il confronto con il Parlamento ci sarà'", ha detto Conte, riferendo che c'era urgenza nell'intervenire perché "i numeri sono seri". "Le attività scolastiche proseguono in presenza, è un asset fondamentale. Per le superiori verranno favorite modalità flessibili di organizzazione dell'attività didattica con ingresso degli alunni a partire dalle ore 9 e possibili turni pomeridiani", ha aggiunto Conte. Per le Università è previsto che attuino dei piani di organizzazione della didattica in funzione delle esigenze formative e dell'evoluzione del quadro pandemico". "Incrementeremo con un provvedimento del ministro Dadone lo smart working" ha informato il presidente del Consiglio. Per "il ricorso allo smart working" - ha aggiunto Conte - "siamo al lavoro anche con la ministra Catalfo". "Tra le misure preannunciate ce ne è una che potrà avere impatto nelle pubbliche amministrazioni. È previsto che tutte le riunioni si svolgano a distanza salvo per motivate ragioni". ....segue (clicca qui)

mancava solo il fuori onda come il notissimo fuori onda del grande Emilio Fede (che figura di .......) per il mancato inserimento dell'orario di apertura dei locali, cosa che ha fatto un bar riaprendo alle 00:15
di Utente rimosso, 19/10/2020 - 08:57

Nessuno è perfetto, soprattutto in momenti difficilissimi come quello che stiamo vivendo.
di Utente rimosso, 19/10/2020 - 18:14


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Ospedale Sorrento intervento innovativo anca

Da tuttosanita.com per il quale ringrazio l'amico e giornalista Garetano MIlone per l'attenzione questa bella notizia:

Nel reparto di ortopedia, guidato da Raffaele D’Ambra, è stato eseguito un’operazione chirurgica all’avanguardia che consente una rapida riprese funzionale dell’arto.

 

Dopo una prima fase di addestramento su cadaver lab e live surgery presso centri specializzati, l’equipe del dottor Raffaele D’Ambra, primario di ortopedia all’ospedale di Sorrento – Asl Napoli 3 Sud – è riuscita ad eseguire anche nella struttura ospedaliera sorrentina una nuova tecnica di accesso chirurgica all’anca su tre pazienti.
Un intervento che per la prima volta (grazie anche all’ausilio di uno strumentario chirurgico appositamente disegnato) ha visto l’utilizzo di una modalità innovativa ed alternativa rispetto a quelle tradizionali.
Un approccio descritto nel 1881 dal chirurgo tedesco Carl Hueter, poi ripreso e messo a punto nel 2005 nella sua versione mininvasiva. Approccio mininvasivo non soltanto per l’incisione cutanea di soli 8 cm.
Questi i principali vantaggi della tecnica:
– il chirurgo raggiunge l’articolazione dell’anca senza danneggiare, incidere o sacrificare alcun muscolo;
– non danneggiando i muscoli dell’anca la ripresa funzionale è più rapida e più fisiologica, al punto che in alcuni casi il paziente può alzarsi anche dopo alcune ore dall’intervento;
– scarse perdite ematiche per cui i pazienti in buone condizioni fisiche e soprattutto giovani, possono anche non usufruire di emotrasfusione;
– è possibile operare in contemporanea entrambe le anche nello stesso paziente in una unica seduta operatoria.
“Sono ormai 17 anni che dirigo l’ortopedia dell’ospedale di Sorrento – spiega il primario D’Ambra – e posso dire con orgoglio che sin dal primo giorno il mio obiettivo principale è stato quello di garantire per i pazienti le tecniche chirurgiche all’avanguardia realizzabili in un piccolo ospedale. L’artroscopia, la protesizzazione del ginocchio computer assistita, la ricostruzione dei legamenti del ginocchio in artroscopia, la protesizzazione della spalla, ma anche l’introduzione di tecniche avanzate applicate alla traumatologia delle grosse e delle piccole articolazioni (spalla, gomito, polso, caviglia). Siamo anche i primi in Campania ad adottare una tecnica mininvasiva importata dagli Stati Uniti per le riparazioni chirurgiche del tendine di Achille”.

 



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

De Luca: Riapre la Scuola dell'Infanzia

Dalla Pagina Facebook del nostro Governatore:

++ COMUNICATO STAMPA ++

COVID-19, ORDINANZA n.80: CONSENTITA ATTIVITÀ IN PRESENZA SCUOLE 0-6 ANNI

A integrazione dell’Ordinanza n.79, su richiesta dei Sindaci pervenuta all'Unità di Crisi attraverso l'ANCI, e nelle more di specifici congedi parentali per i genitori, da domani è consentita, anche in presenza, l’attività delle scuole dell’infanzia: nidi, asili, con bambini di età compresa nella fascia della fascia 0-6 anni

Clicca qui per l'ordinanza

Senza polemica, ma mi chiedo che senso abbia chiudere le scuole adesso. A marzo tutto era chiuso e quindi i ragazzi e i bambini non avevano altra scelta, dovevano restare a casa e basta. Adesso che é tutto aperto, dove vanno gli adolescenti? A fare assembramenti per strada? Nei centri commerciali? Dove? Quanti staranno insieme, berranno dalla stessa bottiglia e si passeranno la stessa sigaretta? E i bambini di chi lavora, dove vanno? Dai nonni? Che sono categoria a rischio. E i bambini/ragazzi che adesso iniziano un nuovo ciclo, tipo la prima elementare, la prima media, etc. Come faranno a superare il gap?
di Utente rimosso, 18/10/2020 - 12:45


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Agorà in edicola questa settimana

ma queste deleghe quando arrivano?
di Utente rimosso, 19/10/2020 - 11:42


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Bozzaotra: La Dirigente fa il punto della Situazio

Ricevo e grato per l'attenzione, pubblico:

Massa Lubrense : l’Istituto Bozzaotra ai banchi di partenza! A 15 giorni dalla riapertura, il punto sulla  situazione della Dirigente Aversa

Astucci, libri, cartelle, scuolabus e la … campanella che per mesi è rimasta silenziosa! Gli alunni dell’I.C. “Bozzaotra” sono ritornati dal 28 settembre tra i banchi: quelli che hanno dovuto lasciare, insieme al quotidiano scolastico fatto di  vivace socialità, interazione costruttiva, ascolto attivo, progetti, attività di apprendimento personalizzato, lo scorso marzo a causa dell’emergenza pandemica. La scuola riparte, anche se, de facto, non si è mai fermata per consentire, come  afferma la  Dirigente del Comprensivo prof.ssa Angelina Aversa – che   “… Tutte le classi trovassero ambienti puliti e sanificati, anche se non tutte le aule potranno ospitare il gruppo classe al completo. Laboratori, biblioteca, depositi, Aula Magna: ogni spazio disponibile è stato coinvolto in un’azione di riorganizzazione, funzionale a ridurre il più possibile i disagi di famiglie e alunni, scongiurando il ricorso al doppio turno o all’alternanza tra classi. Parallelamente sono state definite le misure organizzative da attuare per permettere la ripresa delle attività didattiche.  Inoltre l’Istituto ha anche provveduto all’affissione nei luoghi maggiormente “sensibili” di una specifica segnaletica e “sono state offerti ed accolti dalla nostra scuola alcuni spazi della Parrocchia; il Comune ha effettuato lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione che hanno reso più sicuri, inclusivi e accoglienti i nostri plessi. La logistica è stata attentamente ponderata”.  Novità per il Regolamento d’Istituto che sarà integrato alla luce delle nuove disposizioni di sicurezza  “perché la ripresa delle attività didattiche in sicurezza richiede a tutti comportamenti che coniughino la tutela della salute col diritto all’istruzione: due principi costituzionali fondamentali”. Attenzione particolare anche al Patto di Corresponsabilità, anch’esso oggetto di integrazione in quanto  – prosegue la Dirigente –  “la ripresa della didattica in presenza si presenta complessa e carica di comprensibili ansie e preoccupazioni. Comprendo l’ansia dei genitori: da tempo abbiamo provveduto ad effettuare una ricognizione degli spazi a disposizione, nell’ottica del rispetto dei parametri di distanziamento, per definire il fabbisogno stimato di locali, di arredi e di organico aggiuntivi per la ripresa in sicurezza delle attività”.

La scuola ha provveduto ad investire sulla sicurezza e su una efficace prevenzione: in tutte le aule è disponibile  gel igienizzante e quotidianamente personale e alunni sono riforniti di mascherine chirurgiche e, per i più piccoli, di mascherine pediatriche certificate. I docenti di sostegno e della scuola dell’Infanzia sono dotati anche di mascherine per la lettura labiale  e visiere protettive. Inoltre la scuola ha acquistato mascherine ad alto fattore protettivo per soggetti fragili. Ogni plesso è stato rifornito di misuratori di temperatura digitali, igienizzanti virucidi ecologici, nuovi carrelli per pulizie approfondite, nebulizzatori per le aule e diffusori di igienizzante specifici per i bagni.

Non è facile!
Sono determinanti i comportamenti individuali!
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 10:47

l'impegno profuso dall'amministrazione comunale per l'adeguamento dei plessi esistenti sul territorio è stato notevole. Adesso cara preside e professori dovete essere voi ad impegnarvi affinchè i ragazzi imparino veramente qualcosa..... Il docente si fa soprattutto per vocazione altrimenti è meglio restarsene a casa.
Buon lavoro
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 13:40


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Unimpresa:con lockdown buco da 56 miliardi

FISCO: UNIMPRESA, BUCO NEI CONTI PUBBLICI DA 56 MILIARDI CON LOCKDOWN

Lo studio dell'associazione che analizza gli effetti sulle finanze dello Stato, del blocco delle attività economiche, a causa della pandemia. Crollo del gettito dagli 849 miliardi del 2019 ai 785 miliardi del 2020. In aumento la pressione fiscale dal 42,4% al 42,5%. Il segretario generale Lauro: «Emergenza gestita con approssimazione e improvvisazione dal governo, danni per cittadini e imprese»

 

Effetto lockdown sull’economia e buco nei conti pubblici italiani di oltre 56 miliardi di euro: quest’anno nelle casse dello Stato dovrebbero arrivare 785 miliardi, con un crollo del 6,7%, rispetto agli 849 miliardi del 2019. Con il Paese fermo, a causa dell’emergenza Covid-19, a farne le spese sono soprattutto i consumi: non a caso, il gettito legato all’Iva (la tassa sugli acquisti) dovrebbe scendere di oltre 10 miliardi, mentre le imposte dirette (tra cui quelle sui redditi da lavoro e societari) dovrebbero scendere di 41,7 miliardi, da 516 miliardi a 474 miliardi con una riduzione dell’8%. Sono questi i dati principali di una analisi del Centro studi di Unimpresa sull'impatto del lockdown sulle finanze dello Stato, secondo la quale la pressione fiscale, nonostante i minori versamenti tributari, salirà dal 42,4% del 2019 al 42,5% quest'anno. «L’emergenza sanitaria, che ha cagionato una drammatica crisi economica, di cui non si conoscono ancora a fondo i confini, è stata gestita nel peggiore dei modi dal governo. Tutti gli interventi normativi e le decisioni assunte, sia dal premier che dai singoli ministri, sono stati improntati all’approssimazione e all’improvvisazione» commenta il segretario generale di Unimpresa, Raffaele Lauro. «Di questa incapacità gestionale ne faranno le spese tutti i cittadini e le imprese, sia direttamente che indirettamente, a causa degli effetti negativi sulle finanze dello Stato» aggiunge Lauro.

Secondo l'analisi del Centro studi di Unimpresa, che ha elaborato i dati contenuti nell’ultima Nota di aggiornamento della Documento di economia e finanza, dal 2019 al 2020, a causa del lockdown e del conseguente blocco delle attività economiche, le casse dello Stato subiranno un contraccolpo non indifferente. Il minor gettito stimato è pari, appunto, a 56,2 miliardi di euro, con il totale delle entrate in calo da 841,9 miliardi a 785,7 miliardi (-6,7%). Nel dettaglio, le entrate tributarie dovrebbero calare, alla fine di quest’anno, rispetto al 2019, da 516,6 miliardi a 474,9 miliardi, con una diminuzione di 41,7 miliardi (-8,1%); le imposte dirette (tra cui Irpef, Ires e Irap) dovrebbero scendere di 12,03 miliardi (-4,7%) da 257,2 miliardi a 245,2 miliardi; le imposte indirette (la principale è l’Iva) caleranno di 29,5 miliardi (-11,5%) da 258,1 a 228,5 miliardi; diminuzione di 117 milioni (-9,5%) per le imposte in conto capitale, da 1,2 miliardi a 1,1 miliardi.

Calo complessivo di 17,01 miliardi (-7,0%), da 241,9 miliardi a 224,9 miliardi, per i contributi sociali; quelli effettivi dovrebbero scendere di 17,1 miliardi (-7,2%), mentre quelli figurativi dovrebbero aumentare di 130 milioni (+3,1%), da 4,2 miliardi a 4,3 miliardi. È poi previsto un calo di 1,4 miliardi (-1,8%) per le altre entrate correnti, da 80,6 miliardi a 79,1 miliardi, mentre le entrate non tributarie dovrebbero crescere di 3,9 miliardi (+143,9%), da 2,7 a 6,6 miliardi. La riduzione delle tasse versate nelle casse dello Stato dai contribuenti – sia imprese che famiglie – sarà accompagnata da una discesa del prodotto interno lordo, ma non si tratta di diminuzione proporzionali, ragion per cui la pressione fiscale salirà dal 42,4% del 2019 al 42,5% del 2020.


senza le imprese private ed i lavoratori privati e le ditte individuali con partita Iva la strada per il camposanto economico è sempre più vicina.
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 10:46

Eppure ci sono ancóra cittadini che sono convinti che la manna cade dal cielo 😤
Possibile che non capiscono che se non ci fossero le attività economiche private non si canterebbero messe.
Mica abbiamo un sottosuolo ricco di petrolio, oro o rame.
Lo stesso governo continua a premiare chi già lavora poco ed al 27 del mese , chiove o non chiove, i soldi dei contribuenti se li vede arrivare sul conto.
Così non ci siamo, così non va bene.
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 14:36

Abolire IMU sui padiglioni , laboratori, negozi , alberghi, fabbriche .
Tassare i giganti del web con sede fiscale in Lussemburgo, Olanda o Regno Unito.
Costruire subito inceneritori per tagliare la TARI.
La pressione fiscale è al 42% per i cittadini ma per le imprese oramai è al 67%.
Col Covid non è sostenibile😤
Un pozzo senza fine .
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 14:58


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

A Marina LObra Guardia Costiera sequestra sgabello

Da Lo Strillo della Penisola il relativo articolo di Gaetano Milone che ringrazio per l'attenzione:

Succede anche questo a Marina della Lobra, a ridosso del cordolo in cemento che funge da sostegno alla banchina di “Fontanelle”.

Un ignota diportista, ignorando le norme di legge che regolano le aree demaniali, in un’area in concessione alla Pro Loco di Massa Lubrense ha realizzato una sorta di sgabello in ferro “saldato” al cordolo e molto probabilmente ancorato al fondo per rendere più agevole lo sbarco o imbarco delle imbarcazioni alla fonda.

Un’idea geniale, certamente sposata dagli altri diportisti il cui “silenzio assenso” è stato bruscamente interrotto dagli uomini dell’Ufficio Locale Marittimo che hanno proceduto al sequestro del manufatto, in un’area in concessione e sottoposta ad ottemperanze di sicurezza(servizio antincendio a norma anche a causa della presenza di fuoribordo a benzina),  ed alla denuncia del presunto “ideatore” dell’originale sgabello ,pericoloso per le unità alla fonda in caso di mare mosso con relativa risacca all’interno dell’area portuale.

Si sapeva e nessuno ha denunciato.
Omertà.
di Utente rimosso, 19/10/2020 - 18:18


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Covid:Chiuse scuole ed altro mercato sospeso

Pubblicata nel tardo pomeriggio di ieri la nuova ordinanza regionale per limitare il dilagare del Coronavirus che tra l'altro dà una stretta sugli assembramenti e dispone la chiusura dlele scuole fino a fine mese. Il Nostro Sindaco Balducelli ha anche ordinato la sospensione del mercatino di San Francesco già da oggi. Dalla pagina del nostro Governatore De Luca:

Ho firmato l’ordinanza n. 79 del 15 ottobre 2020 contenente ulteriori misure di contenimento e prevenzione del contagio da Covid-19.

In relazione alla situazione epidemiologica esistente, sono state adottate misure rigorose con il doppio obiettivo di limitare al massimo le circostanze di assembramenti pericolosi in ogni ambito, privato e pubblico, e con l’obiettivo di ridurre al massimo la mobilità difficilmente controllabile.

Queste le principali misure adottate:

✔️Per il livello di contagio altissimo registrato anche nelle famiglie e derivante da contatti nel mondo scolastico, nelle scuole primarie e secondarie sono sospese le attività didattiche ed educative in presenza dal 16 al 30 ottobre. In tutte le scuole dell’infanzia sono sospese le attività didattiche ed educative, ove incompatibili con lo svolgimento da remoto, e le riunioni degli organi collegiali in presenza.

✔️Sono sospese le attività didattiche e di verifica in presenza nelle Università, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno.

✔️Sono vietate le feste, anche conseguenti a cerimonie, civili o religiose, in luoghi pubblici, aperti pubblico e privati, al chiuso o all’aperto, con invitati estranei al nucleo familiare convivente.

✔️Sono sospese le attività di circoli ludici e ricreativi.

✔️È fatta raccomandazione agli Enti e Uffici competenti di differenziare gli orari di servizio giornaliero del personale in presenza.

✔️A tutti gli esercizi di ristorazione è fatto divieto di vendita con asporto dalle ore 21. Resta consentito il delivery senza limiti di orario.

Tali misure si aggiungono a quelle già disposte nelle recenti precedenti ordinanze, a cominciare dall’obbligo di indossare la mascherina deciso due settimane fa.

Cliccando qui l'ordinanza

Non si può fare diversamente, ma ora veramente corriamo verso la povertà per molte famiglie di lavoratori autonomi e commercianti.
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 10:49

Le scuole elementari e medie devono riaprire!
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 13:41

Queste misure devono essere rispettate.
Non sono miracolose ma almeno contengono questo folle virus made in China .
Una volta c’erano i “ forconi “ , se la situazione economica continua a peggiorare usciranno i “ forcaioli “ e saranno cavoli amari.
Ho appena letto sul Corriere della Sera che Gentilone , su imbeccata dell’Europa, vuole rimettere Imu sulla prima casa.
La domanda sorge spontanea 🤔:
Ma sono nel possesso delle loro piene facoltà mentali?😤
di Utente rimosso, 16/10/2020 - 14:44


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati