Password Dimenticata?
Massa e dintorni ....in Corso
In edicola Agorà. Folgore anche in serie D. Un mare per esplorare sucecsso a Jeranto. Revocata l'ordinanza del divieto di balneablità. Parte parte il Premio di Giacomo. Il Comune di MassaLubrense partecipa a Riciclaestate2015. In corso i festeggiamenti in onore di San Liberatore. L'Area marina all'EXPO: un successo. Carlo Franco su Classica Estate e Maria Teresa Morvillo. Ci scrive l'Avvocato Fiorentino. Task force per l'inquinamento di Puolo. Classica estate : apertura alla grande. Stasera è serata pr i bambini a Sant'Agata. Alal pro Loco la mostra di Antonio e PInella. Nuove dall'Area Marina Protetta. L'onorevole Lauro si congratula con Gianni Terminiello. Nuovi riconoscmenti per Gianni Terminiello. Note dal Consiglio Comunale. Il parco marino all'EXPO. Via alle riduzioni di indennità! Massa TRibuto a Pino Daniele. A settembre la coppa per il nuovo Massa calcio. Partono le scuole calcio del Massa calcio e dell'Atletico Sant'Agata. A La LObra piccoli artisti di strada.
La frase di oggi.
Puoi svegliarti anche molto presto all'alba ma il tuo destino si è svegliato prima di te (proverbio africano)
Il vangelo del Giorno
Il Vangelo di Oggi

 

Lello Acone - un innamorato di Massa Lubrense

L'amore che Raffaele Acone, per gli amici Lello, nutre per la propria terra, Massa Lubrense, ha dato vita già da alcuni anni a questo progetto. Tanti sono gli argomenti che ruotano intorno al nostro bel paese di cui discutere. Lo sport e la politica, la scuola ed il commercio, quello che accade per le strade di Massa e quello che dice la gente sono solo alcuni dei temi che ci stanno a cuore.

Non chiedere ciò che il Tuo Paese può fare per Te, ma chiediti ciò che puoi fare Tu per il Tuo Paese! (John F. Kennedy)

Agenda del Giorno
Buongiorno amici. Oggi è il 29 agosto ed è sabato. Il tempo a Massa si prevede sereno, temperature comprese tra 24° e 29° vento che soffia a 11 km/h da ovest ed umidità al 64% Il sole sorge alle 6 e 25 e tramonta alle 19 e 44 mentre la luna, crescente, 100% sorge alle 19 e 25 e tramonta alle 5 e 51 Oggi si festeggia Santa Sabina Martire (clicca qui). E stamattina i nostri auguri di Buon onomastico a tutte Coloro che portano questo bel nome ed a seguire gli auguri di Buon Compleanno che oggi vanno agli amici Ivan Smith, Anna Minieri, Marika Gargiulo, Serena Gargiulo, Raffaele Vinaccia, Martina Mirone, Carlo Persico, Letizia Castellano, Antonino de Gregorio, Francesco saverio Torrese ed Alessandro caccioppoli. Buon Compleanno amici e che possiate trascorrere una lieta giornata circondati dall'affetto di chi Vi Vuol bene. Auguri!
Il nostro Libro degli Ospiti
In edicola Agorà. Folgore anche in serie D. Un mare per esplorare sucecsso a Jeranto. Revocata l'ordinanza del divieto di balneablità. Parte parte il Premio di Giacomo. Il Comune di MassaLubrense partecipa a Riciclaestate2015. In corso i festeggiamenti in onore di San Liberatore. L'Area marina all'EXPO: un successo. Carlo Franco su Classica Estate e Maria Teresa Morvillo. Ci scrive l'Avvocato Fiorentino. Task force per l'inquinamento di Puolo. Classica estate : apertura alla grande. Stasera è serata pr i bambini a Sant'Agata. Alal pro Loco la mostra di Antonio e PInella. Nuove dall'Area Marina Protetta. L'onorevole Lauro si congratula con Gianni Terminiello. Nuovi riconoscmenti per Gianni Terminiello. Note dal Consiglio Comunale. Il parco marino all'EXPO. Via alle riduzioni di indennità! Massa TRibuto a Pino Daniele. A settembre la coppa per il nuovo Massa calcio. Partono le scuole calcio del Massa calcio e dell'Atletico Sant'Agata. A La LObra piccoli artisti di strada.
Fiorentino risponde a chi anonimamente lo offende

Avrete letto tutti del commento anonimo ed offensivo contro l'avvocato Fiorentino che è stato già ampiamente difeso da altri Visitatori e che ho pubblicato conoscendo l'avvocato Fiorentino come la pensa e penso di aver fatto bene visto che Lui ha risposto come smepre con garbo ed educazione a chi vigliaccamente lo ha attaccato. Io prima di pubblicare quel commento e la risposta dell'avvocato aggiungo solo che stigmatizzo un comportamento ignobile e provocatorio, e voglio sottolineare che vorrei queste mie pagine come un luogo di incontro civile e non di scontro

barbarico e come comportamenti simili creano discredito sia all'immagine di queste pagine sia alla forza politica alla quale son vicino, e pertanto voglio dimostrare tutta la mia solidarietà a chi è investito in maniera così vergognosa dai suoi sostenitori.

E penso che queste parole siano da Voi condivise.


Ed allora il commento anonimo:


ma lei che parla di trasparenza e fa la

morale giudicando questo quello e quell'altro può deliziarci e spiegare qualcosa della sua vita? Cosa ha fatto? Per Massa? È già in pensione? Se sì, a che età ci è andato? Chi sa i miei figli quando ci andranno.

Forza Patto


E la risposta, grazie avvocato, del Dottor Fiorentino:


Non mi rivolgo a Lei come a gentile interlocutore perché suonerebbe una presa in giro, né come mio superficiale commentatore in quanto neanche tale può essere, perché chi commenta non pone domande ma esprime giudizi; non essendo invece Ella in grado di minare col ragionamento opinioni che non le aggradano, vorrebbe sminuirne la valenza infangando l’immagine di chi le propugna (cd. metodo Boffo). Trasparenza ed etica politica sono valori che appartengono al patrimonio culturale comune e prescindono dalle qualità di chi le richiama, così come gli insegnamenti non sono inficiati dalla moralità dei cattivi maestri e le virtù da quella dei preti non virtuosi. Ma non mi sottraggo con questa risposta alle sue domande ed accetto la sfida: per svolgere la mia attività lavorativa da dipendente ho superato un concorso risultando 16° su 7500 concorrenti (salvo possibili imprecisioni della memoria, comunque marginali); maturato il minimo di pensione ho lasciato l’impiego allo stesso modo di tantissimi altri dipendenti pubblici, conseguendo un trattamento pensionistico con metodo retributivo secondo parametri tuttora vigenti per i dipendenti pubblici più anziani e senza fruire di alcun beneficio premiale; a 50 anni mi sono messo in gioco come avvocato aprendo dietro la stazione di Sant’Agnello uno studio che ora è all’angolo di Piazza Tasso in Sorrento, oggi portato avanti soprattutto dai miei due figli avvocati. In politica, sono stato nella dirigenza provinciale e nazionale di un partito storico; tralasciando ogni riferimento all’attività culturale fuori del nostro Comune, per quella svolta a Massa Lubrense potrà interrogare i più anziani circa l’esperienza negli anni sessanta/settanta del secolo scorso dell’”Ateneo Lubrense” con il mio grande amico Francesco Saverio Mollo e mi esimo, perché i morti non possono parlare, dal ricordo delle attività editoriali con Benito Iezzi e Giuseppe Scarpati con la copertura de “Il sorriso di Erasmo”; per l’attività amministrativa, potrà interrogare amministratori e dipendenti comunali sopravvissuti degli anni 1985/1995, in particolare (ma non solo) circa l’opera da me svolta per la trasparenza e l’equità fiscale e con Giuseppe Esposito nell’improba fatica di Sisifo della difesa delle stradine con la pietra di Massa; di recente, per il sostegno alla cittadinanza, ho assunto la difesa gratuita dei simpatizzanti del “Patto” per cui Ella grida “Forza” in ben quattro giudizi vittoriosi innanzi al TAR Campania e al Consiglio di Stato. Avendo preso troppo spazio mi fermo qua, anche se potrei continuare con ulteriori elencazioni e condividere con Lei per i miei figli le medesime preoccupazioni che Ella ha per i suoi. Mi consenta però di girarLe le medesime domande che Lei mi ha fatto e di invitarLa a rispondere uscendo dall’anonimato, perché le Sue risposte siano controllabili come le mie: così, come tutti possono sapere da che pulpito vengono le mie prediche, tutti potranno anche conoscere il pergamo da cui vengono le Sue rampogne. Non so se Ella soddisferà la curiosità mia e dei lettori del sito; so comunque che la sua incapacità a sostenere il suo punto di vista senza incorrere in una caduta di stile e la gratuita provocatorietà delle Sue domande né esprimono un comportamento edificante né fanno bene al paese ed alla sua immagine. Ci rifletta. Giovanni Fiorentino



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il patto risponde a Lello Staiano!


Tutti quanti abbiamo letto nei giorni scorsi sulal stampa e su tutti i media locali delle dichiarazioni del Capogruppo di Minoranza, Insieme per Massa Lubrense, sonoramente sconfitto dalla stragrande maggioranza dei cittadini massesi alle elezioni comunali del 31 maggio che hanno manifestato la voglia di cambiamento, delle dichiarazioni dicevo ancora contro la maggioranza contro il bilancio (che comunque ne risente, e per forza, dei dieci anni della Sua amministrazione e Lui assessore al bilancio),  l'ironia sulle riduzioni delle indennità, le spese a dir Suo eccessive per una stagione turistica che non si vedeva da anni ( e sono state minori rispetto all'anno scorso), sui nostri  progetti di portare ad evasione le tante pratiche di condono rimaste troppo a lungo nei cassetti della Sua maggioranza, sulla mancata accoglienza di una riduzione da Lui proposta per quanto riguarda le imposte sui terreni agricoli (come mai non l'hanno fatta propria Loro). Continuano gli amici di Insieme a far quello che hanno fatto in campagna elettorale ossia denigrazione e  tentativi di mettere in cattiva luce la maggioranza senza capire che questo atteggiamento non paga ed i cittadini glielo hanno dimostrato ma tant'è, probabilmente così facendo perderanno anche parte degli ultimi affezionati . Mi fermo qui e prima di farVi leggere la nostra risposta a Lello voglio parlarVi di un altro piccolo risparmio per le casse comunali, è una goccia lo so e magari sarà oggetto anche di  sberleffi, ma si sa tante gocce....: come dichiarai e qui lo ribadisco quando si terranno le sedute del consiglio comunale pur se previsto dalle norme vigenti  rinuncerò a prendere la giornata di riposo dal lavoro visto che in genere all'ora del Consiglio non si lavora e anche se dovessi fare un turno serale troverei di certo un cambio. Perchè risparmio? perchè poi quella giornata di lavoro con tutti annessi e conenssi, contributi previdenziali ed indennità, la mia Società se li fa pagar dal Comune ed allora facciamoli risparmiare questi pochi spiccioli al Comune, ho fatto un piccolo calcolo, dovessero esserci cinque sei consigli all'anno, ed in genere così avviene, saranno circa quattromilacinquecento euro nel mandato, lo so è poco, ma una manifestazioncina si può anche organizzare per Voi.

Questo è il comunicato de Il patto:

Leggiamo basiti il comunicato stampa che “il leader della minoranza” Liberato Staiano ha diramato su tutte le testate locali in cui incredibilmente esordisce: “il gruppo di Insieme per Massa Lubrense boccia senza se e senza ma il bilancio approvato dall’amministrazione Balducelli” cui avrebbe dovuto correttamente aggiungere: ereditato con tutte le sue criticità dallo stesso Liberato Staiano, assessore al bilancio fino al primo giugno 2015, che quindi boccia sè stesso; proseguendo nelle sue assurde e sconcertanti dichiarazioni lo stesso afferma: “Presto verranno a galla le magagne dello strumento approvato….E’ di tutta evidenza, infatti, che si tratta di un bilancio che si regge su accertamenti la cui reale consistenza subirà, entro il prossimo 31 dicembre, un drastico ridimensionamento che non potrà non creare situazioni imbarazzanti”. Quel che davvero è imbarazzante è il fatto che sia proprio lui a dire ciò, lui che queste “magagne” di cui parla le ha generate, lasciando un bagaglio di circa 3.000.000 di euro di accertamenti tributari da lui stesso iscritti in bilancio e non realizzati e ciononostante da lui stesso riapprovati evidentemente anche per mantenere in equilibrio quel bilancio di previsione “provvisorio” sulla cui falsa riga ha operato nel primo semestre del 2015; il comportamento del consigliere Liberato Staiano è paragonabile a quello di chi per pareggiare i conti fa affidamento su una entrata che considera di dubbia esigibilità (gli accertamenti che definisce “magagne”) e poi non solo ne prende le distanze come se il fatto non gli riguardasse ma addirittura si erge a giudice e critica chi, responsabilmente, quelle sue “magagne” si è dovuto per forza accollare: volendo escludere per indole “la mala fede” non so se questo atteggiamento sia frutto di un vaneggiamento dovuto alla calura estiva ovvero a quel processo mentale, noto agli studiosi della psiche umana, che ti porta a rimuovere le vicende spiacevoli che ti hanno visto protagonista e ad autoconvincerti che non ti appartengano.

Di poi tutta la sua “approfondita analisi”, si focalizza esclusivamente su due provvedimenti ovvero il taglio delle indennità di carica operato dall’attuale Giunta e il progetto messo in atto per il disbrigo delle pratiche di condono edilizio giacenti ed esaminabili: e qui le inesattezze, le bugie, le contraddizioni sono talmente tante da indurci a doverosa replica.

Le Indennità di carica degli amministratori, così come scritto nel nostro programma, sono state ridotte del 40% per il Sindaco e del 20% per gli assessori rispetto alla misura prevista ex lege. Pertanto, al netto di un mero errore materiale di calcolo fatto nell’atto deliberativo di Giunta adottato, è opportuno, per fare definitiva chiarezza sul punto, riportare sia i nuovi importi che quelli che percepivano i precedenti amministratori. Le indennità determinate  con valenza a far data dall’ insediamento della nuova Amministrazione sono: Sindaco 1.803 €, Vice Sindaco 1.323 €, assessori 1.082 €. Le indennità percepite dalla passata amministrazione sono: Sindaco 2.789 €, Vice sindaco 1.534 €, assessori 1.255 €. Da subito emerge che la riduzione del Sindaco attuale rispetto al predecessore è del 35/36% e quella degli altri amministratori  del 14% circa (contrariamente a quanto affermato dallo Staiano che parla del 6-7%). Ma scorretta sotto ogni profilo è l’affermazione del “leader della minoranza” secondo cui “anche la Giunta Municipale di cui facevo parte si era ridotta l’indennità di carica”., in quanto falsa e subdola: in realtà mai la giunta precedente si è ridotta le indennità di carica anzi, sebbene le minoranze hanno richiesto un gesto di sensibilità in tal senso quale segno di compartecipazione al difficile momento economico, ha viceversa sempre fatto orecchie da mercante. Forse Liberato Staiano dimentica che l’unica decurtazione operata in passato alle indennità è quella del 10% imposta dalla legge finanziaria del 2006 e da quella data in vigore e non introdotta da nessuno atto deliberativo della precedente amministrazione (per altro insediatasi nel 2010).  Quindi mi chiedo a quale notizia avrebbe dovuto dare clamore? forse nel 2006 gli amministratori avrebbero dovuto informare in maniera enfatica che la legge gli aveva ridotto le indennità del 10%? Penso proprio di no! Proseguendo è doveroso precisare che oggi il Sindaco avrebbe diritto ad una indennità di 3.006 € (il vice sindaco e gli assessori rispettivamente al 55% ed al 45% della indennità del sindaco). La Giunta se volesse percepire quanto la legge le consente porterebbe una spesa di circa 121.000 €  all’anno, viceversa con la riduzione volontaria adottata ne costa  76.000,00 €, con un’economia all’incirca di 45.000 € all’anno (grazie anche alla rinuncia totale operata da Aldo Insigne) iscritta in un fondo che, se necessario per esigenze di pareggio di bilancio, non sarà speso e genererà un’economia ovvero, se possibile, impiegato per dare servizi ai cittadini più bisognosi.”  Non era intenzione indulgere su questo gesto sentito dell’Amministrazione posto in essere senza alcuna volontà di ostentazione e previsto nel programma elettorale, eppure ci si vede costretti da una minoranza che sta alimentando una campagna denigratoria basata su notizie false e su una lettura artatamente ambigua dei numeri, traendo spunto dal fatto che nell’atto di Giunta per mero errore materiale (peraltro facilmente riscontrabile leggendosi la delibera nella sua interezza)  le indennità del sindaco e degli assessori sono state leggermente sovrastimate (Sindaco € 1.859, Vice Sindaco 1.363 e assessori 1.115); nel chiarire da subito che le cifre esatte sono quelle precedentemente indicate  (Sindaco 1.803 €, Vice Sindaco 1.323 €, assessori 1.082 €)  si invita a riflettere come il Sindaco, che tutti i giorni è in Comune (dalla mattina alla sera) e si assume tutte le responsabilità connesse alla sua funzione di legale rappresentante dell’Ente, percepisce una indennità netta di poco più di 1.300 € al mese e chi lo ha preceduto costava ai cittadini circa 1.000 € al mese in più.

Dulcis in fundo il Consigliere Liberato Staiano, sebbene in Consiglio Comunale rappresentava quale   volontà anche sua  quella di avvalersi di tecnici esterni per il disbrigo delle pratiche di condono giacenti trovando in ciò impedimento solo nella legge, tant’è che interrogava il Segretario Comunale circa un intervenuto cambiamento del quadro normativo, avendo dovuto registrare che la legge non è mutata e che tale operazione si è resa possibile attraverso un percorso previsto dal codice degli appalti  e individuato dopo un confronto tra lo stesso Segretario  con Antonio Mosca e Sergio Fiorentino, evidentemente il rammarico che qualcuno in meno di due mesi ha  messo in campo ciò che lui ha pensato e non realizzato in cinque anni gli ha talmente annebbiato la mente che ha dato cifre totalmente sbagliate: va subito precisato che il 1.000.000 di euro di cui parla non sarà speso dall’Ente nemmeno nella migliore delle ipotesi, ossia che siano evase 2000 pratiche di condono in tre anni; di poi va aggiunto che se effettivamente si riuscissero ad evadere 2000 pratiche di condono le sole somme che saranno introitate quali oneri di istruttoria copriranno interamente il costo della intera operazione. Non si aggiunge altro in quanto l’argomento, visto le numerose inesattezze e le insinuazioni circolate, sarà oggetto di una doverosa nota chiarificatrice dell’assessore Antonio Mosca.  


un altro vantaggio per l'economia massese grazie all'amministrazione Balducelli sarà l'incremento esponenziale di vendita di limoni per i prossimi cinque anni.

di Utente non registrato, 29/08/2015 - 18:40

Non sparate sulla croce rossa. Staiano ha una sola attenuante era circondato da persone di poche capacità amministrative.
Quello che ha meravigliato alle scorse elezioni è stata l'area di rivolta contro la vecchia amministrazione. Una voglia diffusa frazione per frazione, ceto per ceto, categoria per categoria di mandarli a casa.
Ma adesso si aspettano risultati e sarà difficile.
Sulle indennità si aspettava una riduzione maggiore in momenti in cui , per ammissione dello stesso Capo del Governo Italiano,gli Italiani sono super salassati, le aziende porta a porta con il crollo e le famiglie con un solo stipendio o in affitto alla frutta.
Anche sul condono si poteva usare il guanto di velluto perché alla fine sarà solo un passaggio di euro dalle tasche dei provate in quelle pubbliche e limitrofe.Con l'assurdo di pagare da anni tecnici comunali e poi dover ricorre ad estranei per cercare di certificare i condoni.
Pazzesco, cose che succedono solo in Italia.
Mi sembra che i migliori assessori al momento sono i non assessori.
Cioè Bernardo, Maria Cacace,Sergio Fiorentino e Lello Acone per aver mantenuto la parola data di mantenere in vita il suo sito senza censure.
Aspettare e poi vediamo che giudizio dare .
Per esempio su un assessorato chiave come le Opere Pubbliche o il Turismo.
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 18:45


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Un mare per esplorare a Jeranto: bello!





Che bella la prima uscita in mare dei nostri bimbi accompagnati dai genitori nell'ambito del progetto MARE organizzato dalla Pro Loco di Massa in collaborazione con Area Marina Protetta ed i volontari dello stesso progetto. Questa lcune notizie al riguardo inviatemi dall'amica e Presidentessa della Pro Loco di Massa Teresa Pappalardo mentre cliccando qui alcune foto scattate dall'amica Rosalba Gragnano che stannoa  etstimoniare ea d incidere nelle nostre menti e nei nostri cuori il bello che han vissuto grandi e pccini tutti insieme mercoledì. Ringrazio entrambe!

·        Mercoledì 26 Agosto, si è svolta la prima uscita sul territorio di "Un mare per esplorare", progetto volto alla conoscenza e alla tutela del mare e del suo ecosistema, curato dalla Pro Loco di Massa Lubrense in collaborazione con l' A.M.P. "Punta Campanella e i volontari del progetto M.A.R.E.Una sessantina di persone, tra bambini e genitori, hanno raggiunto l'incantevole Baia di Ieranto per una lezione "sul campo" delle nozioni apprese durtante i laboratori didattici che quest'anno sono incentrati sulla biodiversità.Nella zona pineta del F.A.I., grazie ad Antonella De Angelis, è stato allestito uno spazio-laboratorio per dar modo a tutti i partecipanti di alternarsi tra fasi pratiche e fasi teoriche. I bambini, sotto la guida del Dott. Domenico Sgambati, hanno raggiunto in kayak la Baia Grande, dove hanno fatto snorkeling per ammirare le praterie di posidonia, che oltre ad essere ricche di biodiversità consentono il limitare del fenomeno erosivo delle coste, e poi hanno visitato la "grotta del presepe" e la grotta dell'amore", piccole grotte formatesi attraverso i secoli e visitabili in canoa. Dato l'alto numero di partecipanti i laboratori e le escursioni via mare si sono susseguite fino alle ore 17. I ragazzi, residenti ed ospiti di Massa Lubrense, tra un tuffo e una "pagaiata", hanno trascorso l'intera giornata in uno dei luoghi più belli del nostro territorio.


Che fortuna abbiamo a viver a Massa e dintorni.
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 07:55

E chi non è iscritto a facebook per vedere le foto che fa? Si attacca al tram?
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 09:43

Peccato per la schiuma sull'acqua di Jeranto, che ben si vede proprio nella foto che hai pubblicato.
Speriamo che questa nuova amministrazione si adoperi per affrontare questo grave (ma non recente) problema.
Andrea
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 11:14

Bene!
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 13:27


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

La folgore Massa anche in D ed alla Pulcarelli!
La Folgore Massa ammessa anche in serie D!



Bella la notizia appresa ieri dagli amici della Folgore Massa che ci informano che la nostra gloriosa squadra oltre a partecipare al Campionato di Sertie B2 nazionale parteciperà anche a quello di serie D e quindi potremo tifare i nostri campioni anche alla Pulcarelli , struttura regolamentare per la serie D regionale. Questa la bella notizia:

La Folgore Massa ammessa anche in serie D!!!! 
La federazione campana ha premiato la grande determinazione della dirigenza massese che ha deciso di sobbarcarsi un ulteriore sacrificio economico pur di mantenere una prima squadra a rappresentare il paese nella "tana" della Pulcarelli. 
Una decisione quella dello staff societario massese che conferma la grandissima voglia di mettere I giovani al centro del progetto ed impiegarli in un campionato di assoluto rispetto come la serie D regionale! 
Per fare in modo di sfruttare al massimo le sinergie con la serie B2 in cui tanti dei nostri ragazzi saranno convocati, la guida tecnica sarà unica ed affidata a mister Nicola Esposito. 
A breve ufficializzeremo anche il nome del suo "vice", appena ingaggiato dalla nostra società. Nel frattempo la Folgore Massa da' il proprio bentornato a casa ad un suo giovane talento: Andrea Fiorentino che dopo un anno in prestito all'Apd Carotenuto sarà tra i sicuri protagonisti della stagione biancoverde



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Puolo è completamente fruibile!
Dopo le ultime analisi eseguire dall'ARPAC  . è stata revocata l'ordinanza sindacale n. 180 con la quale era stato disposto il divieto parziale di balneazione temporaneo a Marina di Puolo e, pertanto, la spiaggia è completamente fruibile. Questa l'ordinanza!


Purtroppo dobbiamo difenderci con i denti dagli attacchi della burocrazia e dai guai fatti in passato.
Bene così, Balduccelli.
di Utente non registrato, 28/08/2015 - 18:32

Ha fatto bene il Sindaco ad affrontare con piglio la situazione-
Il turismo va difeso a tutti i costi non ci sono alternative.
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 07:57


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Entra nel vivo il Premio di Giacomo!


Stasera Presentazione del LIbro La Vesuviana Orsini maria Natale, domani il favoloso concerto lirico sinfonico dell'Orchestra di Udmurtia con il Coro dell'Opera di Cracovia sempre tanto atteso  e domenica la Consegna del premio alla Nuova Compagnia di canto popolare e a Candida Morvillo.


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Oggi il saluto e che saluto a Classica Estate!






Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

A Jeranto passeggiata Subacquea per i bimbi!
Bella l'iniziativa per i nostri bimbi che si terrà nella nostra meravigliosa baja di Jeranto il prossimo 8 settembre, grazie a Gino del Bar Mazzola per l'invio della locandina,  organizzata dallo stesso Gino con la collaborazione della Lega navale di Sorrento e dell'area Marina Protetta con il patrocinio del nostro Comune e che prevede una indimenticabile passeggiata sommersa nei fondali cristallini di Jeranto, una lezione sulal flora e fauna marina ed una gustosa colazione per i bimbi da 9 a 14 anni.  Giàpossibile aderire presso le nostre Pro Loco. A seguir la locandina. Complimenti agli organizzatori.





Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Dal 21 settembre al Garden è anche minivolley!

Altra occasione di sport e sano divertimento per i nostri cuccioli: dal prossimo 21 settembre presso la struttura sportiva Garden di Turro è anche minivolley! Perchè un pallone da pallavolo ed amici che giocano con te e con quello son meglio di un tablet o di uno smartphone. Questa la locandina!







Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il nostro comune partecipa a Riciclaestate 15






Grande successo ha riscosso la manifestazione Riciclaestate (clicca qui per alcune foto) organizzata dal Comune di Massa Lubrense in collaborazione con Terra delle Sirene, Legambiente e Conai e tenutasi sull’arenile della Marina del Cantone.

La Raccolta Differenziata non va in vacanza, anzi, è proprio in questo periodo che la comunicazione e la sensibilizzazione nei confronti degli utenti e dei cittadini va intensificata.

Il Comune Lubrense, da anniimpegnato ed attento alle tematiche una corretta gestione dei rifiuti, continua a riscuotere grande interesse nel panorama nazionale per le tante attività che svolge in collaborazione con Terra delle Sirene Società pubblica addetta alla gestione del ciclo integrato dei rifiuti.

Grande apprezzamento è stato espresso dall’Amministrazione e dall’Assessore Dott.ssa Sonia Bernardo anticipando gli ottimi risultati sia in termini di quantità (73% nel mese di giugno) che di qualità (purezza del materiale raccolto) raggiunti, ormai stabilmente dal Comune di Massa Lubrense, grazie alla fattiva collaborazione con Terra delle Sirene.

Questa iniziativa si lega adoppio filo con l’avvio della raccolta “porta a porta” per le attività turistico ricettive localizzate sull’arenile della Marina del Cantone, avviata a luglio ed operativa fino al 15 settembre prossimo. Tale iniziativa ha consentito di ridurre notevolmente il rifiuto indifferenziato e di incrementare la quantità di carta, cartone, vetro, plastica, barattolame metallico e frazione organica, nonché di eliminare la presenza del punto di raccolta situato in Largo Argentina, troppo spesso oggetto di abbandono indiscriminato di rifiuto.

“Si sta lavorando a nuovi traguardi” comunica l’arch. Antonino Di Palma, Direttore Tecnico di Terra delle Sirene, “in particolare questo autunno ci vedrà impegnati in una fasesperimentale legata alla tariffazione puntuale allo scopo di applicare a pieno il concetto che chi differenzia debba pagare meno, inoltre riprenderanno leattività di comunicazione nelle scuole allo scopo di divulgare il messaggio legato alla riduzione dei rifiuti”

OTTIMO.
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 08:11

solo con il codice a barre si puo vedere chi differenzia non esistono altri modi e inutile fare esperimenti.
il messaggio legato alla riduzione dei rifiuti DEVE AVVENIRE IN FAMIGLIA
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 16:28


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Clasica estate 20anni dopo: la terza serata!









Immagini (clicca qui) della bella serata, eh si Tonino per me son tutte belle, vissuta ieri sera nella storica Cornice di palazzo Vespoli, in presenza di un folto pubblico, residenti ed ospiti,  dove si sono esibiti gli artisti previsti per la terza serata della manifestazione presentata dalla cara Maestra Luisa Esposito e dedicata alla compianta Maria Teresa Morvillo scomparsa di recente e che aveva fatto sempre da cara padrona di casa nelel scorse edizioni. E proprio a Maria Teresa sono stati dedicati i versi scritti dal grande Don Francesco Saverio Mollo letti con enfasi dal Maestro Giulio Iaccarino in apertura di seduta ed ascoltati con attenzione dal folto pubblico presente e tra esso in prima fila le Sorelle di Maria Teresa Agata ed Annamaria. Poi in ordine, le esibizioni, belle ed applauditissime di Danilo Castellano al piano accompagato da Valentina Nunziata al violoncello, Rosa d'Esposito al Pianoforte, Salvatore Morvillo al violino accompagnato da Eleonora Visone al piano e poi dulcis in fondo lil Coro dei Santi Prisco ed Agnello diretto dalla Maestra Annamaria d'Esposito ed accompagnati da Maria gargiulo al pianoforte e Gaetano Ambrosino al violino. E stasera ancora una grande serata di musica sempre alle 21,00 con il programma della quarta serata, con l'Orchestra di Chitarre che ci farà ascoltare Dalla tarantella ai giorni nostri e la Corale di santa Maria del Lauro in Passeggiata nella musica. Siamo tutti invitati! .


MUSICA VERA!
NON BARAONDA SCASSA TIMPANI.
UN DEGNO RICORDO DI MARIA TERESA.
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 08:13


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

A Palazzo vespoli ma Mostra su Massa Benedettina.


Interessante mostra che si tiene a Palazzo Vespoli a Massa Centro sulla nostra Massa Benedettina nell'ambito delle manifestazioni che anticipano il quarantesimo compleanno dell'Archeoclub massese. Questo il comuncato ricevuto dall'amica Imam che ringrazio per l'attenzione. Siamo tutti invitati a visiatrla, è favolosa!

PROMONTORIUM MINERVAE”: FINO AL 6 SETTEMBRE LA MOSTRA A PALAZZO VESPOLI

Dopo il successo dell'l’incontro culturale “Massa Lubrense Benedettina”, promosso dall’Archeoclub d’Italia – sede di Massa Lubrense, con il patrocinio ed il contributo del Comune di Massa Lubrense e dell’Area Marina Protetta ‘Punta Campanella’, è ancora aperta al pubblico la mostra dell’Arch. Enrica Santaniello “Promontorium Minervae: un centro di documentazione nel complesso di Santa Maria di Mitigliano”. L'esposizione sarà visitabile fino al giorno 6 settembre, dalle ore 19 alle 22, presso il Palazzo Vespoli ed è dedicata al lavoro, realizzato anche grazie alla collaborazione di alcuni soci Archeoclub, che è stato insignito della medaglia d’oro al Premio Internazionale “Domus Restauro e Conservazione Fassa Bortolo” (ed. 2010/2011) per la migliore tesi in restauro in Italia e della “menzione speciale” di Europa Nostra. L'Archeoclub propone in questo modo un'occasione per conoscere segni tangibili e significativi che la presenza benedettina ha lasciato a Massa Lubrense tra cui spiccano i due complessi architettonici di epoca medioevale, le abbazie di S. Maria di Mitigliano e di S. Pietro a Crapolla.




Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Da oggi i festeggiamenti di San Liberatore!




Da oggi i festeggiamenti in onore del nostro amato San LIberatore, il santo al Quale siamo tanto devoti!


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Il sito di Antonio, appassionato di tecnologia!


Stamattina voglio portare alla Vostra attenzione il sito di un nostro giovane amico Antonio Vicedomini, appassionato di informatica e tecnologie, (clicca qui), Antonio Vicedomini dal quale rubo la Sua descrizione. Complimenti Antonio:

Antonio Vicedomini è un giovane Blogger che inizia a scrivere nel 2013 un blog di tecnologia arrivando dalle poche centinaia di visite alle migliaia e più nel corso del tempo. Antonio ha aperto vari blog e questo che stai leggendo è l’ultimo e più aggiornato. Gli argomenti trattati sono di informatica in generale.

Appassionato di sistemi operativi in particolare Linux, e per lavoro OS X. Windows lo uso di tanto in tanto. La passione per i gadget tecnologici non manca mai e scoprire nuovi smartphone o tablet è necessario per studiare i nuovi sistemi operativi e il loro comportamento in diversi hardware.

Antonio attualmente sta studiando un linguaggio di programmazione “simpatico” e “maturo” chiamato Python e tra poco inizierà uno studio approfondito di Swift il nuovo linguaggio di programmazione scritto da Apple. E’ anche abbastanza bravo a gestire server Linux e va molto d’accordo con i principali CMS e Applicazioni Server.

Prima di iniziare a scoprire il mondo dell’informatica e dalla tecnologia in generale Antonio ha studiato (teoricamente e praticamente) il Pianoforte che tuttora sta studiando; un’ altra sua passione sono gli scacchi che ha abbandonato da poco dedicandosi alla tecnologia.




Bravo.
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 13:14

Bravo Antonio.
Non tralasciare gli studi classici, le amicizie,le passeggiate sui sentieri Massesi, l'affetto per i familiari e nei momenti difficili la lettura di qualche buon libro.
Il pianoforte e la telematica hanno una cosa in comune :la tastiera.
La padronanza della stessa può aprirti diverse strade.
(L.P.)

di Utente non registrato, 26/08/2015 - 15:18


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Carlo Franco ci scrive su Teresa Morvillo!


Venerdì prosismo si chiuderà dopo l'usuale successo che le prime serate ci hanno fatto intravedere la rassegna musical-culturale Classica Estate giunta alla Sua ventesima edizione (in altro post il programma) che come sempre si tiene nel Palazzo Vespoli nelq uale per tanti anni ci ha ospitato la grande concittadina Maria Tersa Morvillo recentemente volta tra gli Angelie d alal quale è dedicata la Rassegna di quest'anno ed alla Quale anche Carlo Franco, il nostro simpatico amico e giornalista, ha voluto dedicare un altro dei Suoi cari scritti. Garzie Carlo per l'attenzione e per Voi Visitatori il ricordo di carlo di Maria Teresa:

TERESA MOLLO (Carlo Franco)

Quella sedia vuota nella prima fila del cortile di palazzo Vespoli , nella serata di esordio di <Classica Estate>, ci ha trasmesso una grande tristezza e ci ha ricordato che per la prima volta, dopo venti anni, non è stata lei, la padrona di casa schiva e riservata ma molto coinvolta dall’evento, ad aprire lo storico portone per dare inizio alle rappresentazioni musica di fine estate. Quella sedia era riservata a Maria Teresa Mollo che ha amato la rassegna artistica che, in qualche modo, riflette i principi morali e pedagogici nei quali la professoressa ha sempre profondamente creduto e ha difeso strenuamente anche contro i pregiudizi e le chiusure ancora presenti: <Carlo - mi diceva nello studiolo di casa sua mostrandomi documenti preziosi di storia massese raccolti da suo marito Saverio Mollo che le ha dedicato versi struggenti – dobbiamo aiutare i più giovani a trovare il sentiero giusto e solo la scuola ci può aiutare>. E lo ha fatto prodigandosi nella scuola – dove ha ottenuto incarichi di prestigio nazionale – e nella quotidianità offrendo sostegno morale e materiale agli studenti che si avviavano sui sentieri della vita inseguendo un futuro sempre più aleatorio. E che a lei si rivolgevano trovandola sempre disponibile. A queste attività Teresa Mollo, la professoressa schiva ma determinata e intransigente, ha dedicato la vita conciliandola con gli impegni di moglie e di madre. Nella serata in cui idealmente si chiude il sipario di questa edizione giustamente a lei dedicata, e si riparte per una nuova avventura ci è sembrato un atto dovuto ricordare la lezione di questa cittadina massese legatissima alle sue radici. E sottolineare che, anche in nome di queste profonde convinzioni, aveva accolto con entusiasmo la richiesta di ospitare <Classica Estate>, volta essenzialmente alla valorizzazione dei talenti sorrentini che accoglieva e premiava con il suo sorriso luminoso capace di mettere immediatamente a suo agio l’interlocutore. Tra poco più di un mese ci raccoglieremo in chiesa per ricordare Teresa Mollo a un anno dalla morte – il 31 ottobre del 2014 – ma abbiamo voluto ricordarla nel momento più giusto, cioè nella serata conclusiva di <Classica Estate>. Come se quella sedia, per un miracolo che purtroppo non avverrà, fosse di nuovo <piena> della sua presenza. Almeno per un’altra sera.


La Dottoressa Maria Teresa Morvillo-Mollo è una Donna (e voglio parlare al presente, conscio che ciò che ci ha lasciato come insegnamento sia da tutti portato avanti nel miglior modo possibile, così come era solito far Lei) da sempre schierata a tutela dei più deboli. Il suo exursus, da insegnante elementare,Preside,e non voglio elencare tutte le sue cariche istituzionali,perchè Lei stessa era schiva nel farlo, ma non posso ometterne una molto importante e per la quale si è spesa tantissimo, Presidente dell'IPAB Massa Lubrense, per la quale ha impegnato anni di lavoro e ricerche estenuanti per giungere ad alcune indissolubili verità, che ancora oggi varie Corti e diversi amministratori locali tendono a nascondere, ma che può essere verificato leggendo gli atti. Chiedo a tutti i Massesi(e non) di farsi carico del lavoro svolto con imparzialità e cura nei dettagli da Maria Teresa e di portare avanti il suo avere a cuore la sorte dei più deboli. Noi tutti glie lo dobbiamo!

Arturo Terminiello
di Arturo Terminiello, 26/08/2015 - 09:48

Quali verità indissolubili?
Fateci sapere.
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 06:36

Basta leggere con attenzione il libro \\" I Conservatori di Massa Lubrense\\" storia e cronaca, pubblicato nel 2007. E ci si può rendere conto delle verità indissolubili e dei patti disattesi !!!!!!!! anche da \\"Chi\\" dovrebbe stare dalla parte dei più deboli!
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 07:45

Quelle legate alla proprietà dei Conservatori massesi, in modo particolare quello di Santa Teresa, ultimo baluardo rimasto (ancora per il momento...).

Arturo Terminiello
di Arturo Terminiello, 27/08/2015 - 09:36


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Giovanni Fiorentino ci scrive e ci fa riflettere!
Ricevo e pubblico l'ultimo intervento dell'avvocato Giovanni Fiorentino che, prendendo spunto dai Suoi ultimi interventi e da alcuni commenti ricevuti dagli stessi, ci regala un'altra bella pagina che di certo fornirà nuove occasioni di dibattito sulla nostra Massa. Grazie Avvocato.

Caro Acone,
Le invio questo scritto, chiedendo venia a Lei ed ai lettori del fatto che sia insolitamente lungo; ma era necessario dare ad esso una spazialità adeguata, dovendosi associare alla risposta immediata ai miei garbati e poco garbati critici la puntualizzazione delle motivazioni prossime e lontane dei miei interventi per evitare l'ulteriore proliferare di chiacchiere strampalate.
Grato della ospitalità, si abbia le mie più cordiali espressioni di simpatia.
Giovanni Fiorentino

GUTTA CAVAT LAPIDEM

 

 

Chi ha letto o vorrà leggere la lettera aperta che indirizzai ad Acone, iniziando quasi per caso una collaborazione divenuta ormai di routine, potrà notare come sottolineassi che ad indurre il mio scritto interruttivo di un lunghissimo silenzio era stata l’ingenua sincerità e la genuinità dello spirito di servizio che trasudava dall’annuncio da lui fatto della sua candidatura. Rilevando poi come nel nostro paese ed in generale nel meridione d’Italia la vita delle comunità si esprime in un sistema democratico malato, ove il rapporto politico più spesso si disarticola privilegiando in una prospettiva statica il contatto personale piuttosto che quello sociale, auguravo al suo solare entusiasmo di raccogliere il successo che meritava ed alla compagine che l’ospitava che la sua purezza di cuore le fosse contagiosa. Affermavo inoltre come la moralità fosse la precondizione di una politica sana e come necessitasse il segno concreto di una fattiva discontinuità sul piano della lealtà e della trasparenza nei rapporti tra Amministrazione e società civile, essendo auspicabile che nella gestione concreta del potere si sostituissero a motivazioni innominate e talora innominabili la ragione e l’equità.

 

Se un osservatore attento vorrà rivedere la sequenza dei miei scritti su questo sito ed astrarli dalla loro contingenza potrà leggervi tra le righe, ma neanche tanto, l’eco di quella lettera, essendo essi tanti tasselli inseriti nel disegno maieutico di chi vorrebbe al tempo stesso sollecitare alla riflessione la gente comune perché sia sempre più cittadinanza e sempre meno massa amorfa o tifoseria (che è poi un modo diverso di essere massa amorfa) e il potere istituzionalizzato perché sia sempre più interprete di interessi diffusi condivisi o condivisibili e sempre meno protagonista di una gestione di affari arrancante, non poche volte fuorviata per la contingente soddisfazione di interessi privati nella loro intersecazione con gli interessi pubblici.

 

Sono stati questi principi ora espressi oggetto nel corso degli anni di alquanti articoli pubblicati su un periodico on line (Pensalibero) diretto da Nicola Cariglia, già direttore della sede RAI di Firenze, e di un saggio di prossima pubblicazione sulla rivista semestrale “Cahiers di Scienze sociali”, di cui è coordinatore scientifico il prof. Stefano Monti Bragadin dell’Università di Genova: ad evitare malintesi, tengo a precisare per qualche maldisposto lettore che, potendo per autocelebrazione evidenziare ben altro, tanto sottolineo solo per chiarire che siffatti pensieri vengono da lontano e non affondano le radici nella lettura delle beghe piccine delle tifoserie contrapposte di Massa Lubrense.

 

Vivendo in questo mondo ideale e fors’anche utopico, ho ritenuto fosse opera meritevole il propiziare l’incipit di un processo virtuoso che, pur con molte distorsioni, sembrava essere in nuce nella notevole partecipazione emotiva alle vicende elettorali della lista vittoriosa, cui non era estraneo un avvertito ed ineffabile desiderio di cambiamento e di moralità; da qui, e non certo dalla volontà di apparire e uscire dall’anonimato o di rendere fiero di me Lello Staiano, la motivazione della mia rinnovata attenzione alla politica locale. Quanto alla prima, alla luce di quanto chiarito, erra quindi Pino Mosca ipotizzando un mio presunto desiderio di uscire dall’anonimato in cui ritengo di non essere mai stato; forse intendeva dire dalla riservatezza personale o dalla scarsa visibilità per la cittadinanza massese. Permane tuttavia per me senza oggetto il suo asserito pensar male, sicuramente per mia deficienza o forse per non sapermi distaccare dalla mia immedesimazione nella prima parte di un noto passo della lettera di S. Paolo a Tito (1, 15), che non riporto per evitare equivoci collegabili alla lettura della sua interezza. Quanto alla seconda, non penso proprio che Lello Staiano sia fiero delle stilettate presenti nei miei scritti di prima e dopo le elezioni; posso però consolare il mio acribioso critico di tale deludente risposta rendendolo edotto di essere fiero della sua amicizia, come penso lui della mia, non facendo ad essa ombra le considerazioni svolte sul piano del pubblico, per non appartenere ad entrambi l’esecrabile confusione del ruolo amicale e di quello civico, che le più accese tifoserie hanno esaltato con comportamenti volgari e ripugnanti e purtroppo continuano ad alimentare. Mi interessa invece che di me possa essere fiero mio figlio Sergio, e voglio pensare che lo sia, potendo riscontrare nella sua azione, pur nella naturale diversità di valutazioni connesse al salto generazionale e nella comprensibile necessità delle limitazioni connesse all’etica della responsabilità funzionale al ruolo, l’impronta dei dati valoriali che gli sono venuti dall’insegnamento e dall’esempio paterno. Egli è peraltro persona preparata ed aperta, e certamente non gli manca l’intelligenza per comprendere lo spirito collaborativo dei miei scritti e la differenza, evidentemente di ostica comprensione, tra consenso strutturale (insignificante sul piano interattivo), consenso critico (costruttivo sul piano interattivo) e dissenso strutturale (potenzialmente distruttivo sul piano interattivo).

 

Non è che intraprendendo l’azione prefissami non ne avessi presente la difficoltà; ove infatti avessi valorizzato una contiguità al palazzo in maniera discreta e riservata certamente avrei potuto esercitare un’azione più efficace anche se eterorientata, ma la società lasciata a sé stessa avrebbe ancora una volta seppellito nel letargo di sempre quell’entusiasmo per la politica che aveva appena ritrovato. Non essendo quindi mio costume sottrarmi a scelte ritenute giuste anche se difficili, pur non sottovalutandone le ricadute, mi sono accinto all’improbo compito di offrire alla gente comune ed alle tifoserie occasioni di riflessione non convenzionale sugli arcana imperii, ed alla classe politica elementi orientativi per una più matura ponderazione delle sue scelte.

 

Pur se è tutto da costruire un contesto sociale culturalmente pronto ad una presenza civica che supporti col consenso èlites capaci di interpretare l’interesse particolare come riflesso dell’interesse generale, l’espansione dei livelli medi d’istruzione lo rende meno lontano rispetto ad un recente passato. E’ perciò che è in prospettiva possibile rendere sempre meno opaco il vetro del Palazzo, anche se – vivendo nella patria di Pareto e Mosca, ove ha anche operato Michels – è noto che la gestione del potere è ristretta e talora familistica; essa però, anche se formalmente non espansa, è oggi più controllabile di un tempo e pertanto, in un sistema di check and balance, sostanzialmente più condizionata.

 

Va da sé che la spinta al coinvolgimento sociale è indotta dalla comunicazione e non dai comunicati: la prima contribuisce alla maturazione del pensiero, i secondi ne consentono la fidelizzazione; la prima è di stimolo all’intelligenza critica, i secondi assecondano la pigrizia mentale nell’ammasso dei cervelli. Essendo una mia limitazione la sconoscenza di un sistema di comunicazione che prescinda dall’uso del linguaggio nelle sue varie forme, sarei grato a chi me ne suggerisca uno alternativo per poter meglio assecondare il disegno formativo di una socialità politica, e fin d’ora ringrazio chi mi rimprovera le prediche (melius, gli scritti pubblicati) ove sia in grado di indicarmelo.

 

E’ in questo ruolo attivo, inteso a rendere i residenti cittadini consapevoli della loro potenzialità democratica e la gestione politica più attenta alla efficienza della sua azione, la mano che ho inteso dare al paese; una mano che non è data da una sommatoria di parole pronunciate perché ci si bei della sua eco, ma da idee e concetti che possano giungere alla società civile e divenire patrimonio del sentire comune per confrontarsi e misurarsi con altre idee e altri concetti onde pervenire ad una migliore sintesi, e permeando la società divengano cultura e da cultura volano di un non effimero sviluppo di sistema. Un diverso modo di dare una mano, in ogni caso ad esso ancillare, né mi è stato richiesto da chicchessia né saprei quale potrebbe essere; non è infatti richiesta credibile quella dell’ignoto tifoso che provocatoriamente mi invita a farmi carico gratis del contenzioso del Comune: vorrei ricordargliene l’entità globale e non gli rigiro l’invito per ciò che attiene alla sua sconosciuta attività per non essere altrettanto stupidamente provocatorio, ma gli suggerisco di leggere, perché si istruisca sul tema, un famosissimo passo di Adam Smith nel basilare saggio sulla ricchezza delle nazioni. E’ tuttavia bene si sappia che non è mio intento quello di disturbare il manovratore, ma quello di sottolineargli quelle difficoltà del percorso di cui riesco ad avvedermi, presumendo sia nell’interesse dei passeggeri che vi presti attenzione: non credo che il neosindaco, che conosco appena e non ho mai frequentato ma che mi sembra una persona ammodo, me ne possa volere. La sua moralità, a quanto mi si dice, è ineccepibile; ed è perciò che, sembrandomi del tutto fuori luogo l’invettiva “contro i moralizzatori” associata ad un “Forza Patto”, gridata al mio indirizzo in maniera compiaciuta da un suo impulsivo tifoso evidentemente dimentico che il successo del Patto è anche dovuto a motivazioni etiche, lascio a lui di bacchettare quel suo sostenitore poco accorto.

 

Se dare una mano è anche sollecitazione a riflettere, mi spiace di non essere riuscito nel mio intento leggendo che il “tifoso superficiale” prende acriticamente per buoni gli annunci senza sottoporli al vaglio della sua intelligenza. Basta leggere le delibere e tenere conto che in 900 giorni (tre anni lavorativi) possono tranquillamente lavorarsi 400 pratiche con un impegno orario medio presumibilmente di circa 4 ore per ognuna (ma più probabilmente anche meno) per sapere che occorrono meno di 200 giorni lavorativi di un libero professionista per disbrigarle e rendersi conto che lui (e non io) avrebbe dovuto approfondire la sua indagine per indurre la reale prevedibile spesa effettiva: è infatti ovvio che ciascun tecnico si attiverà per conseguire il compenso premiale. Se poi sia vero o meno che il costo unitario per le pratiche già esaminate sia stato per il passato superiore, né interessa il tema oggetto di confronto né ho gli elementi per saperlo; so però solo che, se così è stato, esso non ha gravato sulle finanze comunali essendo stato corrisposto attraverso un premio di produttività impropriamente distribuito a pioggia che nel clima lassistico del pubblico impiego sarebbe stato comunque corrisposto con altra causale, e che non verrà certo escluso per il futuro dovendosi aggiungere il suo costo a quello per i tecnici esterni (v. delibera giuntale 81/2015). Mi fermo qui rilevando, per ciò che interessa, solo l’eccentricità di un dibattito sviluppatosi prendendo le mosse da un semplice invito ad una più espansa dazione di incarichi; quale ulteriore contributo al confronto è anche il caso che inviti il mio stroncatore a leggere su Agorà del 22 agosto che gli “incarichi sembrano così appetibili che difficilmente sfuggiranno all’attenzione dei tecnici interessati”. Solo incidentalmente, essendo il suo enunciato fondato sul presupposto che ogni professionista giammai riuscirebbe a lavorare 400 pratiche e percepirebbe di fatto un compenso irrisorio e non appagante, rilevo che se esso fosse corretto per un verso la formulazione del bando sarebbe poco trasparente e sleale nei confronti dei partecipanti mentre per altro verso giustificherebbe ancora più una dazione più espansa degli incarichi per raggiungere l’obiettivo delle 2000 pratiche.

 

Restando in tema, è vero che – come mi ricorda un lettore – nel più generale contesto della spesa dell’Ente, la questione è economicamente marginale e ve ne sono altre di maggiore interesse (tra cui quella citata di un possibile risarcimento milionario per inadempimento che un Assessore presenzialista ha segnalato ad un giornale locale); ma è il caso di sottolineare che nel mio scritto l’attenzione non è rivolta al fatto con riferimento al costo, bensì in quanto indicativo delle modalità di applicazione ad esso del principio della solidarietà sociale, travalicando l’analisi lo scrutinio dell’evento per essere rivolta alla percezione della classe politica egemone di un riferimento ideale dell’attività amministrativa: era questo lo spirito dello scritto e voglio sperare che l’interesse manifestatosi sul tema possa orientare in futuro le scelte politiche.

 

*  *  *  *  *

 

Era per me doveroso chiarire gli aspetti personali del mio impegno, anche nei suoi risvolti familiari su cui si appunta il gossip di chi (s)parla a vanvera, confidando di non doverci più ritornare. Tanto ho voluto affrontare in un discorso deliberatamente organico, dando nel corso del suo sviluppo risposta a tutti coloro che hanno espresso critiche al mio essere tres mechant, non dimenticando coloro che hanno espresso plauso: ringrazio infatti coloro che mi hanno espresso consenso, contribuendo con il loro sostegno ad incoraggiare il mio tentativo; ringrazio coloro che mi hanno espresso dissenso, specie se civile e ragionato, per avermi dato l’occasione per un confronto ed un chiarimento. Resta però ancora insoddisfatta la curiosità del garbato lettore che mi chiede in quali circostanze avrei recuperato la titolazione del mio scritto: non è nel sussiegoso studio del diritto, ma nel mio amato vagabondaggio senza meta tra le lettere e le scienze umane. Trattasi di un modo di dire piuttosto conosciuto dall’attribuzione incerta: secondo alcuni ne è autore Voltaire, secondo altri La Fontaine. Onestamente non lo so e penso non lo sappiano con certezza nemmeno i cultori della letteratura francese. So invece che questi miei interventi hanno un pubblico sempre più vasto di lettori; non posso quindi che sinceramente compiacermene non per me e per una mia presunta vanagloriosa autocelebrazione, ma per la crescente e non inutile partecipazione politica della cittadinanza tutta: perché gutta cavat lapidem.

 

                                                                                              Giovanni Fiorentino


Tanto di cappello anche se è stata dura arrivare alla fine.
Giusti i calcoli sul condono e chi lo deve gestire.
Però, avvocato, anche i bambini sapevano che in tempo di crisi tutti si sarebbero gettati sulle pratiche di condono per campare.
Avverrà un travaso di soldi dalle tasche degli aspiranti al condono in quella dei professionisti e delle casse comunali.
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 13:13

Un superficiale commentatore : ma lei che parla di trasparenza e fa la morale giudicando questo quello e quell'altro può deliziarci e spiegare qualcosa della sua vita? Cosa ha fatto? Per Massa? È già in pensione? Se sì, a che età ci è andato? Chi sa i miei figli quando ci andranno. Forza Patto
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 14:20

caro fiorentino complimenti per come scrivi ma è arrivato il momento di scendere sulla terra e comunicare ai lettori ed elettori un qualcosa di più semplice altrimenti rischi di allontanarti da dalle loro problematiche.
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 14:21

Caro Giovanni,
il dibattito che stai animando con tanta dovizia di argomenti e riflessioni realmente suscita interesse e pone interrogativi.
Sinceramente anche io sono rimasto meravigliato dalla puntualità e competenza di molti commentatori ( purtroppo anonimi ).
Massa Lubrense, tanto cara al comune amico Lello Acone e a noi stessi, è dunque desta e sveglia.
Basta provocare \\" la curiosità dei garbati lettori \\" e dei \\" sommersi \\" commentatori ed ecco avere il sentore, almeno per chi ha le capacità di ascoltare e capire l'umore degli altri, di come vengono valutate certe scelte amministrative o percepiti certi accadimenti.
Posso anche dirti che le tue tiratine misurano anche la signorilità del tuo temperamento in quanto ammantate di citazioni di spessore e sempre senza indicare nomi e cognomi. Evitando così di scadere nel pettegolezzo o nell'odioso personalismo.
Come concludere? Aspettiamo il prossimo.
( L.P.)
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 15:12

Collegandomi all’utente della 14,21 mi viene in mente il grande Massimo Troisi nel film “Ricomincio da tre”, quando, parlando di San Francesco ed i suoi monologhi con gli uccelli, alla fine gli uccellini vedendolo arrivare, sbattendo le ali (sbuffando) scappavano via, e così (concludeva Troisi) nacque la migrazione degli uccelli…….
Ecco, appena si intravede un nuovo intervento, gli utenti lo ignorano e saltano a quello successivo…..
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 16:44

in effetti Fiorentino qualche nome lo ha fatto anche se in risposta e quindi doveva citarli-
Per il resto si vede che cerca di mantenersi al di sopra della polemica bassa-
Comunque le informazione su come si spendono il nostro denaro da qualunque parte viene va bene.
Qualcosa sul disastro metanodotto ed abbruttimento delle stradine con orribili nicchie per allacci?
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 18:59

Complimenti per l'intervento anche se non ho capito perfettamente tutto ma mi scuso per l'ignoranza. Forse con lei condivido solo il fatto di essere andato in anticipo presto, molto presto. Ad maiora
di Utente non registrato, 26/08/2015 - 23:27

Ci fa riflettere certo ma ci fa anche rammaricare il pensiero che gli Italiani ed anche noi massesi abbiamo avuto in mano un paese così bello così pieno di storia e di arte e lo abbiamo quasi distrutto.
Caro Avvocato Massa deve puntare tutto sull'ambiente e paesaggio.
Turismo, gastronomia ed agricoltura di qualità.
Lei è un uomo di legge sul condono avrebbe potuto spendere qualche parola di più sulle pretese del danno ambientale .E' veramente sempre dovuto?
GUTTA CAVAT MASSA LUBRENSE!
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 06:34

Il problema è che le pratiche ci sono, in giacenza ormai da anni!! Questo immobilismo non serve a nessuno, tantomeno ai padroni degli immobili che,con questa situazione in corso non possono neanche venderli!!
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 08:03

UN ALTRO OTTIMO CONTRIBUTO ALLA VITA ECONOMICA E SOCIALE DEL PAESE.
NEGLI ANNI PASSATI SI E' PERDUTO TEMPO.
GLI ELETTORI HANNO GIUSTAMENTE PUNITO I PRECEDENTI AMMINISTRATORI .
LA SPINTA DELL'AVVOCATO GIOVANNI FIORENTINO PUO'ESSERE UTILE PER GLI ATTUALI AMMINISTRATORI CHE NON MI SEMBRA ABBIANO PROGETTI IMPORTANTI IN MENTE.
SUL CONDONO FORSE ERA MEGLIO ASCOLTARLO.
IL DENARO DEI CONTRIBUENTI E' SACRO.
L'ITALIA E' SCIVOLATA PROPRIO PER QUESTA MANCANZA DI RISPETTO PER IL DENARO DEI CITTADINI ONESTI E PER IL PERDONISMO ED IL BUONISMO.
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 08:20

Bene sarebbe meglio maggior sintesi e brevità ma va bene lo stesso. Meglio ragionare alla grande che strisciare terra terra.
di Utente non registrato, 27/08/2015 - 21:05

Caro commentatore delle 14.20 , non voglio fare polemica né devo difendere nessuno ma usare l'anonimato per offendere o lanciare meschini interrogativi sulla vita privata degli altri ( in questo caso del Fiorentino )è un esercizio di pe3ssima educazione e di bassa moralità.
L'anonimato è utile per difendersi dai potenti o per evitare ripercussioni o vendette del potere. Non è onesto usarlo per indagare sulla vita privata e professionale di un cittadino.
Bene ha fatto Lello Acone a pubblicarlo perché adesso saranno \\" mazzate\\" perchè penso che l'avvocato non ha niente da nascondere.
Comunque egregio signore lei è un cittadino esemplare per il fisco, per lavoro,per l'edilizia? Sicuramente non è un abusivo, un evasore, un nullafacente allora perché non si è firmato. Mi scusi.
Lello difende l'anonimato ed è giusto utilizzarlo ma parlando di temi generali no di vicende personali.



______________aggiunto da lello: il dottor Fioremntino è una persone integgerrima e sa difndersi da se dai vigliacchi e dai meschini, in passato mi disse che non docvevo censurare attacchi alla sua persona coem ho fatto adesso e di certo saprà rispondere
di Utente non registrato, 28/08/2015 - 18:51

Sulla gestione del condono e sui conti comunale il dott. Avv. Fiorentino ha fatto bene a svelare i dati in modo tale che noi cittadini di Massa Lubrense ci facciamo una idea di come vengono utilizzati i nostri risparmi, spesso sudati, sottrattici dalle tasse, spesso ingiuste.
Il tizio che cerca di distrarre dagli argomenti reali o è un interessato ( un professionista dell'edilizia )o è un politicante infastidito.
Lui paga le tasse? o passa la giornata dietro una scrivania pagato da noi.
Avvocato non molli per amor di Dio.
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 06:15

A chi da fastidio Fiorentino?
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 07:57

Intanto, bisogna plaudire all'avvocato Fiorentino,che intavola sempre discussioni utili a tutti i Cittadini, entrando delle volte nel nocciolo della questione e ponendo più che giusti interrogativi, specialmente quando fa riferimento ad alcuni "modus operandi", leciti o meno.Detto questo, come ho più volte detto all'Amico Acone, ci può stare che qualche "anonimo" ribadisca una sua opinione in merito agli appunti di chi scrive, lecito o meno,però sarebbe opportuno che l'opinione di costoro facesse riferimento ai punti posti in discussione e non divenisse quindi il "post" un'area riservata al gossip.Credo, nella mia ignoranza, che l'Avvocato non avrà problemi a rispondere all'anonimo interlocutore, ma ricordo a quest'ultimo che non ha posto nessun interrogativo su quanto l'Avvocato Fiorentino scriveva.Anche l'Avvocato Fiorentino ha dei figli che non sanno se prenderanno la pensione, quindi?

Arturo Terminiello
di Arturo Terminiello, 29/08/2015 - 11:15

Dovendo essere la mia risposta al mio anonimo interrogante ampiamente satisfattiva, l’ho inviata per mail a Lello Acone da ieri per la pubblicazione; quindi solo per qualche disguido non è stata finora pubblicata. Ove non fosse, la porrò in calce al mio prossimo intervento che stavolta affronterà risvolti pratici sui quali mi piacerebbe un maggiore coinvolgimento costruttivo dei cittadini, anche se critico. Rassicuro quindi i lettori sulla mia persistente reattività, che la canea dell’esagitato twitter non ha fiaccato; al tempo stesso colgo l’occasione per ringraziare per la sensibilità e l’intelligenza della situazione, oltre che Lello Acone, i due anonimi ed il sig. Arturo Terminiello (che avrei piacere di conoscere). Resto tuttavia sorpreso del silenzio del “Patto” e di suoi e-sponenti; probabilmente la loro matrice cristiana si ferma alla lettura delle preghiere senza inoltrarsi in quella del Vangelo di Matteo ed alla metafora della separazione del grano e del loglio. Giovanni Fiorentino
di Utente non registrato, 29/08/2015 - 13:31


Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Area Marina all'EXPO di MIlano: un successo per t




Ricevo, e, come sempre grato per l'attenzione, pubblico l'ultimo Comunicato stampa dell'Area marina protetta sulla partecipazione della stessa all'EXPO di Milano dove ha ottenuto un grande sucecsso di partecipazione e curiosoità da parte di Visitatori di Tutto il mondo che hanno potuto guardare ed apprezzare le nostre belelzze. Questo il comunicato:

Punta Campanella, un successo la presenza ad EXPO 2015 

Migliaia di visitatori nel Padiglione Biodiversity Park all'Esposizione Universale di Milano.  

6826 visitatori in una settimana, di cui 4589 italiani e 2237 stranieri. E' stata un successo la settimana dedicata alle  Aree Marine Protette ad EXPO 2015. Presente anche Punta Campanella che, insieme ad altre 2 aree marine protette, ha rappresentato il sistema italiano di tutela e valorizzazione del mare, presente nel Padiglione Biodiversity Park allestito dal Ministero dell'Ambiente dal 14 al 20 agosto.
 Le aree marine hanno presentato  brochure che riportano informazioni sulle tre tematiche chiavi delle istituzioni delle aree marine protette: biodiversità, turismo e pesca. Esposto  reperti marini e  ricerca delle specie aliene, con la visione di  audio-video in 4D , 2D e scorrimento di immagini delle specie marine e delle coste delle aree marine protette d’Italia.
L’allestimento dello spazio  è stato centrato sull'utente, coinvolto attivamente nella tematica mare. La proposta delle AMP ha aperto dialoghi con i visitatori: dalle semplici osservazioni sulle uova di murici, alla conservazione in buona salute della Posidonia oceanica, sino alle analisi dell’impatto delle specie aliene introdotte nel Mediterraneo.  Nonostante la prima area marina in Italia sia stata istituita nel 1986 , le AMP sono state una scoperta per tanti visitatori, sia per gli obiettivi perseguiti che per le attività offerte. Il  padiglione è stato visitato da persone di tutte le età. Un importante argomento trattato, in coerenza con l’obiettivo di EXPO 2015 “nutrire il pianeta", è stato quello della spesa consapevole. Il cittadino deve essere un attento consumatore, deve preferire specie eccedentarie, pesce azzurro, a specie protette, per dare la possibilità a queste di poter aumentare in numero di individui per specie per mantenere l’ equilibrio dell’ecosistema marine. Molte sono state le domande sulle specie di meduse presenti nel Mediterraneo e  sull'aumento in numero in questi ultimi anni.
Punta Campanella, con i suoi scenari mozzafiato e la sua ricca biodiversita', ha destato molta attenzione e attirato numerosi visitatori. Una importante promozione internazionale per tutto il territorio della costiera.

Massa Lubrense, 25\\08\\2015



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Forse è pure per questo...


Forse è pure per quando ricevo messaggi così che vado avanti con le mie pagine:

Ciao Lello,
navigando su internet per avere informazioni su Massa Lubrense ho trovato il tuo sito: complimenti, molto utile!

Ti scrivo per un'informazione un po' strana, forse puoi aiutarmi: a Marciano ci sono zone parcheggio? Mi sposo nella magnifica chiesa di sant'Andrea Apostolo, e mi chiedevo se nei dintorni c'è uno spazio che potrebbe essere adibito a parcheggio per gli ospiti.
Grazie!

(mail firmata)

p.s. ho già risposto all'amica



Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Dove le parole finiscono inizia la musica...
Questo lo slogan creato dagli amici di Marciano che fa da sfondo alla locandina dell'evento da Loro organizzato il prossimo 31 agosto sulla piazzetta antistante la Chiesetta della Frazione affacciato su Capri ed il golfo. Siamo tutti invitati al magico evento!





Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati

Fino al 31 alla pro Loco di Massa...
........potrete ammirare i capolavori degli amici Antonio Grazioli, il caro professore, che tutte le estate organizza momenti di sano divertimento e passione per i nostri bambini alla Chiaia organizzando la mostra all'aperto dei Loro disegni (clicca qui per il bello che si svolge laggiù) e della nostra amica Pinella Esposito che non sapevo fosse un'artista eccezionale. Siamo tutti invitati ad ammirarli!






Nota: Lasciando un commento come Utente non Registrato, esso sarà posto al vaglio dagli amministratori e visualizzato solo dopo l'approvazione. È quindi normale che un commento inserito senza registrarsi non compaia subito ed è inutile reinserirlo. Per ovviare a questa limitazione

Registrati